[gtranslate] Arabia Saudita, a La Mecca sperimentato il primo aerotaxi al mondo - WHAT-U

ph. Spa

Taxi volanti? Pura fantascienza risponderebbe la maggior parte delle persone in qualsiasi parte del mondo. Invece lo scorso 12 giugno durante una manifestazione pubblica in Arabia Saudita, funzionari del Ministero dei trasporti e della logistica del Regno, dell’Autorità generale dell’aviazione civile e del Ministero dell’Hajj si sono riuniti nella città saudita della Mecca per assistere a quello che è stato annunciato come il primo volo di prova riuscito di un aerotaxi a guida autonoma, il primo al mondo, autorizzato da un’autorità dell’aviazione civile.

Il veicolo aereo elettrico EH216-S eVTOL è decollato con una sperimentazione autonoma progettata per mostrare il suo potenziale nel trasporto di pellegrini tra i luoghi santi, facilitando i viaggi di emergenza, consegnando attrezzature mediche e fornendo servizi logistici. Saleh bin Nasser Al-Jasser, ministro dei trasporti e della logistica e presidente della GACA, ha affermato che la sperimentazione dell’aerotaxi fa parte di un’iniziativa più ampia del Regno per fornire le più recenti tecnologie di trasporto. “La prova è stata fatta per assicurarsi che l’aerotaxi potesse fornire servizi durante la stagione dell’Hajj”, ha detto Al-Jasser ad Al Arabiya, parlando dall’interno del veicolo aereo. “Senza pilota e controllato da terra, questo velivolo può ospitare due persone e può volare senza carburante per una distanza fino a 40 km, alimentato solo da energia elettrica, nel pieno rispetto di tutti i parametri di sicurezza”. Lo studio ha fornito informazioni e dati preziosi per supportare lo sviluppo da parte di GACA di una road map avanzata per la mobilità aerea, compreso un quadro normativo su misura per fornire soluzioni di trasporto aereo sicure e sostenibili per i pellegrini dell’Hajj. Al-Jasser ha affermato che in futuro verranno effettuati ulteriori test ed esperimenti per consentire al veicolo di volare su una distanza più lunga e con maggiore velocità. “Stiamo sviluppando tutte le tecnologie disponibili per essere tra i primi paesi a beneficiare di questi servizi, in particolare nel servire i pellegrini Hajj”, ha aggiunto ad Al Arabiya. Ora il Ministero dei trasporti e della logistica prevede di lanciare i nuovi modelli elettronici di decollo e atterraggio verticale, o eVTOL, entro il 2026. Una volta operativi, i passeggeri potranno viaggiare tra Jeddah e la Mecca in meno di 20 minuti. “Questa sperimentazione rivoluzionaria è un passo fondamentale verso un viaggio Hajj più veloce, più efficiente e sostenibile”, ha affermato Al-Jasser in una nota. “L’Arabia Saudita sta sfruttando tecnologie pionieristiche per offrire ai pellegrini un’esperienza di pellegrinaggio fluida e sostenibile”.

L’Arabia Saudita mira a sostenere un settore dei trasporti moderno in linea con gli obiettivi di Vision 2030, l’agenda di diversificazione economica del Regno.

Gli aerotaxi però non sono l’unica tecnologia sviluppata nell’ambito della strategia nazionale di trasporto e logistica del Regno. Anche i veicoli stradali elettrici e i treni alimentati a idrogeno stanno rivoluzionando il modo in cui il pubblico e le merci si spostano da A a B. Oltre allo spiegamento di nuovi veicoli, Al-Jasser ha affermato che il suo ministero sta sviluppando la mobilità intelligente, elaborando leggi e regolamenti e fornendo ambienti sperimentali per testare la loro applicazione nel mondo reale.

ph. Spa

Si prevede che queste e altre innovazioni, tra cui telecamere e droni per la gestione del traffico controllati dall’intelligenza artificiale, contribuiranno a ridurre i tempi di viaggio dei passeggeri nelle aree congestionate, in particolare durante le emergenze, faciliteranno il trasporto di merci e forniture mediche e accelereranno le attività di sorveglianza e ispezione. Intervenendo dopo la manifestazione della scorsa settimana, Abdulaziz Al-Duailej, presidente della GACA, ha affermato che lui e il suo dipartimento sono impegnati a sviluppare servizi che consentano ai pellegrini di eseguire i loro rituali con facilità. “Questa sperimentazione di aerotaxi segna un importante progresso nell’integrazione di soluzioni avanzate di mobilità aerea nel panorama aeronautico dell’Arabia Saudita”, ha affermato in una nota. “GACA è impegnata a consentire nuove forme di trasporto aereo sicure e sostenibili, migliorando i viaggi di pellegrini e passeggeri in tutta l’Arabia Saudita. Questa sperimentazione funge da prova di concetto per molteplici casi d’uso e contribuisce al progresso delle soluzioni di mobilità in tutto il Regno. Apprezziamo il supporto strumentale di Front End e EHang per celebrare questa pietra miliare storica per l’Arabia Saudita”.

Front End, leader nell’integrazione di tecnologie avanzate in vari settori, è stata la società saudita dietro la dimostrazione della scorsa settimana, supportata dal suo partner cinese, EHang, una delle principali società di piattaforme tecnologiche per la mobilità aerea urbana.

“Front End sta aprendo la strada a una nuova era nelle soluzioni di mobilità intelligente, rivoluzionando potenzialmente il trasporto Hajj”, ha affermato in una nota Majid Al-Ghaslan, CEO dell’azienda. “In linea con Saudi Vision 2030, il nostro scopo è promuovere un “Regno connesso”, che funge da gateway per i nostri partner per accedere a opportunità di crescita in Arabia Saudita e nella regione più ampia.

“Questo risultato testimonia il potere dei partenariati tra governo e privati ​​nell’accelerare l’adozione di nuove tecnologie. La collaborazione con EHang ha reso questa soluzione pionieristica una realtà”. E poi ha aggiunto: “Queste meraviglie ecologiche offrono una soluzione economicamente vantaggiosa per il trasporto urbano, affrontando la congestione e allineandosi perfettamente con gli obiettivi del Regno per un futuro sostenibile. Questo progresso sottolinea la dedizione di Front End al progresso nazionale e il suo impegno nel dare forma a un domani più verde ed efficiente nella mobilità”.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY