[gtranslate] ISRAELE SI STA PREPARANDO A UNA NUOVA OFFENSIVA MILITARE NEL NORD DI GAZA COSTRINGENDO MIGLIAIA DI PERSONE A FUGGIRE - WHAT-U

Oggi Israele ha ordinato nuove evacuazioni nella città di Rafah, nel sud di Gaza, costringendo altre decine di migliaia di persone ad andarsene mentre si preparava ad espandere la sua operazione militare più in profondità in quello che è considerato l’ultimo rifugio di Gaza, a dispetto della crescente pressione da parte degli Stati Uniti. L’OMS è profondamente preoccupata che un’operazione militare su vasta scala a Rafah possa portare a un bagno di sangue. Più di 1,2 milioni di persone si trovano attualmente rifugiate nell’area, molte delle quali non possono spostarsi altrove. Una nuova ondata di sfollamenti aggraverebbe il sovraffollamento, limitando ulteriormente l’accesso al cibo, all’acqua, ai servizi sanitari e igienico-sanitari, portando a un aumento delle epidemie, a un peggioramento dei livelli di fame e a ulteriori perdite di vite umane.  Solo il 33% dei 36 ospedali di Gaza e il 30% dei centri sanitari di base sono in qualche modo funzionanti tra ripetuti attacchi e carenza di forniture mediche vitali, carburante e personale. Nell’ambito degli sforzi di emergenza, l’OMS e i suoi partner stanno lavorando urgentemente per ripristinare e rianimare i servizi sanitari, anche attraverso l’espansione dei servizi e il preposizionamento delle forniture, ma il sistema sanitario distrutto non sarebbe in grado di far fronte a un’ondata di vittime e decessi che causerebbe un’incursione a Rafah. I tre ospedali (Al-Najjar, Al-Helal Al-Emarati e Kuwait) attualmente parzialmente operativi a Rafah diventeranno insicuri per essere raggiunti da pazienti, personale, ambulanze e operatori umanitari quando le ostilità si intensificheranno nelle loro vicinanze e, di conseguenza, rapidamente diventare non funzionali. Anche l’ospedale europeo di Gaza nella zona est di Khan Younis, che attualmente funziona come ospedale di riferimento di terzo livello per pazienti critici, è vulnerabile in quanto potrebbe diventare isolato e irraggiungibile durante l’incursione. Detto questo, al sud rimarranno sei ospedali da campo e l’ospedale di Al-Aqsa nella zona centrale, che fungerà da unico ospedale di riferimento. Nell’ambito degli sforzi di emergenza in corso, l’OMS, i partner e il personale ospedaliero hanno completato la prima fase di restauro del Nasser Medical Complex, compresa la pulizia e la garanzia del funzionamento delle attrezzature essenziali. Il pronto soccorso, nove sale operatorie, l’unità di terapia intensiva, il reparto di maternità, l’unità di terapia intensiva neonatale e l’ambulatorio sono ora in parte funzionanti e vi lavorano personale nazionale e squadre mediche di emergenza. Per alleviare il carico sugli ospedali, l’OMS e i suoi partner stanno istituendo ulteriori centri sanitari primari e punti medici a Khan Younis, nell’area centrale e nel nord di Gaza, nonché preposizionando forniture mediche per consentire a queste strutture di rilevare e trattare le malattie trasmissibili e non trasmissibili. malattie e gestire le ferite. Un nuovo ospedale da campo è in costruzione ad Al Mawasi a Rafah.  Un grande magazzino dell’OMS è stato allestito a Deir al Bala e un volume considerevole di forniture mediche è stato spostato lì dai magazzini dell’OMS a Rafah poiché potrebbero diventare irraggiungibili durante l’incursione. Queste misure contribuiranno a garantire il rapido movimento dei rifornimenti a Khan Younis, nella zona centrale e nel nord di Gaza, quando necessario. Nel nord, l’OMS e i suoi partner stanno intensificando gli sforzi per rifornire ed espandere i servizi negli ospedali Kamal Adwan, Al-Ahli e Al-Awda, oltre a sostenere il trasferimento di pazienti molto malati negli ospedali dove possono ricevere le cure di cui hanno bisogno per sopravvivere. Sono inoltre in corso progetti per sostenere il ripristino dell’Ospedale Amico dei Pazienti, concentrandosi sui servizi pediatrici.   Purtroppo mentre le proteste filo-palestinesi continuano contro la guerra , l’esercito israeliano ha affermato che si sta muovendo in un’area devastata nel nord di Gaza, dove ha affermato che il gruppo militante di Hamas si è riorganizzato dopo sette mesi di combattimenti.Israele ha ora evacuato il terzo orientale di Rafah, e il principale portavoce militare, il contrammiraglio Daniel Hagari, ha detto che dozzine di militanti sono stati uccisi lì mentre “le operazioni mirate continuavano”. Le Nazioni Unite hanno avvertito che la prevista invasione su vasta scala di Rafah paralizzerebbe ulteriormente le operazioni umanitarie e causerebbe un aumento delle morti civili. Rafah confina con l’Egitto vicino ai principali punti di ingresso degli aiuti, che già sono colpiti. Le truppe israeliane hanno catturato il lato di Gaza del valico di Rafah, costringendolo a chiuderlo. L’Egitto ha rifiutato di coordinarsi con Israele sulla consegna degli aiuti attraverso il valico a causa “dell’inaccettabile escalation israeliana”, ha riferito il canale televisivo statale Al Qahera News, citando un anonimo funzionario.

Gli Stati Uniti affermano che l’uso di armi americane da parte di Israele probabilmente ha violato il diritto internazionale, ma le prove sono incomplete

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha detto che non fornirà armi offensive a Israele per Rafah. Venerdì, la sua amministrazione ha affermato che c’erano prove “ragionevoli” che Israele avesse violato il diritto internazionale che protegge i civili. In risposta, Ophir Falk, consigliere per la politica estera del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu , ha dichiarato all’Associated Press che Israele agisce in conformità con le leggi sui conflitti armati e che l’esercito adotta ampie misure per evitare vittime civili, compreso l’allarme telefonico sulle operazioni militari. chiamate e messaggi di testo. Più di 1,4 milioni di palestinesi – metà della popolazione di Gaza – si sono rifugiati a Rafah, la maggior parte dopo essere fuggiti dalle offensive israeliane altrove. Le ultime evacuazioni stanno costringendo alcuni a ritornare al nord, dove le aree sono devastate dagli attacchi precedenti. Le agenzie umanitarie stimano che 110.000 se ne fossero andati prima dell’ordine di sabato che ne aggiunge 40.000. Molte persone sono state sfollate più volte. Sono rimasti pochi i posti dove andare. Alcuni palestinesi vengono inviati in quelle che Israele ha definito zone umanitarie sicure lungo la fascia costiera di Muwasi, che è già piena di circa 450.000 persone in condizioni squallide. Il nord di Gaza è stato il primo obiettivo dell’offensiva di terra israeliana lanciata dopo che Hamas e altri militanti hanno attaccato il sud di Israele il 7 ottobre, uccidendo circa 1.200 persone, per lo più civili, e prendendo altri 250 in ostaggio. Detengono ancora circa 100 prigionieri e i resti di più di 30. Sabato Hamas ha detto che l’ostaggio Nadav Popplewell era morto dopo essere stato ferito in un attacco aereo israeliano un mese fa, ma non ha fornito prove. Secondo il Ministero della Sanità di Gaza, che nelle sue cifre non fa distinzione tra civili e combattenti, i bombardamenti e le offensive di terra di Israele hanno ucciso più di 34.800 palestinesi, per lo più donne e bambini. Una strage che non sembra avere fine tenuto conto anche del fatto che Israele accusa Hamas delle vittime civili, accusandola di radicarsi in aree residenziali densamente popolate. Le autorità civili di Gaza hanno fornito maggiori dettagli sulle fosse comuni annunciate in precedenza dal Ministero della Sanità presso l’ospedale di Shifa, il più grande nel nord di Gaza e bersaglio di una precedente offensiva israeliana. Le autorità hanno affermato che la maggior parte degli 80 corpi erano pazienti morti per mancanza di cure. L’esercito israeliano ha affermato che “qualsiasi tentativo di incolpare Israele per aver seppellito civili in fosse comuni è categoricamente falso”. Decine di migliaia di persone hanno partecipato all’ultima protesta antigovernativa in Israele sabato sera, mentre crescevano le pressioni su Netanyahu affinché raggiungesse un accordo. Che lui non vuole raggiungere evidentemente evidentemente per salvare solo se stesso.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY