[gtranslate] Italia, approvata mozione della maggioranza per il riconoscimento dello stato della Palestina - WHAT-U

people with palestinian flags protesting on the street
Photo by Mohammed Abubakr on Pexels.com

La Camera dei deputati ha approvato la mozione della maggioranza sulla Palestina. Il testo del centrodestra impegna il governo a sostenere “iniziative finalizzate al riconoscimento dello Stato di Palestina nel quadro di una soluzione negoziata fondata sulla coesistenza di due Stati sovrani e democratici, che possano riconoscersi reciprocamente e vivere fianco a fianco in pace e sicurezza”. Sono state respinte, invece, le mozioni presentate da Partito democratico, Movimento 5 Stelle e Alleanza Verdi Sinistra.

L’Aula di Montecitorio ha inoltre approvato parti delle mozioni che erano state presentate da Azione, da Italia Viva e +Europa. “Dobbiamo avere la capacità di sostenere la politica, da sempre portata avanti dal nostro paese, dei due popoli e dei due Stati. Ma c’è bisogno che il riconoscimento reciproco arrivi a monte di un processo di pace, che può essere avviato solo con la fine del conflitto in corso”. Così il vicesegretario di Azione e capogruppo in Commissione Esteri, Ettore Rosato, intervenendo in Aula alla Camera.

“Due popoli due Stati deve essere un impegno caratterizzato da un’azione diplomatica in cui l’Europa parli con una voce sola. Le fughe in avanti fatte da alcuni paesi sono un passo indietro dell’Europa e sono un danno anche alla causa israeliana e palestinese”. “Ci deve essere una decisione europea, autorevole. Una decisione europea che può facilitare quel percorso di pacificazione indispensabile per raggiungere un obiettivo così complicato”, ha concluso.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY