[gtranslate] NUOVI BOMBARDAMENTI SU GAZA, IL BILANCIO DELLE VITTIME PALESTINESI HA OLTREPASSATO QUOTA 35.000 - WHAT-U

aerial view of dirt road on desert
Photo by FADI ABUQARE on Pexels.com

Nelle prime ore di stamattina, dopo una notte di pesanti bombardamenti aerei e terrestri, nel corso dei quali sono rimaste uccise19 persone e ferite altre decine, Israele, secondo quanto riferito da alcuni sanitari, ha inviato carri armati nella zona orientale di Jabalia, nel nord della Striscia di Gaza. Secondo il Ministero della Sanità di Gaza, il bilancio delle vittime dell’operazione militare israeliana a Gaza ha ormai superato i 35.000 palestinesi. Il bombardamento ha devastato l’enclave costiera e causato una profonda crisi umanitaria. 

Jabalia

Jabalia è il più grande degli otto storici campi profughi di Gaza e ospita più di 100.000 persone, la maggior parte delle quali discendenti di palestinesi cacciati dalle città e dai villaggi durante la guerra arabo-israeliana del 1948 che portò alla creazione dello stato di Israele. Nella tarda serata di sabato, l’esercito israeliano ha affermato che le forze che operano a Jabalia stanno impedendo ad Hamas, che controlla Gaza, di ristabilire lì le sue capacità militari. “Abbiamo identificato nelle scorse settimane i tentativi di Hamas di ripristinare le sue capacità militari a Jabalia. Stiamo operando lì per eliminare questi tentativi”, ha detto il contrammiraglio Daniel Hagari, portavoce militare israeliano, durante un briefing ai giornalisti. Così l’esercito israeliano, che già mesi fa aveva detto di aver preso il controllo della maggior parte di queste aree, ha rimandato i carri armati ad Al-Zeitoun, un sobborgo orientale di Gaza City e ad Al-Sabra, dove i residenti hanno riferito di pesanti bombardamenti che hanno distrutto diverse case, compresi diversi grattacieli residenziali. Nelle ore successive, le sirene hanno suonato nella città israeliana di Ashkelon a seguito del lancio di razzi in arrivo da Gaza, segnalando che i militanti erano ancora in grado di lanciare attacchi missilistici dopo oltre sette mesi di guerra. La televisione Al-Aqsa di Hamas ha riferito sul suo account Telegram che i razzi sono stati lanciati da Jabalia, nonostante il raid dell’esercito fosse attivo.

Scontro a fuoco alla periferia di Deir Al-Balah

I carri armati non sono entrati nella città orientale di Deir Al-Balah, hanno detto i residenti e i media di Hamas, ma alcuni carri armati e bulldozer israeliani sono penetrati nella recinzione alla periferia della città provocando uno scontro a fuoco con i combattenti di Hamas. In un attacco aereo sabato sera a Deir Al-Balah due medici, un padre e suo figlio, sono stati uccisi, hanno detto funzionari sanitari. Il braccio armato di Hamas e della Jihad islamica ha affermato che i loro combattenti hanno attaccato le forze israeliane in diverse aree all’interno di Gaza con razzi anticarro e bombe di mortaio, anche a Rafah, l’ex ultimo rifugio dei palestinesi dove si rifugiavano più di un milione di persone. La compagnia palestinese di telecomunicazioni ha detto che i servizi internet nelle aree meridionali dell’enclave sono stati interrotti a causa della “aggressione” in corso, aggiungendo che i lavoratori stanno cercando di risolvere il problema.

Altre famiglie lasciano Rafah

Oggi, altre famiglie, stimate in migliaia, hanno lasciato Rafah mentre la pressione militare israeliana si intensificava. I proiettili dei carri armati sono caduti in tutta la città mentre l’esercito dava nuovi ordini di evacuazione che coprivano alcuni quartieri del centro della città, al confine con l’Egitto. “Mentre lasciavo Rafah, sono passato per Khan Younis, ho pianto, non sapevo se stavo piangendo per quello che stavo passando, per l’umiliazione e il senso di perdita che ho provato o per quello che ho visto,” ha detto Tamer Al-Burai, un residente di Gaza, che si era rifugiato a Rafah. “Ho visto una città fantasma, tutti gli edifici sui due lati della strada, interi quartieri sono stati spazzati via. Le persone fuggono per mettersi in salvo, sapendo che non c’è posto sicuro, e che non ci sono tende né persone che si prendano cura di loro,” ha detto a Reuters. Burai, un uomo d’affari palestinese, ha detto che i palestinesi sono stati abbandonati dal mondo e lasciati ad affrontare il loro destino mentre la guerra entrava nel suo ottavo mese, con le potenze mondiali che non riuscivano a porre fine alle ostilità e gli sforzi di mediazione internazionale per raggiungere un cessate il fuoco che crollava sulle controversie tra Hamas e Israele. “Nessun cessate il fuoco, nessuna decisione dell’ONU, nessuna speranza”, ha sottolineato.Il ministro degli Esteri egiziano Sameh Shoukri ha detto che il Cairo continuerà la sua mediazione tra Israele e Hamas e ha esortato le due parti a mostrare la flessibilità e la volontà necessarie per raggiungere un accordo.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY