[gtranslate] Francia elezioni 2024, quasi raddoppiata l'affluenza alle urne - WHAT-U

In Francia oggi domenica 7 luglio, gli elettori come ieri, si sono recati alle urne per manifestare il proprio voto. Il 6 luglio era il turno degli elettori residenti all’estero per la precisione a Saint-Pierre e Miquelon, in Guadalupa, in Martinica, in Guyana, a Saint-Martin, a Saint-Barthélemy, nella Polinesia francese e nelle ambasciate e consolati nelle Americhe e nei Caraibi. Oggi gli elettori sono andati ai seggi in Francia, a Réunion, Mayotte, Nuova Caledonia e nelle ambasciate e consolati al di fuori delle Americhe e dei Caraibi.

Il tasso di partecipazione alle ore 17:00

Il tasso di partecipazione alle elezioni legislative oggi è stato del 59,71% alle 17:00. Nel 2022, allo stesso tempo, il tasso di partecipazione fu del 38,11%.

Tasso di partecipazione alle 12:00

Il tasso di partecipazione alle elezioni legislative è stato del 26,63% alle 12:00. Nel 2022, allo stesso tempo, il tasso di partecipazione fu del 18,99%.

Il 30 giugno i francesi si sono recati in massa alle urne per il primo turno elettorale. La partecipazione è salita al 59,39% alle 17, per poi chiudersi al  66,71% . Al voto hanno preso parte 32.911.132 persone. A questo tasso elevato si aggiunge un record assoluto nel numero di deleghe effettuate, con oltre 2,1 milioni al 26 giugno, secondo il portavoce del Ministero degli Interni. Dobbiamo risalire al 1997 per trovare un tasso di partecipazione così alto, pari al 67,9% degli iscritti. 

Analizzando i dati di oggi invece si evince che seppur la partecipazione sia tradizionalmente leggermente in calo nel secondo turno, questa volta le sfide di quest’anno hanno cambiato la situazione. Perché il tasso di questa domenica è il più alto mai registrato dal 1981 (28,3%) per un’elezione di questo tipo. E all’epoca, le elezioni legislative furono segnate dall’arrivo al potere della sinistra di François Mitterrand.

18:00

CHIUSURA DEI PRIMI UFFICI

⏰ Sono le 18:00! Chiusi i seggi elettorali in gran parte della Francia. In alcuni dipartimenti e grandi città è possibile votare fino alle 19:00 o alle 20:00.

17:15

PARTECIPAZIONE PER DIPARTIMENTI

Ecco i dipartimenti che hanno ottenuto più voti alle 17: Tarn (67,99%), Dordogne (67,88%), Finistère (67,69%) e Seine Maritime (67,45%). Gli elettori si sono invece recati meno alle urne a Seine-Saint-Denis (39,6%), in Val-d’Oise (49,83%), Val-de-Marne (50,43%) ed Essonne (50,8%).

17:07

STIMA DELLALLUENZA alle ore 18: 67,5%

Secondo Ifop per TF1-LCI, la partecipazione finale sarà del 67,5% nel 2024, rispetto al 66,7% del primo turno.

17:00

PARTECIPAZIONE 59,71% ALLE ORE 17

Secondo i dati del Ministero dell’Interno, alle 17 ha votato il 59,71% degli elettori chiamati alle urne. Nel primo turno, questo tasso era pari al 59,39%. Si tratta di 21 punti in più rispetto al 2022 alle 17 (38,11%), un dato mai visto dal 1981.

16:57

INCONTRO ALL’ELISEO

Secondo fonti confermate della LCI, Emmanuel Macron riceverà Gabriel Attal e i leader della maggioranza uscente alle 18.30 all’Eliseo.

16:30

IL VOTO DI GERALD DARMANIN

Gérald Darmanin vota questo pomeriggio a Tourcoing (Nord).

14:24

QUANTE DELEGHE PER IL SECONDO ROUND?

Prima del secondo turno, il Viminale aveva annunciato che in tre settimane erano stati registrati poco più di 3,3 milioni di deleghe per le elezioni legislative, senza specificare se fossero state presentate per il primo turno, per il secondo turno o per entrambi. . 

Per questa seconda tornata, il Viminale precisa che alla fine risultano attive 2.685.510 deleghe.

13:21

Il tasso di partecipazione al secondo turno delle elezioni legislative ha raggiunto a mezzogiorno il 26,63%, un tasso senza precedenti dal 1981, prova della mobilitazione dei francesi per queste elezioni storiche.

12:50

HA VOTATO EMMANUEL MACRON

Il presidente della Repubblica, dopo una folla davanti al suo seggio elettorale, ha sfilato la sua scheda elettorale dall’urna, seguito dalla moglie Brigitte Macron. Poi prima di uscire ha salutato diverse persone. Il capo dello Stato dovrebbe rientrare a Parigi nel tardo pomeriggio.

12:23

EMMANUEL MACRON SI PREPARA AD ANDARE A VOTARE

Il presidente della Repubblica, Emmanuel Macron, ha lasciato per il fine settimana la villa di Le Touquet dove risiede con la moglie Brigitte Macron, per andare a votare al suo seggio elettorale in questa cittadina del Pas-de-Calais.

12:20

DOVE SONO AFFLUITE PIU’ PERSONE

Secondo i dati forniti dal ministro degli Interni, è a Bouches-du-Rhone che a mezzogiorno si è votato più votato, con un tasso di partecipazione del 34,59% in tutto il dipartimento. Seguono Corrèze (33,88%), Cantal (33,48%), Vaucluse (33,21%) e Dordogne (33,20%). I dipartimenti che hanno registrato meno voti a mezzogiorno si trovano tutti nella regione parigina. È a Seine-Saint-Denis che gli elettori si sono recati meno al seggio elettorale, con un tasso di partecipazione del 12,77%. Seguono Val-de-Marne (17,07%), Hauts-de-Seine (18,72%), Essonne (20,01%), Yvelines (20,32%), Val-Oise (20,42%), Seine-et-Marne (21,01% ) e Parigi (22,03%).

12:15

PRESENZE A MEZZOGIORNO PIÙ ALTE DAL 1981

Dal 1981, la partecipazione non è mai stata così numerosa al secondo turno delle elezioni legislative a mezzogiorno, come racconta in diretta dal Ministero degli Interni il giornalista Frédéric Delpech.

12:12

“NESSUNA SMOBILIZZAZIONE”

La partecipazione a mezzogiorno è leggermente aumentata rispetto al primo turno di domenica, il che significa, secondo il direttore generale dell’istituto di sondaggi Ifop, Frédéric Dabi, che “non c’è stata alcuna smobilitazione durante questa campagna.

12:09

VOTANO LAURENT WAUQUIEZ E FRANÇOIS BAYROU

Il candidato a deputato nella prima circoscrizione elettorale dell’Alta Loira, Laurent Wauquiez, ha votato a Puy-en-Velay. Primo al primo turno, il presidente della LR della regione Auvergne-Rhône-Alpes ha ottenuto il 35,48% dei voti. Si trova di fronte ad Alexandre Heuzey, candidato del RN, che ha ottenuto il 22,34% dei voti espressi. Anche François Bayrou, sindaco di Pau, è andato a votare questa mattina.

12:00

PARTECIPAZIONE 26,63% ALLE 12:00

Il tasso di partecipazione in Francia, a mezzogiorno, per questo secondo turno delle elezioni legislative, è del 26,63%, rispetto al 25,90% registrato alla stessa ora la settimana scorsa durante il primo turno, secondo i dati del Ministero.

In confronto, durante il secondo turno delle elezioni legislative del 2022, nello stesso periodo, era del 17,75%. Il tasso è al livello più alto dal 1981.

11:30

FRANÇOIS HOLLANDE HA VOTATO

L’ex presidente François Hollande ha votato a Tulle, Corrèze. Candidato alla carica di deputato del Nuovo Fronte Popolare, è arrivato primo al primo turno, con il 31,56% dei voti. Si trova di fronte ad una situazione triangolare per questo secondo turno e si trova di fronte a Maïtey Pouget, candidato della RN e Francis Dubois, candidato della LR, che hanno raccolto il 21,79% dei voti.

Legislativo: François Hollande ha votato a TulleFonte: Informazioni TF1

11:27

MARIE TOUSSAINT HA VOTATO A BORDEAUX

L’eurodeputata verde Marie Toussaint ha votato a Bordeaux.

11:26

ELISABETH BORNE HA VOTATO

L’ex primo ministro Elisabeth Borne ha votato a Vire, nel Calvados. In questa circoscrizione difende il suo posto di deputata contro il candidato della RN Nicolas Calbrix, che è arrivato primo con il 36,26% dei voti. E al primo turno ha ottenuto il 28,93% dei voti. Noé Gauchard, candidato del Nuovo Fronte Popolare, invece ha ottenuto il 23,16% dei voti e si è qualificato anche per il secondo turno. Ma alla fine ha ritirato la sua candidatura.

11:12

ÉRIC CIOTTI HA VOTATO A NIZZA

Il presidente della LR, Éric Ciotti, che ha deciso di allearsi con la RN, contro il parere dei membri del suo partito, ha votato a Nizza, nelle Alpi Marittime. Il deputato uscente si ricandida in questa circoscrizione dove è arrivato primo al primo turno con il 41,04% dei voti. Per questo secondo turno si sono qualificati altri due candidati. Olivier Salerno, rappresentante del Nuovo Fronte Popolare, ha ottenuto al primo turno il 26,62% dei voti, e Graig Monetti, si è qualificato con il 22,79% dei voti.

10:25

MARION MARÉCHAL HA VOTATO

Marion Maréchal, deputata europea sotto l’etichetta Riconquista, ma che ha chiamato ad aderire al Raggruppamento Nazionale dopo l’annuncio dello scioglimento dell’Assemblea Nazionale, ha votato a Hauts-de-Seine.

10:19

HA VOTATO GABRIEL ATTAL

Il primo ministro Gabriel Attal, che difende il suo mandato di deputato nell’Hauts-de-Seine, ha votato a Vanves. Al primo turno è arrivato primo con il 43,85% dei voti. Al secondo turno affronta la candidata del Nuovo Fronte Popolare, Cécile Soubelet, che al primo turno ha ottenuto il 35,53% dei voti.

ALEXIS CORBIÈRE HA VOTATO A BAGNOLET

Il dissidente della LFI Alexis Corbière ha votato questa mattina a Bagnolet, a Seine-Saint-Denis.

ÉDOUARD PHILIPPE VOTATO

L’ex primo ministro e sindaco di Le Havre, Edouard Philippe, ha votato questa mattina nella sua città, nella Senna Marittima.

APERTURA DEI SEZIONI ELETTORALI

Gli elettori sono attesi a Montreuil, in Seine-Saint-Denis, per questo secondo turno delle elezioni legislative, mentre al seggio elettorale del municipio, il tasso di partecipazione al primo turno è stato del 67%, leggermente al di sotto-sopra di quello della Francia, che raggiunge il 66,7%.

VOTATO IL SINDACO RN DI PERPIGNAN

I seggi elettorali sono appena aperti e il sindaco della RN di Perpignan, Louis Aliot, si è già recato alla cabina elettorale.

08:11

FRANCESI ALL’ESTERO

Mentre i seggi elettorali sono appena aperti nella Francia metropolitana, i francesi iscritti alle liste elettorali all’estero hanno potuto votare online, da mercoledì 3 luglio alle 12 a giovedì 4 luglio alle 18 (ora di Parigi). Per questo secondo turno, 460.000 persone hanno scelto questo metodo di voto.

08:00

APERTURA DEI SEZIONI ELETTORALI

Sono le 8 del mattino, i seggi elettorali aprono nella Francia metropolitana. Gli elettori hanno tempo fino alle 18, o anche alle 20 nelle grandi città, per recarsi alla cabina elettorale per il secondo turno di queste elezioni legislative anticipate.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY