[gtranslate] Un tribunale russo oggi ha emesso un mandato di arresto per la moglie di Navalny - WHAT-U

Un tribunale russo oggi ha ordinato l’arresto di Yulia Navalnaya, vedova del leader dell’opposizione russa Alexei Navalny, uno fra i più noti oppositori di Vladimir Putin, morto in prigione lo scorso 16 febbraio a soli 47 anni, dove stava scontando una pena di 19 anni. L’obiettivo di Putin? Continuare la radicale repressione dell’opposizione. La Navalnaya, che vive all’estero, potrebbe quindi essere arrestata se e quando tornerà in Russia accusata di un presunto coinvolgimento nella Foundation for Fighting Corruption di Navalny l’organizzazione estremista guidata precedentemente dal marito. Insomma una triste storia che si ripete. Perché anche Navalny venne imprigionato dopo essere tornato a Mosca nel gennaio 2021 dalla Germania, dove si stava riprendendo dall’avvelenamento da agente nervino opera a suo avviso del Cremlino.

Navalnaya ha accusato Putin della morte del marito e ha giurato di continuare le sue attività. I ​​funzionari russi hanno negato con veemenza il coinvolgimento nell’avvelenamento e nella morte di Navalny, ma la donna ha deriso la sentenza della corte via Social su X, affermando che Putin dovrebbe essere perseguito non lei. La sua portavoce, Kira Yarmysh, ha descritto la sentenza della corte come un riconoscimento dei suoi “meriti”. Il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha osservato su X che Navalnaya sta portando avanti l’eredità del marito e ha denunciato la sentenza del tribunale di Mosca come “un mandato di arresto contro il desiderio di libertà e democrazia”.

La sentenza del tribunale del 2021 che ha messo fuori legge il gruppo di Navalny ha costretto anche i suoi stretti collaboratori e membri del team a lasciare la Russia. Negli ultimi mesi, diversi giornalisti sono stati incarcerati con accuse simili in relazione alla loro copertura di Navalny. La repressione del Cremlino nei confronti degli attivisti dell’opposizione, dei giornalisti indipendenti e dei comuni cittadini russi critici nei suoi confronti si è intensificata dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia nel febbraio 2022.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY