[gtranslate] Francia dopo i festeggiamenti, è arrivato il momento delle scelte. Attal per ora resta - WHAT-U

person dropping paper on box
Photo by Element5 Digital on Pexels.com

Dopo i festeggiamenti della sinistra per la vittoria elettorale, la situazione politica francese  è avvolta nell’incertezza. Cosa accadrà nelle prossime settimane? Trattative. Trattative. Trattative. Non è chiaro se Macron riuscirà o no a formare un governo vitale con una maggioranza stabile perché le questioni politiche sono molto complesse.  L’unica cosa certa è che in questo momento la stabilità della Francia va preservata. Parola di Macron che ha respinto le dimissioni del primo ministro Gabriel Attal presentate all’indomani delle legislative vinte a sorpresa dalla sinistra del Nuovo Fronte popolare (NFP) di sinistra francese, un’alleanza creata in fretta, emersa come blocco alla guida nel prossimo parlamento, ma senza una maggioranza effettiva. Chi andrà a Matignon? Ci vorrà tempo per saperlo, perché la nomina del premier sarà il frutto di lunghi negoziati dei partiti dell’Assemblea nazionale, non più lasciata al volere del presidente della Repubblica. La chiamano la maledizione di Matignon, l’edificio numero 57 di rue de  Carenne, tra il museo Rodin e l’ambasciata d’Italia, che è stato capace in passato di trasformare il politico più brillante in un mesto esecutore di ordini presidenziali, come è accaduto a a Francois Fillon quando all’Eliseo c’era Sarkosy.

La  consuetudine politica

La consuetudine politica impone al presidente Emmanuel Macron di nominare un primo ministro tra i ranghi della forza politica o della coalizione più grande in parlamento.

L’ NFP , composto dal Partito Comunista, dall’estrema sinistra France Unbowed , dai Verdi e dal Partito Socialista , non ha ancora detto chi sarebbe la sua scelta per il ruolo di primo ministro. I suoi partiti non sono sembrati in grado di concordare su chi avrebbe avuto un appeal trasversale. Chi sono i personaggi più noti del blocco?

Jean-Luc Mélenchon, Partito della Sinistra Estrema Francia

Mélenchon , 72 anni, è un veterano combattivo della politica di sinistra in Francia . Ha ricoperto incarichi ministeriali nei governi passati, quando era membro del Partito Socialista. Si è candidato alla presidenza nel 2012, 2017 e 2022, migliorando il suo punteggio ogni volta. È arrivato terzo nel 2022, appena dietro la leader di estrema destra Marine Le Pen . Macron ha vinto quelle elezioni. Oratore fervente, Mélenchon è una delle figure più divisive della politica francese, che entusiasma alcuni elettori mentre ne terrorizza altri con le sue sfrenate proposte di tasse e spese, la retorica della guerra di classe e le controverse posizioni di politica estera, in particolare su Gaza. I critici lo accusano di antisemitismo, cosa che lui nega.

Marine Tondelier, leader dei Verdi

Tondelier, 37 anni, è cresciuto a Henin-Beaumont, una cittadina nel nord della Francia nota per essere un baluardo del partito di estrema destra Rassemblement National (RN) e del suo leader Le Pen. La sua è una lunga storia di opposizione alla Royal Navy. Eletta come membro dell’opposizione del consiglio comunale della città nel 2014, ha documentato le sue esperienze lavorative sotto un sindaco della RN e quella che ha descritto come l’atmosfera oppressiva generata dall’amministrazione di estrema destra in un libro del 2017 intitolato News from the Front. Nel 2021 è stata eletta anche in un consiglio regionale del Nord e l’anno successivo è diventata leader del partito ecologista più noto in Francia, i Verdi.

Francois Ruffin

Ruffin, 48 anni, è uno scrittore e regista che si è rivolto alla politica quando si è candidato al parlamento alle elezioni del 2017. Si è presentato come unico candidato per un partito politico regionale da lui creato, Arise Picardy, prima di unirsi al partito France Unbowed di Mélenchon una volta eletto. Spesso in contrasto con il nucleo di France Unbowed, ha litigato con Mélenchon sulla strategia dell’NFP durante la campagna elettorale del 2024. “I miei disaccordi con Jean-Luc Mélenchon sono ben noti, sono profondi sulla democrazia, sull’uso del suono e della furia piuttosto che della forza silenziosa e quindi il mio posto non sarà nel gruppo di France Unbowed, se mai verrò eletto”, ha detto Ruffin pochi giorni prima del secondo turno. E poi è accaduto che ha mantenuto il suo seggio in parlamento con un margine risicato sul suo rivale locale di estrema destra.

Raphaël Glucksmann, Partito Socialista

Glucksmann, 44 anni, era in testa alla lista dei candidati socialisti alle elezioni europee di inizio giugno, ha ottenuto quasi il 14% dei voti, subito dietro al gruppo Together di Macron. Questo è stato considerato un segno di rinascita per un partito che ha governato la Francia nei decenni passati, ma che era recentemente caduto nell’oblio elettorale. Glucksmann ha sempre promosso un forte sostegno europeo all’Ucraina nella sua resistenza contro l’invasione russa.

Laurent Berger, ex dirigente sindacale CFDT

Berger, 55 anni, è un ex capo di uno dei principali sindacati francesi, il moderato CFDT. Ha una storia di forte opposizione al RN e ha già reso noto che non voler diventare primo ministro. Gli altri esponenti della sinistra però hanno proposto il suo nome, affermando che potrebbe rappresentare una figura unificante e un’alternativa popolare a Mélenchon.

Fabien Roussel, leader del Partito comunista francese

Comunista da sempre, Roussel si è unito al movimento giovanile del Partito Comunista Francese all’età di 16 anni ed è stato molto attivo nelle proteste anti-apartheid, che, a suo dire, hanno plasmato il suo pensiero politico. A 55 anni, è un convinto difensore dell’energia nucleare francese, ha denunciato il crescente sentimento anti-caccia in Francia e ha definito la gastronomia francese come “buon vino, buona carne, buon formaggio”. Il suo vero successo in politica è arrivato all’età di 28 anni, quando è diventato consigliere di Michelle Demissine, ministro del turismo sotto il primo ministro Lionel Jospin.

Cosa accadrà nelle prossime ore?

Il Nuovo Fronte Popolare si dice pronto a governare con una maggioranza relativa. E nonostante sia rimasto lontano dalla soglia della maggioranza assoluta, fissata a 289 deputati all’Assemblea Nazionale, ora vuole portare avanti il programma deciso all’inizio della campagna elettorale che ha due capisaldi: il salario minimo a 1.600 euro e la cancellazione della riforma delle pensioni.  Macron in queste ore è arrivato a Washington per il vertice Nato, mentre il 18 luglio la camera bassa si riunirà per la prima volta. Insomma si aprono nuovi capitoli di cui presto conosceremo quasi tutto.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY