[gtranslate] STORMY DANIELS ACCUSA TRUMP DI AVERLE DATO DEI SOLDI PER TACERE, MA LEI FU LA PRIMA A FARE CASSA SUL LORO FUGACE INCONTRO - WHAT-U

Martedì scorso 7 maggio, l’ex attrice porno Stormy Daniels, è salita sul banco dei testimoni al tribunale penale di Manhattan, a New York, e ha preso la parola nel processo contro Donald Trump raccontando il periodo precedente all’incontro con l’ex presidente e poi i dettagli del loro presunto incontro sessuale durante un torneo di golf a Lake Tahoe, in Nevada, per il quale la donna ha successivamente raccontato di avere ricevuto dei soldi per mantenerlo segreto. I pubblici ministeri sostengono che Trump abbia pagato la Daniels per non diffondere notizie di quell’incontro mentre si candidava alla presidenza nel 2016 falsificando la contabilità aziendale. Trump invece ha sempre negato di aver fatto sesso con la Daniels e i suoi avvocati hanno cercato, senza successo, di ottenere l’annullamento del processo a metà della sua testimonianza per porre fine a quello che hanno definito un linciaggio mediatico mai perpetrato prima contro un ex presidente americano.

L’accusa è incentrata su un pagamento di 130.000 dollari versati alla Daniels da parte dell’allora avvocato di Trump, Michael Cohen, nelle ultime settimane della campagna di Trump del 2016. I pubblici ministeri affermano che faceva parte di un piano per influenzare illegalmente la campagna seppellendo storie negative sul suo conto. Gli avvocati di Trump invece dicono che l’intento del presidente era ed è solo proteggere la sua reputazione e quella sua famiglia – non la sua campagna – da storie imbarazzanti sulla sua vita personale.

La Daniels, il cui vero nome è Stephanie Clifford , che ha alle spalle più di 150 film porno girati da protagonista, ha detto di aver incontrato e chiacchierato per la prima volta con Trump durante una gita di golf di celebrità sul Lago Tahoe nel 2006, dove il suo studio era uno degli sponsor. Poi i due si sono rivisti in prossimità delle elezioni del 2016 ed è stato in quel frangente che l’ex presidente ha chiesto alla sua guardia del corpo di procurarsi il numero di telefono della donna. L’incontro tra i due è avvenuto in un attico dove la donna pensava si potesse discutere di aspetti commerciali e non di trovarsi coinvolta in questioni di sesso. Questo perché lei sperava, che l’ex presidente, potesse farla entrare nel cast del programma televisivo, The Apprentice, un’opportunità importante per lei per a suo avviso l’avrebbe resa più nota come scrittrice e regista. Invece quando è uscita dal bagno ha detto di essere rimasta sorpresa nel trovare Trump in mutande. Imbarazzata ha poi raccontato di avere cercato di uscire dalla stanza, e seppure non sia stata minacciata fisicamente o verbalmente da lui, ha detto di avere avuto difficoltà a farlo perché Trump che si era messo davanti a lei  ed essendo “più grande, le bloccava la strada”, ha testimoniato. I due successivamente sono finiti sul letto e hanno fatto sesso. Alla Daniels è poi stato chiesto se Trump le avesse mai detto di mantenere riservate le cose tra loro e lei ha risposto: “Assolutamente no”. Poi la donna ha raccontato che nel 2011 una rivista che aveva saputo del loro incontro, le aveva chiesto di fare un’intervista per 15.000 dollari. Lei accettò, ma poi la storia non fu mai pubblicata. Nel 2016, quando Trump si candidò alla presidenza, la Daniels ha dichiarato di aver autorizzato il suo manager a diffondere la storia, senza però sollevare l’interesse da parte delle testate giornalistiche. La situazione è cambiata nell’ ottobre di quell’anno quando Trump ospite del programma tv Access Hollywood, si è vantato di conquistare sessualmente le donne senza chiedere il permesso. Ovviamente gli avvocati di Trump hanno cercato di attaccare la credibilità di Daniels, suggerendo che fosse motivata dal denaro ricordando che la donna doveve all’ex presidente centinaia di migliaia di dollari in spese legali derivanti da una causa per diffamazione fallita.

Trump in tribunale

Trump ha parlato spesso al suo avvocato durante la testimonianza della Daniels, e la sua espressione è apparsa ad un certo punto addolorata mentre lei raccontava i dettagli della cena che lei ha detto di avere condiviso con lui. Il fatto che lui abbia più volte scosso la testa e manifestato molta insofferenza, ha fatto innervosire il giudice che ha detto ai suoi avvocati durante una conversazione laterale – fuori dalla portata della giuria e del pubblico – che sentire Trump “imprecare in modo udibile” non era per lui tollerabile. All’uscita dal tribunale, Trump ha definito “la giornata molto rivelatrice”. Non ha parlato esplicitamente della testimonianza della Daniels, ma ha affermato che le sue accuse stavano “totalmente andando in pezzi”.

L’accusa della Daniels fa acqua da tutte le parti

Che la Daniels più volte abbia dimostrato di volere fare cassa con questa storia è un dato di fatto. Come è anche chiaro a molti che la donna accettando l’incontronell’attico fosse conscia che in quel luogo non avrebbe trattato nel caso solo questioni di lavoro. Ora toccherà al giudice tirare le fila della questione. Ma i dubbi sulla buona fede della Daniels sono davvero tanti.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY