Musica

ASSOMUSICA CHIEDE SANZIONI PER I SITI DI “SECONDARY TICKETING”

Segnalate all'Agcom maggiorazioni fino a 15 volte e oltre dei prezzi ufficiali dei biglietti sui siti 'Viagogo', 'StubHub' e 'MyWayTicket' per alcuni concerti come i tour di Jovanotti, Laura Pausini, Biagio Antonacci, Elisa, The Giornalisti e Jack Savoretti

Assomusica, l’associazione degli organizzatori e produttori di spettacoli di musica dal vivo, alla quale aderiscono oltre 120 imprese che realizzano l’80% dei concerti in Italia, ha presentato un esposto all’autorità per le garanzie nelle comunicazioni (Agcom) e all’Antitrust (Agcm) per chiedere di sanzionare i siti di secondary ticketing, segnalando all’Agcom le maggiorazioni fino a 15 volte e oltre dei prezzi ufficiali dei biglietti sui siti ‘Viagogo’, ‘StubHub’ e ‘MyWayTicket‘ per alcuni concerti come i tour di Jovanotti, Laura Pausini, Biagio Antonacci, Elisa, The Giornalisti e Jack Savoretti. Un esempio? Per il tour di Jovanotti ‘Jova Beach Party‘ a fronte di un biglietto con posto unico fissato a 52 euro per la data del 28 agosto a Lignano Sabbiadoro, su Viagogo si può arrivare fino a 300 euro, cioè 6 volte in più (+500%). Per altre date (6 e 27 luglio 2019) su MyWayTicket si possono toccare anche i 402 euro e su StubHub anche i 960 euro (+1.750%)”.

ASSOMUSICA CHIEDE SANZIONI PER I SITI DI "SECONDARY TICKETING"
Continua a leggere

MENGONI INIZIA OGGI IL SUO TOUR ITALIANO

Per la prima volta in live streaming su Facebook

Dopo il successo delle anteprime europee a Berlino, Zurigo, Monaco, Parigi e Madrid, Marco Mengoni torna in Italia e apre il suo “Atlantico Tour”con due date al Pala Alpitour di Torino oggi e domani.
Per la sua nuova avventura nei palazzetti, Mengoni ha già venduto quasi 200 mila biglietti, ma ci sono ancora biglietti disponibili.

Continua a leggere

A MORRICONE LE CHIAVI DELLA CITTÀ DI BARI

"Io penso sempre di non meritare niente, la musica è l'unica cosa che so fare e la faccio quando posso", ha detto il musicista dopo il ritiro del premio

Quattro Premi Oscar sul palcoscenico del Teatro Petruzzelli di Bari, e le chiavi della città al maestro Ennio Morricone, hanno aperto la decima edizione del Bif&st, il Bari International Film Festival in programma fino al 4 maggio. Accanto al maestro Morricone sono saliti sul palco il compositore Nicola Piovani e i registi Giuseppe Tornatore e Gianni Quaranta. Con la voce rotta dalla commozione, riporta Ansa, il maestro Morricone ha dedicato la consegna delle chiavi alla ricostruzione del Teatro Petruzzelli: “E la prima cosa che mi viene dal cuore”, ha detto.
“Voglio ringraziare tutti quelli che hanno parlato per me”, ha aggiunto dopo aver ascoltato la laudatio di Piovani e i saluti del governatore Michele Emiliano e del sindaco di Bari, Antonio Decaro: “Io penso sempre di non meritare niente, la musica è l’unica cosa che so fare e la faccio quando posso”. Le sue poche parole sono state interrotte più volte da fragorosi applausi del pubblico che ha assistito alla cerimonia.

MADONNA È TORNATA

Madonna e Maluma si esibiranno per la prima volta a Medellin ai 2019 Billboard Music Awards il 1 ° maggio

di Sylvie Simpson

“Madame X è tornata alle radici!”. Così Madonna ha presentato la sua metamorfosi in diretta da Londra e in collegamento via satellite con Milano, New York, Miami e San Paolo su MTV. Insomma Madonna is back e il motivo per cui la star americana è tornata in scena è il lancio del video “Medellin”, ossia del singolo che ha realizzato con Maluma e prodotto da Mirwais suo stretto collaboratore, che anticipa l’uscita del nuovo album dell’artista “Madame X” in arrivo il 14 giugno. “La musica è l’anima dell’universo”, ha detto la cantante, parlando dell’influsso multiculturale dell’album. “Ovunque siamo, qualunque lingua parliamo, quando sentiamo della musica ci sentiamo subito connessi al sentimento e all’emozione che l’artista vi aveva infuso: non importa il genere o la lingua, siamo connessi in modo primordiale attraverso la musica. Lo eravamo già, anche prima di Instagram!”.

Continua a leggere

BIEBER ANNUNCIA UNA PAUSA DALLA MUSICA SU INSTAGRAM

«Tornerò con un album appena possibile», ha assicurato l'artista

Justin Bieber

La scorsa notte, Justin Bieber è andato su Instagram per annunciare una pausa dalla musica: «La musica è molto importante per me, ma niente viene prima della famiglia e della salute». Con queste parole l’ex ragazzino prodigio strappato dall’oscurità di YouTube e trasformato in una stella, ha comunicato ai suoi fan la decisione di volersi dedicare a se stesso nel prossimo futuro e di voler abbondare tour e incisioni. «Tanti mi chiedono un nuovo album. Sono stato in tour durante la mia adolescenza e nella prima parte dei miei 20 anni. Ho capito, come probabilmente voi avrete visto, che ero infelice nell’ultimo tour. Non me lo merito e voi non ve lo meritate. Pagate per venire a un concerto vivace e divertente e io non sono stato in grado di darvelo. Ora sono concentrato sulla soluzione dei problemi profondi che ho, in modo da non cadere a pezzi, così da poter sostenere il mio matrimonio ed essere il padre che voglio essere. Tornerò con un album appena possibile», ha assicurato l’artista.

Hailey Baldwin

Bieber si è sposato il 13 settembre con la modella Hailey Baldwin, nipote di Alec Baldwin. Un epilogo che molti si aspettavano dal 2017 quando  Bieber ha iniziato a cancellare i concerti e ad apparire svogliato e infelice sul palco. «È giusto così, ti amo», ha risposto lei al post del marito.

ROMA, UNICA TAPPA ITALIANA PER PABLO ALBORÁN

Unico concerto a Roma all'Auditorium Parco della Musica il 22 giugno

Pablo Alborán

di Alejandra González

Il 22 giugno Pablo Alborán, uno fra i cantautori spagnoli più famosi al mondo, con più di 11 milioni di followers sui social media, 17 nomination ai “Latin GRAMMY” e già molti premi importanti vinti, 1 “Goya Award”, 3 “40 Principales Awards” e 1 “MTV EMA”, farà tappa in Italia con un unico concerto a Roma all’Auditorium Parco della Musica.

Il suo “Prometo Tour” è iniziato lo scorso 16 marzo, in America, al Bayfront Park Amphitheater di Miami. Una serata magica, caratterizzata da effetti speciali durante la quale Pablo ha cantato i migliori pezzi del suo nuovo album “Prometo”, ripubblicato con alcuni contenuti extra: alcune versioni acustiche, il concerto sold-out di Siviglia, un documentario sul tour e i videoclip delle hit di “Prometo”. Sul palco assieme a lui anche il cantante messicano Fher Olvera dei Maná, che ha cantato il brano “Rayando El Sol” mentre Pablo suonava il piano.

“Prometo”, primo nella classifica delle hit spagnole per più di 8 settimane, ha conquistando 6 certificazioni Platino, divenendo l’album più venduto del 2017 e del 2018, ricevendo anche una nomination ai Grammy Awards come “miglior album” nella categoria “pop latino”.

STEVE HACKETT, EX CHITARRISTA DEI GENESIS, AL MUSART FESTIVAL

Il musicista si esibirà giovedì 18 luglio in piazza Santissima Annunziata a Firenze, nell'ambito del Genesis revisited tour 2019

Nomi celebri al Musart Festival di Firenze e tra questi Steve Hackett, l’ex chitarrista dei Genesis, che si esibirà giovedì 18 luglio in piazza Santissima Annunziata a Firenze, nell’ambito del Genesis revisited tour 2019. Un’occasione unica per sentire per la prima volta Hackett eseguire interamente l’album dei Genesis ‘Selling England by the Pound‘, considerato quello definitivo dei Genesis”, che nel ’73, anno della sua uscita, conquistò subito la cima delle classifiche nel Regno Unito e vi restò per parecchi mesi.

Il 2019 segna anche il 40 anniversario di uno degli album solisti più famosi di Steve Hackett, ‘Spectral Mornings’, cui verrà reso tributo con l’esecuzione di alcuni brani. Non mancheranno gli intramontabili classici dei Genesis e un’anteprima degli inediti che faranno parte del nuovo album in uscita nel 2019. Sul palco Steve Hackett sarà accompagnato alle tastiere Roger King, a batteria, percussioni e voce Gary O’Toole, al sax, flauto e percussioni Rob Townsend, al basso e chitarra Jonas Reingold e alla voce Nad Sylvan.

APPROVATE LE NORME SUL COPYRIGHT

La norma entrerà in vigore due anni dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale UE

Copyright European Regulation. European Union Parliament voting content property copyright law. Europe author rights protection vote. EU flag Flat isometric vector illustration.

Sono state approvate le nuove norme UE sul copyright, che includono salvaguardie alla libertà di espressione, consentiranno a creatori ed editori di notizie di negoziare con i giganti del web.

I deputati hanno approvato la direttiva con 348 voti favorevoli, 274 contrari e 36 astensioni.


Si conclude così il processo legislativo, iniziato nel 2016, per il Parlamento europeo. Spetterà ora agli Stati membri, nelle prossime settimane, approvare la decisione del Parlamento.

La direttiva intende garantire che diritti e obblighi del diritto d’autore di lunga data si applichino anche online. YouTube, Facebook e Google News sono alcuni dei nomi di gestori online che saranno più direttamente interessati da questa legislazione.

La direttiva si impegna inoltre a garantire che Internet rimanga uno spazio di libera espressione.

I giganti del web d’ora in poi dovranno condividere i ricavi con artisti e giornalisti

La direttiva mira ad aumentare le possibilità dei titolari dei diritti, in particolare musicisti, artisti, interpreti e sceneggiatori (creativi) e editori di notizie, di negoziare accordi migliori sulla remunerazione derivata dall’utilizzo delle loro opere presenti sulle piattaforme Internet.

Le piattaforme Internet saranno direttamente responsabili dei contenuti caricati sul loro sito, dando automaticamente agli editori di notizie il diritto di negoziare accordi per conto dei giornalisti sulle informazioni utilizzate dagli aggregatori di notizie.

Libertà di espressione

Numerose disposizioni sono specificamente concepite per garantire che Internet rimanga uno spazio di libertà di espressione.

Poiché la condivisione di frammenti di articoli di attualità è espressamente esclusa dal campo di applicazione della direttiva, essa può continuare esattamente come prima. Tuttavia, la direttiva contiene anche delle disposizioni per evitare che gli aggregatori di notizie ne abusino.

Lo “snippet” può quindi continuare ad apparire in un newsfeed di Google News, ad esempio, o quando un articolo è condiviso su Facebook, a condizione che sia “molto breve”.

Il caricamento di opere protette per citazioni, critiche, recensioni, caricature, parodie o pastiche è stato protetto ancor più di prima, garantendo che meme e GIF continuino ad essere disponibili e condivisibili sulle piattaforme online.

Molte piattaforme online non interessate dalla direttiva

Nel testo viene inoltre specificato che il caricamento di opere su enciclopedie online in modo non commerciale come Wikipedia, o su piattaforme software open source come GitHub, sarà automaticamente escluso dal campo di applicazione della direttiva. Le piattaforme di nuova costituzione (start-up) saranno soggette a obblighi più leggeri rispetto a quelle più consolidate.

Diritti di negoziazione più solidi per autori, artisti, interpreti o esecutori

Autori, artisti, interpreti o esecutori potranno chiedere alle piattaforme una remunerazione aggiuntiva per lo sfruttamento dei loro diritti qualora la remunerazione originariamente concordata fosse sproporzionatamente bassa rispetto ai benefici che ne derivano per i distributori.

Agevolare la ricerca e preservare il patrimonio culturale

L’accordo mira a facilitare l’utilizzo di materiale protetto da diritti d’autore per la ricerca che si basa sull’estrazione di testi e dati, eliminando così un importante svantaggio competitivo che i ricercatori europei si trovano attualmente ad affrontare. Viene inoltre stabilito che le restrizioni del diritto d’autore non si applicheranno ai contenuti utilizzati per l’insegnamento e la ricerca scientifica.

Infine, la direttiva consentirà l’utilizzo gratuito di materiale protetto da copyright per preservare il patrimonio culturale. Le opere fuori commercio possono essere utilizzate quando non esiste un’organizzazione di gestione collettiva che possa rilasciare una licenza.

Come cambia lo status quo

Attualmente, le aziende online sono poco incentivate a firmare accordi di licenza equi con i titolari dei diritti, in quanto non sono considerate responsabili dei contenuti che i loro utenti caricano. Sono obbligate a rimuovere i contenuti che violano i diritti solo su richiesta del titolare. Tuttavia, ciò è oneroso per i titolari dei diritti e non garantisce loro un reddito equo.

La responsabilità delle società online aumenterà le possibilità dei titolari dei diritti (in particolare musicisti, interpreti e sceneggiatori, nonché editori di notizie e giornalisti) di ottenere accordi di licenza equi, ricavando in tal modo una remunerazione più giusta per l’uso delle loro opere sfruttate in forma digitale.

Axel Voss (EPP, DE) relatore del testo sul copyright, al voto oggi a Strasburgo, ha dichiarato: «Questo accordo è un passo importante per correggere una situazione che ha permesso a poche aziende di guadagnare ingenti somme di denaro senza remunerare adeguatamente le migliaia di creativi e giornalisti da cui dipendono.


il tedesco Ppe, Axel Voss, relatore del testo sul copyright, al voto oggi a Strasburgo

Allo stesso tempo, l’accordo contiene numerose disposizioni per garantire che Internet rimanga uno spazio di libera espressione. Tali disposizioni non erano di per sé necessarie, perché la direttiva non creerà nuovi diritti per i titolari. Tuttavia, abbiamo ascoltato le preoccupazioni sollevate e abbiamo scelto di garantire doppiamente la libertà di espressione. I “meme”, i “gif”, i “snippet” sono ora più che mai protetti.

Sono inoltre lieto che il testo concordato oggi protegga in particolare le imprese in fase di avviamento. Le aziende leader di domani sono le start-up di oggi e la diversità dipende da un profondo bacino di aziende giovani, innovative e dinamiche. Si tratta di un accordo che protegge la vita delle persone, salvaguarda la democrazia difendendo un panorama mediatico diversificato, rafforza la libertà di espressione e incoraggia la creazione di nuove imprese e lo sviluppo tecnologico. Aiuta a rendere Internet pronta per il futuro, uno spazio a beneficio di tutti, non solo di pochi potenti».

Prossime tappe

L’accordo sostenuto dal Parlamento deve essere ancora formalmente approvato dal Consiglio dei Ministri UE. Entrerà in vigore due anni dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale UE.

AL FESTIVAL DELLA BELLEZZA ATTESI NYMAN E LA SMITH

Alla manifestazione, che si svolgerà dal 30 maggio al 16 giugno al Teatro Romano di Verona, numerose le star musicali di fama internazionale

 © ANSA

Ufficializzati i nomi degli artisti che quest’anno inaugureranno il Festival della Bellezza, dedicato al tema “L’Anima e le Forme”, che si svolgerà dal 30 maggio al 16 giugno al Teatro Romano di Verona. Due le icone del panorama musicale internazionale: Michael Nyman, in un concerto unico con la Michael Nyman Band e il contralto Hilary Summers.

Il grande compositore e pianista Michael Nyman, autore di alcune delle colonne sonore più memorabili della storia del cinema, da “Lezioni di piano” a “Wonderland”

Tra i primi grandi ospiti annunciati anche Patti Smith, in uno speciale concerto-reading acustico, accompagnata da Tony Shanahan. Nyman il 30 maggio sarà al Teatro Romano per proporre al pianoforte, accompagnato da un’orchestra di archi e fiati con 12 elementi, la colonna sonora composta per “I misteri del giardino di Compton House” di Peter Greenaway.

Continua a leggere

ALLA APP TIK TOK SANZIONE DA 5,7 MILIONI DI DOLLARI

Le autorità americane hanno comminato una sanzione da 5,7 milioni di dollari all’app Musical.ly, conosciuta con il nome di TikTok, per aver raccolto illegalmente nomi, email, indirizzi e foto di bambini sotto i 13 anni.
TikTok, noto anche come Douyin in Cina, è un social network cinese lanciato nel settembre 2016. L’applicazione mobile TikTok consente agli utenti di creare brevi clip musicali, ed eventualmente aggiungere degli effetti. L’applicazione può registrare clip fino a un massimo di 15 secondi. Si tratta di una multa record per la violazione della legge sulla privacy per i bambini. La Federal Trade Commission afferma che TikTok ha 65 milioni di utenti negli Stati Uniti.

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall’articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall’articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall’articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l’offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.

FOLLOW US
Ultimi articoli