[gtranslate] IL PE APPOGGIA LA MOGLIE DI NAVALNY. E PUTIN LANCIA UNA MINACCIA NUCLEARE - WHAT-U

EP Plenary session – Debate – Statement by the VPC/HR – The current situation in the Eastern Democratic Republic of Congo

Il Parlamento europeo ha condannato fermamente l’omicidio di Alexei Navalny offrendo il suo pieno sostegno a Yulia Navalnaya a continuare il suo lavoro. In una risoluzione non vincolante adottata giovedì con 506 voti favorevoli, 9 contrari e 32 astensioni, i deputati hanno sottolineato che la piena responsabilità penale e politica della morte dell’attivista ricade sullo Stato russo e in particolare sul suo presidente Vladimir Putin, che dovrebbe esserne ritenuto responsabile sottolineando che l’uccisione di Navalny è un altro segno della crescente e sistematica repressione in Russia. Da qui la richiesta di un’indagine internazionale indipendente e trasparente sul suo omicidio al fine di scoprire la verità e garantire giustizia. “Il sistema politico russo è controllato”, si legge nella risoluzione, “da un regime autoritario consolidato con una corruzione dilagante che utilizza elezioni truccate come una parvenza di democrazia e concentra tutto il potere nelle mani di Vladimir Putin”.

Sostenere l’opposizione democratica in Russia

Sottolineando che il popolo russo non può essere confuso con “il regime guerrafondaio, autocratico e cleptocratico del Cremlino”, i deputati esprimono la loro solidarietà a tutti coloro che, nonostante la repressione brutale e le gravi conseguenze personali, continuano a trovare il coraggio di dire la verità.

“Alexei Navalny ha incarnato la lotta per la libertà della Russia e per la democrazia in Russia con il suo sogno di una ‘”‘bella Russia del futuro'”, hanno detto i deputati, invitando l’UE e i suoi Stati membri a continuare a mostrare una solidarietà infallibile e a sostenere attivamente la società civile russa indipendente e l’opposizione democratica. Esortano inoltre gli Stati membri a intensificare i loro sforzi per trovare modi possibili per liberare coloro che soffrono la detenzione e la repressione, in particolare i prigionieri politici che sono malati o hanno subito torture, compresa l’opzione di possibili scambi di detenuti.

Il sostegno all’Ucraina è la migliore risposta al Cremlino

“Dall’inizio dell’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte della Russia nel 2022, le autorità russe hanno aumentato la repressione delle voci di opposizione nel paese”, hanno ribadito i deputati, che vogliono che l’UE, i suoi Stati membri e partner in tutto il mondo continuino il sostegno politico, economico, finanziario e militare all’Ucraina come la migliore risposta alle attuali pratiche aggressive del regime del Cremlino. “La vittoria decisiva dell’Ucraina può portare a veri e propri cambiamenti nel sistema nella Federazione russa, in particolare alla sua deimperializzazione, decolonializzazione e rifederalizzazione, tutte condizioni necessarie per l’instaurazione della democrazia in Russia”. Infine, il Parlamento ha invitato la Commissione e in particolare il Servizio europeo per l’azione esterna a sviluppare una politica strategica proattiva e a lungo termine nei confronti della Russia che risponda efficacemente alla realtà delle relazioni UE-Russia oggi, alla situazione dei diritti umani in Russia e alle esigenze di sostegno della società civile russa e dei rappresentanti dell’opposizione in esilio.

Il presidente Vladimir Putin rivolgendosi a un pubblico di alti funzionari in un discorso trasmesso in diretta a livello nazionale, ha affermato che la Russia “sta difendendo la sua sovranità e sicurezza e proteggendo i suoi compatrioti”. Poi ha parlato della cosiddetta “operazione militare speciale” in Ucraina sottolineando che ha goduto del sostegno della maggior parte dei cittadini russi, anche se nuovi sondaggi mostrano che il sostegno del popolo russo in realtà ora sta crollando. Putin ha anche ribadito che qualsiasi “minaccia” occidentale contro la Russia avrebbe conseguenze catastrofiche, lasciando intendere che la Russia possiede potenti armi nucleari. Questo in risposta a quanto affermato dal presidente francese Emmanuel Macron che all’inizio di questa settimana, ha detto che secondo cui il futuro dispiegamento di truppe di terra occidentali in Ucraina non dovrebbe essere “escluso”. Facendo infuriare il presidente russo, la cui risposta non è tardata ad arrivare ed è stata molto eloquente.  Putin infatti non ha perso l’occasione di sottolineare che ciò porterebbe a conseguenze “tragiche” per i paesi che decidono di sfidarlo. Uno scivolone da parte di Macron che poteva essere evitato visto che fino ad oggi nessun Paese si è mai spinto a sfidare così tanto Putin. Tenuto conto che il presidente russo, 71 anni, che si presenta come candidato indipendente alle elezioni presidenziali del 15-17 marzo, di fatto combatte combatte senza figure degne di nota dell’opposizione.

L’incontro tra Meloni e Biden

Il presidente del Consiglio Giorgia Meloni in qualità di presidente del G7, ieri 1 marzo, ha incontrato Biden. Nell’ambito delle missioni di presentazione delle priorità della Presidenza italiana del G7 per il 2024, il Presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, ha avuto oggi a Washington un incontro bilaterale con il Presidente degli Stati Uniti d’America, Joseph R. Biden. L’incontro ha permesso di fare un punto sull’eccezionale stato delle relazioni bilaterali tra le due Nazioni, nel solco della Dichiarazione congiunta dello scorso luglio. La discussione ha messo in luce gli approcci condivisi alle più pressanti sfide globali. Tra i primi argomenti affrontati, la crisi in Medio Oriente per la quale secondo la Meloni “Italia e Usa devono coordinare le reciproche azioni per evitare un’escalation. La crisi umanitaria è la nostra priorità numero uno. Su questo l’Italia sta concentrando il suo contributo. Nel frattempo, stiamo collaborando con tutti gli attori regionali che devono prendere parte a qualsiasi risultato futuro. Dovremmo lavorare insieme su passi concreti per garantire la prospettiva dei due Stati, che è l’unica soluzione sostenibile a lungo termine. E poi, gli attacchi degli Houthi alle navi mercantili che mettono in pericolo la libertà di navigazione nel Mar Rosso sono inaccettabili. L’operazione navale europea Aspides, che, come sapete, è sotto il comando tattico italiano, è una risposta importante all’interruzione del transito attraverso il Mar Rosso”. Meloni poi ha aggiunto: “L’Italia nel Mediterraneo avrà un ruolo decisivo. Il G7 presterà particolare attenzione anche al continente africano. Ne abbiamo discusso molte volte, perché penso che dobbiamo ricordare che l’Africa non è un continente povero; è, al contrario, incredibilmente ricco di risorse umane e materiali, ma è stato a lungo trascurato e sfruttato con approccio predatorio. Voglio invertire insieme a voi questo approccio, che è anche una delle cause profonde della crisi migratoria. Dobbiamo sostenere lo sviluppo dell’Africa su base paritaria e porre fine alla migrazione illegale combattendo al tempo stesso la tratta di esseri umani. La tratta di esseri umani è diventata il crimine finanziariamente più remunerativo a livello globale e non possiamo più accettarlo. Per questo motivo sono venuto qui oggi anche con la proposta di lanciare un’alleanza globale contro i trafficanti di esseri umani”. Al G7 si parlerà anche di intelligenza artificiale. “L’intelligenza artificiale è un mezzo, può essere buono o cattivo, dipende dalla nostra capacità di governarlo, di fronteggiare i rischi e l’impatto che può avere”, ha concluso la premier italiana.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY