[gtranslate] TRUMP, LA CORTE SUPREMA DECIDERÀ AD APRILE SULL'IMMUNITÀ DEGLI EX PRESIDENTI DA PROCEDIMENTI GIUDIZIARI - WHAT-U

people on a election parade on a street

Il verdetto della Corte Suprema americana che dovrà decidere una questione giuridicamente non verificata ossia se gli ex presidenti sono immuni da procedimenti giudiziari per gli atti ufficiali che compiono in carica è stato fissato per la fine di aprile. L’annuncio di mercoledì è stato una vittoria per Trump il cui obiettivo era quello di ritardare il procedimento penale che lo accusava di aver complottato per ribaltare i risultati delle elezioni del 2020. L’azione introduce un’immediata incertezza nel calendario giuridico e politico dei prossimi mesi. Ciò potrebbe significare che le elezioni di questo autunno potrebbero svolgersi senza che a una giuria venga mai chiesto di decidere se Trump è penalmente responsabile dei tentativi di annullare un’elezione persa nelle settimane precedenti la violenta rivolta del 6 gennaio 2021 al Campidoglio degli Stati Uniti. Dei quattro casi penali che Trump si trova ad affrontare , l’unico con una data di processo che sembra pronta a tenersi è un procedimento giudiziario dello stato di New York che lo accusa di falsificazione di documenti aziendali in relazione a pagamenti in denaro nascosto a una porno star, che dovrebbe iniziare a fine marzo. Se il processo possa iniziare prima delle elezioni è un punto ancora molto dibattuto. Se la corte respinge la richiesta di immunità di Trump, la tempistica della decisione dei giudici sarà cruciale per determinare se è possibile che il caso arrivi ai giurati prima di novembre. La decisione dei giudici di accelerare il caso significa che un processo potrebbe potenzialmente iniziare entro la fine dell’estate o l’inizio dell’autunno se l’Alta Corte decidesse rapidamente che Trump può essere perseguito. Ma se la corte aspetta settimane per emettere la sua sentenza, non è chiaro se il caso potrà essere programmato o completato prima delle elezioni. Il processo probabilmente durerà mesi, il che significa che potrebbe rischiare di scontrarsi con le elezioni se non inizieranno entro agosto. La squadra del consulente speciale Jack Smith ha affermato che il caso del governo non dovrebbe durare più di quattro-sei settimane, ma ciò non include l’eventuale difesa che Trump potrebbe opporre. E la sola selezione della giuria potrebbe richiedere settimane.

La Corte Suprema ha agito rapidamente in altri casi consequenziali. Nel caso dei nastri Watergate del 1974, la corte emise una decisione appena 16 giorni dopo aver ascoltato le argomentazioni. La decisione nel caso Bush v. Gore arrivò il giorno dopo le discussioni nel dicembre 2000. La questione giuridica in gioco non ancora verificata che dovrà affrontare la Corte Suprema sarà quella di decidere se gli ex presidenti sono immuni da procedimenti giudiziari per gli atti ufficiali che compiono in carica. La questione è nuova poiché nessun ex presidente, prima di Trump, era mai stato accusato di un crimine. La Corte Suprema ha già affermato che i presidenti sono immuni dalla responsabilità civile per atti ufficiali.

Cosa potrebbe decidere la Corte Suprema?

I giudici ascolteranno le argomentazioni nella settimana del 22 aprile e poi probabilmente si incontreranno in privato poco tempo dopo per esprimere un voto preliminare sull’esito. Il presidente della Corte Suprema John Roberts sarebbe il candidato principale per assumere il parere della corte, supponendo che sia in maggioranza. La rapidità con cui la corte si muoverà da quel punto potrebbe dipendere da quanto accordo ci sarà tra i giudici. Le opinioni unanimi richiedono quasi sempre meno tempo per essere scritte rispetto a quelle che dividono nettamente la corte. Mercoledì i giudici hanno detto che valuteranno “se e, in tal caso, in che misura un ex presidente gode dell’immunità presidenziale dai procedimenti penali per comportamenti presumibilmente implicanti atti ufficiali durante il suo mandato”. Se la corte confermasse la sentenza della corte d’appello e Trump risultasse non immune dall’azione giudiziaria, il tempo ricomincerebbe con i preparativi del processo. Ma i giudici potrebbero anche dire che gli ex presidenti mantengono una certa immunità per le loro azioni ufficiali. E un risultato del genere stabilirebbe dei confini che limiterebbero i futuri procedimenti giudiziari e scoraggerebbe eventuali persecuzioni vendicative nei suoi confronti degli oppositori politici che secondo gli avvocati dell’ex presidente hanno alzato molto l’asticella. E poi se i giudici ribaltassero la decisione del tribunale di grado inferiore, dichiarerebbero per la prima volta che gli ex presidenti non potranno essere perseguiti per condotta relativa ad atti ufficiali durante il loro mandato. E una decisione del genere fermerebbe l’azione giudiziaria. Se invece i giudici si pronunciassero contro Trump e a favore del governo, il caso verrebbe restituito a Chutkan, il giudice del processo, che avrebbe quindi il potere di riprendere il procedimento e fissare una data del processo. Ma l’inizio del processo sarebbe ancora lontano mesi, in parte a causa della decisione di Chutkan dello scorso dicembre di congelare di fatto il caso in attesa dell’esito dell’appello di Trump. Ciò significa che le controversie legali pendenti, rimaste irrisolte per mesi, torneranno ad essere al centro dell’attenzione, per non parlare delle nuove discussioni e delle battaglie giudiziarie che devono ancora emergere, ma che comunque occuperanno tempo sul calendario.

Perché Trump vuole ritardare il processo?

La tempistica del processo – e se Trump sarà costretto a sedere in un’aula di tribunale di Washington nelle settimane precedenti le elezioni – comporta enormi implicazioni politiche. Se Trump si assicurasse la nomination repubblicana e sconfiggesse Biden a novembre, potrebbe potenzialmente provare a ordinare a un nuovo procuratore generale di archiviare i casi federali contro di lui o potrebbe anche chiedere la grazia per se stesso, anche se questa è una proposta legalmente non testata. Il team di Smith non ha menzionato l’elezione nella sua richiesta alla Corte Suprema di respingere il tentativo di Trump di ritardare ulteriormente il caso. Ma i pubblici ministeri hanno sottolineato che il caso ha “un’importanza nazionale unica”, aggiungendo che “il ritardo nella risoluzione di queste accuse minaccia di minare l’interesse pubblico per un verdetto rapido ed equo”. Trump, nel frattempo, ha accusato Smith di aver tentato di portare il caso in tribunale per motivi politici. Gli avvocati di Trump hanno dichiarato alla Corte Suprema nella loro istanza che tenere il processo “al culmine della stagione elettorale interromperà radicalmente la capacità del presidente Trump di fare campagna contro il presidente Biden – il che sembra essere il punto centrale delle persistenti richieste di spedizione da parte del procuratore speciale”.

Vero è però che nel frattempo Trump, dopo aver vinto le primarie repubblicane della Carolina del Sud, sta guadagnando sempre più terreno per tornare alla Casa Bianca. Ed è amato per quel suo piglio imprenditoriale sicuro, da una buona fetta di americani che continuano a criticare Biden per i reiterati aiuti all’Ucraina (e non solo) che hanno avuto e hanno un peso non indifferente nel bilancio economico degli Stati Uniti. Trump parlando della Russia e dell’Ucraina non si è mai sbilanciato con sentenze in favore o a sfavore né dell’una né dell’altra, ma ha affermato che se fosse eletto farebbe finire il conflitto tra Russia e Ucraina in un giorno. Un’affermazione che ovviamente non ha lasciato indifferente Zelensky che nel corso di un’intervista alla CNN al termine di un fine settimana in cui l’Ucraina ha celebrato il secondo anniversario dell’invasione della Russia ha replicato dicendo: “Trump non capisce gli obiettivi di Putin. Penso che Donald Trump non conosca Putin. So che lo ha incontrato… ma non ha mai litigato con Putin. (L’) esercito americano non ha mai combattuto con l’esercito russo. Mai… io ho una visione più chiara di tutto. Non credo che capisca che Putin non si fermerà mai”. E proprio perché il Congresso degli Stati Uniti continua a temporeggiare sul pacchetto di aiuti militari da 60 miliardi di dollari decisi dal presidente Joe Biden per l’Ucraina, le affermazioni di Trump fanno ancora più paura a Zelensky che ha di nuovo affermato che senza l’aiuto degli Stati Uniti, l’Ucraina non solo farà fatica a ottenere nuove conquiste sul campo di battaglia, ma quest’anno avrà anche difficoltà a continuare a difendersi.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY