[gtranslate] Unione europea investe 2,97 miliardi per sostenere 39 progetti di energia rinnovabile - WHAT-U

photo of wind turbines lot
Photo by Narcisa Aciko on Pexels.com

L’Unione Europea ha annunciato un investimento di 2,97 miliardi di euro tramite il Fondo per la Modernizzazione dell’Unione per sostenere 39 progetti di energia rinnovabile in 10 suoi Stati membri. Questi investimenti sosterranno la modernizzazione dei sistemi energetici, la riduzione delle emissioni di gas serra nei settori dell’energia, dell’industria e dei trasporti e il miglioramento dell’efficienza energetica.

Gli Stati membri che beneficiano di questa prima erogazione del 2024 sono la Romania (1,1 miliardi di euro, principalmente per regimi di sostegno tramite contratti per differenza per la produzione di energia rinnovabile), la Repubblica ceca (835 milioni di euro, per il sostegno alle famiglie per l’acquisizione e l’installazione di nuovi impianti fotovoltaici ), Polonia (697,5 milioni di euro, principalmente per l’ammodernamento delle infrastrutture di tariffazione dei trasporti pesanti), Ungheria (77 milioni di euro), Bulgaria (65 milioni di euro), Lituania (59 milioni di euro), Croazia (52 milioni di euro), Slovacchia (35 milioni di euro), Lettonia (27 milioni di euro) ed Estonia (24 milioni di euro). I progetti sostenuti si concentrano sulla generazione di elettricità rinnovabile, sull’uso e sulla diffusione delle fonti energetiche rinnovabili, sulla modernizzazione delle reti energetiche e sull’efficienza energetica.

Si tratta del più grande esborso finora effettuato tramite il Fondo per la modernizzazione, portando la spesa totale a 12,65 miliardi di euro da gennaio 2021. Questi investimenti aiuteranno gli Stati membri a raggiungere la neutralità climatica entro 2050.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY