[gtranslate] La Corte Suprema americana dice sì al farmaco pro aborto, si potrà continuare a usare - WHAT-U

a woman protesting holding a banner
Photo by Derek French on Pexels.com

Sebbene gli Stati Uniti abbiano oramai preso la direzione antiabortista, da quando due anni fa  i giudici conservatori hanno annullato la Roe v. Wade,  giovedì 13 giugno la Corte Suprema statunitense ha deciso di mantenere  l’accesso a un farmaco,  il mifepristone, che fino ad oggi in quasi due terzi di tutti gli aborti, le donne hanno continuato a utilizzare negli stati dove l’aborto è ancora legale. Ovviamente sollevando le ire degli antiabortisti che hanno minacciato azioni legali anche contro i medici che li prescrivono. Ben nove giudici però hanno stabilito che chi si oppone all’aborto non ha il diritto legale di mettere in discussione l’approvazione di questo farmaco da parte della Federal Food and Drug Administration e successive azioni, per facilitarne l’accesso.

Quindi il mifepristone continua a restare accessibile in tutti gli stati dove l’aborto non è considerato un reato. L’aborto è vietato in tutte le fasi della gravidanza in 14 stati americani e dopo circa sei settimane di gravidanza in altri tre, spesso prima che le donne si rendano conto di essere incinte.

Il giudice Brett Kavanaugh, che faceva parte della maggioranza favorevole a rovesciare Roe, giovedì ha scritto alla corte che “i tribunali federali sono il forum sbagliato per affrontare le preoccupazioni dei querelanti riguardo alle azioni della FDA”. Il parere sottolinea la posta in gioco nelle elezioni del 2024 e la possibilità che un commissario della FDA nominato dal repubblicano Donald Trump, in caso di vittoria alla Casa Bianca, possa prendere in considerazione la possibilità di restringere l’accesso al mifepristone, vietando anche l’invio tramite posta. L’opinione di Kavanaugh è riuscita a unire una corte profondamente divisa sull’aborto e su molte altre questioni sociali controverse, utilizzando un approccio minimalista che si concentrava esclusivamente sulla questione tecnico-legale della posizione e non ha raggiunto alcun giudizio sulle azioni della FDA. I sette riferimenti “pro-vita” di Kavanaugh agli oppositori dell’aborto potrebbero essere stati, a suo avviso, l’unico linguaggio che rivelasse qualcosa delle sue opinioni sull’aborto.

Pur elogiando la decisione, il presidente Joe Biden ha segnalato che i democratici continueranno a fare una forte campagna sull’aborto in vista delle elezioni di novembre. “Ciò non cambia il fatto che il diritto di una donna a ricevere le cure di cui ha bisogno venga messo a repentaglio, se non reso impossibile, in molti Stati”, ha affermato Biden in una nota.

Marjorie Dannenfelser, presidente della SBA Pro-Life America, ha espresso disappunto per la sentenza, puntando il fuoco sui democratici. “Joe Biden e i democratici sono determinati a forzare l’aborto su richiesta in qualsiasi momento e per qualsiasi motivo, compresi gli aborti per corrispondenza fai da te, in ogni stato del paese”, ha detto Dannenfelser. Secondo un sondaggio KFF condotto a febbraio , circa due terzi degli adulti statunitensi sono contrari al divieto dell’uso del mifepristone, o dell’aborto farmacologico, a livello nazionale . Circa un terzo sarebbe a favore di un divieto a livello nazionale. L’Alta Corte sta valutando separatamente un altro caso di aborto, per stabilire se una legge federale sul trattamento di emergenza negli ospedali prevalga sui divieti statali di aborto in rari casi di emergenza in cui la salute di una paziente incinta è a serio rischio.

Più di 6 milioni di persone hanno utilizzato il mifepristone dal Duemila. Il mifepristone blocca l’ormone progesterone e prepara l’utero a rispondere all’effetto di contrazione di un secondo farmaco, il misoprostolo. Il regime a due farmaci è stato utilizzato per interrompere una gravidanza fino alla 10a settimana di gestazione.

Gli operatori sanitari hanno detto che se il mifepristone non fosse più disponibile o fosse troppo difficile da ottenere, le donne passerebbero all’uso solo del misoprostolo, che è un po’ meno efficace nel porre fine alle gravidanze. L’amministrazione democratica e i Danco Laboratories con sede a New York, che producono il mifepristone, hanno sostenuto che il farmaco è tra i più sicuri che la FDA abbia mai approvato. La decisione “tutela l’accesso a un farmaco che ha decenni di uso sicuro ed efficace”, ha detto in una nota la portavoce di Danco, Abigail Long.

Gli oppositori, i medici anti-aborto e le loro organizzazioni, hanno sostenuto nei documenti del tribunale che le decisioni della FDA nel 2016 e nel 2021 di allentare le restrizioni sull’acquisizione del farmaco erano irragionevoli e “mettono a repentaglio la salute delle donne in tutta la nazione”.

Va detto però che le leggi federali proteggono già i medici dal dover eseguire aborti o fornire qualsiasi altro trattamento contrario alle loro convinzioni e i querelanti non hanno identificato alcun caso in cui a un medico sia stato richiesto, nonostante le obiezioni di coscienza, di eseguire un aborto o di fornire altri trattamenti correlati all’aborto che violassero la coscienza del medico dopo l’approvazione del mifepristone nel Duemila. Quindi? Ddi fatto i medici anti-aborto si sono rivolti al forum sbagliato invece di indirizzare le loro energie nel persuadere i legislatori e i regolatori ad apportare cambiamenti.

Ora però i sostenitori del diritto all’aborto hanno tirato un sospiro di sollievo dopo la decisione.

“Alla fine, questa sentenza non è una ‘vittoria’ per l’aborto: mantiene semplicemente lo status quo, che è una terribile crisi di salute pubblica in cui 14 stati hanno criminalizzato l’aborto”, ha scritto in una nota Nancy Northup, presidente e CEO del Center for Reproductive Diritti. Il casus belli sul mifepristone è iniziato cinque mesi dopo che la Corte Suprema aveva rovesciato Roe. Chi si opponeva all’aborto inizialmente ha vinto con una sentenza radicale del giudice distrettuale americano Matthew Kacsmaryk , candidato a Trump in Texas, emessa quasi un anno fa, che revocava completamente l’approvazione del farmaco. Poi la quinta corte d’appello degli Stati Uniti ha lasciato intatta l’approvazione iniziale del mifepristone da parte della FDA annullando alcune condizioni per la somministrazione del farmaco.

Successivamente la Corte Suprema ha sospeso la sentenza modificata della corte d’appello, quindi ha accettato di esaminare il caso, sebbene i giudici Samuel Alito, l’autore della decisione che ha ribaltato Roe, e Clarence Thomas avrebbero consentito che alcune restrizioni entrassero in vigore mentre il caso procedeva. Poi giovedì anche loro hanno aderito al parere della corte. La spinta per limitare le pillole abortive probabilmente non si fermerà con la sentenza della Corte Suprema, ha detto l’avvocato che ha rappresentato i medici anti-aborto e le loro organizzazioni nel caso. La decisione che i medici non hanno il diritto legale di fare causa lascia aperta la strada a cause legali da parte di altri, compresi altri tre stati a cui Kacsmaryk aveva precedentemente consentito di unirsi al caso, ha detto Erin Hawley, avvocato del gruppo Alliance Defending Freedom. Hawley ha detto che si aspetta che Idaho, Kansas e Missouri continuino la causa originariamente intentata in Texas.

La legislazione sull’aborto

Roe contro Wade è una sentenza della Corte suprema degli Stati Uniti d’America del 1973, considerata una pietra miliare nella giurisprudenza statunitense sull’aborto. L’orientamento della Corte è successivamente mutato: dapprima solo in parte con la sentenza Planned Parenthood contro Casey (1992), in seguito in modo radicale con la sentenza Dobbs contro Jackson Women’s Health Organization (2022).

Legislazione precedente alla sentenza Roe

Prima di tale sentenza, l’aborto era disciplinato da ciascuno Stato federato, con legge propria. In almeno 30 Stati era previsto come reato e non poteva essere praticato in nessun caso. In 13 Stati era legale nei seguenti casi: pericolo per la donna, stupro, incesto o malformazioni fetali. In 3 Stati era legale solo in caso di stupro e di pericolo per la donna. In 4 Stati unico requisito legale era la richiesta della donna.

Il caso di Jane Roe

Norma McCorvey, alias Jane Roe (nome scelto a fini processuali per tutelarne la privacy), nasce in Louisiana nel 1947, da genitori di origini Cherokee e Cajun. Vive un’adolescenza tormentata, a 16 anni si sposa con un uomo violento dal quale ha due figlie. Mentre è incinta del terzo figlio, viene contattata da un team di avvocate, delle quali la più celebre è Sarah Weddington, le quali decidono di portare il caso di Norma in tribunale, per affermare il suo diritto ad abortire. L’avvocato Henry Menasco Wade rappresentò lo Stato del Texas nel processo del 1970.

La sentenza della Corte suprema

Nel 1972 la causa approda alla Corte suprema degli Stati Uniti, che decide con sentenza del 22 gennaio 1973. Ciò che veniva chiesto ai giudici era se la Costituzione federale riconoscesse un diritto all’aborto anche in assenza di problemi di salute della donna, del feto e di ogni altra circostanza che non fosse la libera scelta della donna. La decisione venne presa con una maggioranza di 7 giudici a favore e 2 contrari. Si fondò su un’interpretazione non nuova del Quattordicesimo Emendamento. Secondo questa interpretazione, ormai accolta dalla giurisprudenza costituzionale statunitense, esiste un diritto alla privacy inteso come diritto alla libera scelta di ciò che attiene alla sfera più intima dell’individuo. La Corte suprema riconosce il diritto all’aborto in un’ottica di limitazione dell’ingerenza statale. Comunque il diritto ad abortire della donna, in questa sentenza, non è definito assoluto, poiché lo Stato avrebbe il dovere di intervenire in talune circostanze, che coincidono in particolare con il tempo di gestazione. La sentenza enuncia quindi due principi:

  • l’aborto è possibile per qualsiasi ragione la donna lo voglia fino al punto in cui il feto diventa in grado di sopravvivere al di fuori dell’utero materno, anche con l’ausilio di un supporto artificiale. Questa condizione si verifica in media intorno ai sette mesi (28 settimane), ma può presentarsi prima, anche alla 24ª settimana;
  • in caso di pericolo per la salute della donna, l’aborto è legale anche qualora la soglia oltre il quale il feto è in grado di sopravvivere al di fuori dell’utero materno sia stata sorpassata.

Questa sentenza della Corte ha condizionato le leggi di 46 Stati. La sentenza Roe contro Wade ha influenzato la politica nazionale statunitense, dividendo gran parte del paese tra pro-choice (per la possibilità di scegliere se abortire o no) e pro-life (contro la possibilità di abortire) e ispirando gruppi di attivisti su entrambi i fronti.

Dibattito successivo alla sentenza

La sentenza Roe contro Wade ha dato il via a un dibattito, che si ripresenta ogniqualvolta la politica o la società affrontano il tema dell’aborto. I principali nodi dibattuti riguardano i seguenti aspetti:

  • in quali circostanze l’aborto dovrebbe essere illegale;
  • chi dovrebbe decidere quali siano tali circostanze;
  • quali atteggiamenti la Corte suprema dovrebbe adottare nel dirimere tali questioni;
  • quanto dovrebbero essere tenuti in considerazione i punti di vista religiosi e morali nella sfera politica.

Giurisprudenza successiva sulla materia

Nel corso del tempo la giurisprudenza è mutata con altre sentenze quali Planned Parenthood contro Casey (1992) e Roe contro Wade è stata ribaltata dalla Corte suprema il 24 giugno 2022 con la sentenza Dobbs contro Jackson Women’s Health Organization. Il caso ha riguardato la costituzionalità di una legge dello Stato del Mississippi del 2018 che metteva al bando l’aborto dopo la 15ª settimana di gravidanza nella gran parte dei casi; le Corti federali di grado inferiore avevano sospeso l’entrata in vigore della legge, considerandola incostituzionale e provocando il ricorso alla Corte suprema.

La Corte suprema, con 5 voti contro 4 (favorevoli i giudici Samuel Alito, Clarence Thomas, Neil Gorsuch, Brett Kavanaugh ed Amy Coney Barrett; contrari i giudici John G. Roberts, Stephen Breyer, Elena Kagan e Sonia Sotomayor) ha ritenuto che il diritto all’aborto non sia protetto dalla Costituzione degli Stati Uniti d’America, decisamente distaccandosi dalle precedenti Roe contro Wade e Planned Parenthood contro Casey. Come effetto della nuova sentenza, la competenza a legiferare in materia di aborto è tornata agli Stati federati, molti dei quali avevano “leggi grilletto” che abolivano l’aborto, pronte a tornare immediatamente applicabili qualora l’orientamento assunto dalla Corte in Roe contro Wade fosse cambiato, come è accaduto.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY