[gtranslate] "The House Of Beckham", l'esplosivo libro che mette a nudo la famosa coppia. Ecco i retroscena - WHAT-U

Si chiama The House of Beckham il nuovo esplosivo libro del noto biografo investigativo britannico, Tom Bower e il suo valore aggiunto è quello di essere riuscito a mettere a nudo una delle coppie più famose e influenti al mondo, David e Victoria Beckham che assieme hanno costruito un marchio globale multimiliardario. Per decenni, i fan adoranti sono rimasti affascinati dal mondo glamour che i due hanno creato e dalla loro storia d’amore, che seppure i gossip dicessero che non era tutta rosa e fiori, faceva sognare tutti. Poi nel 2023 su Netflix agli spettatori è stata offerta una visione ancora più intima della loro vita privata prodotta dagli stessi Beckham. La serie ha sollevato molte domande, non solo sul loro successo e sui loro rapporti personali, ma anche sulla gestione spietatamente riuscita della loro immagine nei media. Bower però ha voluto togliere il coperchio dalla pentola mettendo a nudo le loro vite per dimostrare che poi alla fine non sono davvero così tanto perfette come loro vorrebbero far credere al mondo.  Così attraverso ricerche approfondite, ha scoperto fonti di esperti e interviste con addetti ai lavori, che hanno portato alla luce una serie di rivelazioni che forniscono una visione sorprendente della realtà del “Brand Beckham”. D’altra parte 25 anni di matrimonio non sono pochi, ma quello che sembra oramai assodato è che i due si siano lasciati tutto alle spalle. La lettura del libro però diventa comunque imbarazzante quando dopo aver fatto un elenco delle relazioni extracurriculari della stella del calcio, sottolinea il fatto che la coppia in realtà sia unita dall’ambizione di apparire assieme più che dalla sostanza, tenuto conto che i due sono arrivati più volte sull’orlo del divorzio. Un amore a prima vista quello di David, era all’epoca era una stella del Manchester United, che lo ha portato a scegliere delle 5 Spice Girls proprio lei.

La scappatella con la Loos

L’ex assistente personale di David, Rebecca Loos, ha confessato di avere avuto un’avventura nel 2004 con David, ma ha anche detto di averlo a sua volta scoperto con un’altra, la modella spagnola Esther Cañadas. La scappatella si sarebbe consumata quando l’ex campione era a una festa nella villa del compagno di squadra del Real Madrid, Cristiano Ronaldo ed erano le 3 del mattino quando Loos andò a bussare alla porta della sua camera trovandolo a letto con la modella per passargli sua moglie che lo cercava da ore.  

David non ha mai menzionato la Loos per nome nel suo documentario su Netflix, ma ha ammesso che quello fu un periodo “difficile” per sua moglie, aggiungendo: “Victoria è tutto per me”. Victoria, dal canto suo, ha ammesso che ci sono stati dei momenti più difficili perché sembrava che il mondo fosse contro di loro. “Ed ecco il punto, eravamo l’uno contro l’altro, se devo essere completamente onesto”, ha rivelato David. La Loos, che ora ha 47 anni ed è sposata e mamma di due figli, ha parlato al Daily Mail del documentario, che è stato un grande successo per Netflix. “Può dire quello che vuole, ovviamente e capisco che abbia un’immagine da preservare, ma si sta dipingendo come una vittima e mi sta facendo passare per una bugiarda, come se mi fossi inventata queste storie…” ha detto Loos .  La lista delle donne che hanno avuto un’avventura con Beckham però non è finita qui. La modella Celina Laurie, scrive Bower, ha detto di essere andata a letto con David in Danimarca nel 2002. Danielle Heath, proprietaria di un salone di bellezza, ha affermato di aver avuto una relazione con David nella casa di Madrid dei Beckham, cosa che lui ha sempre negato. Anche quando Victoria era in attesa dell’ultima figlia Harper, David non fu uno stinco di santo. Il libro racconta che la coppia invitata al matrimonio del principe William e Kate Middleton presso l’Abbazia di Westminster nell’aprile 2011 fu al centro di numerose illazioni della stampa inglese per i lunghi sguardi di David rivolti a Charlize Theron (anche lei molto attratta da David) durante tutta la cerimonia. Il libro racconta anche che Victoria più diventava infelice, più ricorreva alla chirurgia plastica. “Basta solo dire che si è sottoposta a ben 5 interventi al seno”, scrive Bower. Ad un certo punto, sostiene il libro, Victoria si lamentò del fatto che i suoi seni erano diventati “lamponi traballanti” che puntavano in “direzioni diverse”.

Assieme in nome del brand

Bower sostiene che la coppia è rimasta insieme per “Brand Beckham” perché entrambi valgono più insieme che separati. La loro ambizione li ha portati dal Regno Unito agli Stati Uniti – dove David ha suonato con i Los Angeles Galaxy dal 2007 al 2012 – e di nuovo nel Regno Unito. David ora comproprietario della squadra di calcio Inter Miami CF , mentre Victoria che aveva avviato la sua linea di moda nel 2008 ha poi deciso di dedicarsi al comparto della bellezza. E ora dopo un periodo di perdite, i ricavi della Victoria Beckham Holdings ha ricavi che sono aumentati del 44%, raggiungendo i 58,8 milioni di sterline nel 2022, rispetto ai 40,9 milioni di sterline del 2021. Insomma non ricchi, ma ricchissimi. Ma a anche tirchi a detta di Bower nel suo libro libro dove riporta che Rebecca Loos una volta raccontò come David si rifiutò di dare la mancia a una cameriera dell’Hard Rock Cafe di Madrid, per poi correre ai ripari per evitare la brutta figura. Victoria si sarebbe rifiutata di lasciare la mancia su un conto di 115 sterline (145 dollari USA) mentre cenava con la suocera e i figli in un bar Pizza Express nel Regno Unito. E secondo quanto riferito, pare anche che la coppia abbia servito vino tedesco Liebfraumilch che costava meno di 4 dollari a bottiglia durante un gala di beneficenza dell’UNICEF tenutosi a casa loro. Durante un viaggio nelle Filippine per l’UNICEF, scrive Bower, David pare abbia chiesto un rimborso di 8.449 dollari per il biglietto in business class, dicendo ai suoi colleghi: “Non è assolutamente possibile che questo mi costi qualcosa”. Sir Elton John quando li ospitò sul suo yacht, li soprannominò i “Takeum” perché non avevano dato la mancia al suo staff. A maggio, la lista dei ricchi del Sunday Times stimava il patrimonio netto dei Beckham a 455 milioni di sterline (575 milioni di dollari), in aumento rispetto ai 425 milioni di sterline (537 milioni di dollari) del 2023. David ha anche una partecipazione in Authentic Brands, la più grande società di licenze per lo sport e l’intrattenimento al mondo, che possiede i marchi di moda Reebok, Juicy Couture, Ted Baker e Hunter, nonché i diritti sulla proprietà, sul nome e sull’immagine di celebrità tra cui Elvis Presley, Marilyn Monroe e Muhammad Ali. Insomma alla fine la fedeltà conviene sempre in certi casi.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY