Showbiz

FESTIVAL DI TAORMINA, MORALES MADRINA, KIDMAN OSPITE D’ONORE

Giunto alla 65esima edizione, si svolgerà dal 30 giugno al 6 luglio 2019

Sarà Nicole Kidman l’ospite d’onore della 65a edizione del Taormina Film Fest che si svolgerà dal 30 giugno al 6 luglio 2019. L’attrice australiana Premio Oscar come migliore attrice per The Hours, riceverà il Taormina Arte Award nella suggestiva cornice del Teatro Antico.

Rocío Muñoz Morales

Il Festival, che quest’anno avrà come madrina l’attrice e modella spagnola Rocío Muñoz Morales, è prodotto e organizzato per il secondo anno consecutivo da Videobank, in collaborazione  con la Fondazione Taormina Arte (sostenuta dall’Assessorato regionale al Turismo e dal Comune di Taormina), con la direzione artistica di Silvia Bizio e Gianvito Casadonte. Ad inaugurare la rassegnaLadies in Black”, il nuovo film del regista australiano Bruce Beresford (A spasso con Daisy), che sarà presente a Taormina insieme a gran parte del suo cast. Tra gli altri ospiti, Kasia Smutniak con il film Dolce Fine Giornata di Jacek Borcuch, recentemente premiato al Sundance.

Kasia Smutniak

Tra le proiezioni speciali sul grande schermo ci sara’ la prima italiana di “Yesterday” di Danny Boyle sui Beatles, con Hamish Patel e Lily James, e l’attesissimo film concerto “Amazing Grace”con una giovane Aretha Franklin. La Giuria composta dallo scrittore André Aciman (“Chiamami col tuo nome”), dal compositore Carlo Siliotto (“Instructions Not Included”) e dall’attrice Laura Morante sarà presieduta da Oliver Stone,che tra l’altro presenterà al festival il documentario The Untold History of Ukraine di Igor Lopatonok, di cui è produttore esecutivo.

Ph. Lisa Tomasetti

Nella foto, Rachael May Taylor, protagonista di Ladies in Black,un film drammatico-comico australiano del 2018 diretto da Bruce Beresford , tratto dal romanzo del 1993 The Women in Black di Madeleine St John e racconta la storia di un gruppo di impiegati di un grande magazzino ambientata nel 1959 a Sydney
Continua a leggere

CONFERMATO: ARCHIE, IL FIGLIO DI MEGHAN E HARRY, É NATO AL PORTLAND HOSPITAL E NON A CASA

Dopo tanti rumors sul luogo dov'è nato l'ultimo dei Windsor, già anticipato da WHAT-U, è arrivata la conferma ufficiale

“Archie Harrison Mountbatten-Windsor – si legge nel certificato di nascita – è nato il 6 maggio” al Portland Hospital”.

di Paul Smith

Finalmente è arrivata la conferma scritta nel certificato di nascita dell’ultimo nato dei Windsor: Archie è nato in un ospedale di Londra, e non con un parto in casa nella lussuosa residenza dei duchi di Sussex di Frogmore Cottage, come aveva anticipato pochi minuti dopo la nascita del royal baby What-u.


“Archie Harrison Mountbatten-Windsor – si legge nel documento – è nato il 6 maggio” al Portland Hospital”.

Un ospedale tra i più favoriti, soprattutto dalla mamme
al primo parto dopo i 35 anni, (N.d.R.: e sicuramente di un certo status sociale, visto che un parto standard costa tra le 15mila e le 20mila sterline), perché considerato tra i migliori per la sua efficienza.

SALMO OVEST, ECCO IL NOME DEL 4° BEBÉ DI CASA KARDASHIAN

La star americana aveva annunciato la nascita del quarto bebé venerdì scorso su Twitter scrivendo: "Ecco qui ed è perfetto!"

Si chiama Salmo Ovest. Così Kim Kardashian West ha rivelato il nome del suo quarto figlio su Twitter e Instagram, una settimana dopo l’arrivo del bambino.

“Bella festa della mamma con l’arrivo del nostro quarto figlio. Siamo benedetti oltre misura. Abbiamo tutto ciò di cui abbiamo bisogno “, aveva scritto su Twitter.

Continua a leggere

LA STRANA COPPIA, HUNZIKER E J-AX ASSIEME IN “ALL TOGETHER NOW”, LO SHOW CHE OLTREMANICA HA GIÀ FATTO IL RECORD DI ASCOLTI

Da giovedì 16 maggio 2019, in prima serata su Canale 5, debutta in Italia BBC One, lo show musicale che in UK ha ottenuto da subito un successo incredibile e in poco più di un anno è divenuto il format più venduto nel mondo nel minor tempo possibile

di Paola Manfredi

Da sinistra: Michelle Hunziker, Roberto Cenci e J-Az

La musica e un Muro di 100 giurati, la musica e più di 50 concorrenti cantanti, la musica e 1 solo vincitore. Da giovedì 16 maggio 2019, in prima serata su Canale 5, debutta in Italia “All Together Now”, il programma basato sul format inglese creato da REMARKABLE TELEVISION, una Endemol Shine UK company e distribuito da Endemol Shine.Partito nel gennaio dello scorso anno sulla rete inglese BBC One, lo show musicale ha ottenuto da subito un successo incredibile: in poco più di un anno si è affermato come il format più venduto nel mondo nel minor periodo di tempo. Alla guida delle 6 puntate della versione italiana Michelle Hunziker. J-Ax vestirà i panni di presidente di una incredibile giuria, composta da ben 100 personaggi variopinti e competenti, che formeranno un vero e proprio Muro Umano come non si era mai visto prima in tv. Tra i giudici del Muro cantanti e volti noti e tantissimi altri professionisti del mondo della musica e dello spettacolo.

La musica e un Muro di 100 giurati, la musica e più di 50 concorrenti cantanti, la musica e 1 solo vincitore. Da giovedì 16 maggio 2019, in prima serata su Canale 5, debutta in Italia “All Together Now”, il programma basato sul format inglese creato da REMARKABLE TELEVISION, una Endemol Shine UK company e distribuito da Endemol Shine.Partito nel gennaio dello scorso anno sulla rete inglese BBC One, lo show musicale ha ottenuto da subito un successo incredibile: in poco più di un anno si è affermato come il format più venduto nel mondo nel minor periodo di tempo. Alla guida delle 6 puntate della versione italiana Michelle Hunziker. J-Ax vestirà i panni di presidente di una incredibile giuria, composta da ben 100 personaggi variopinti e competenti, che formeranno un vero e proprio Muro Umano come non si era mai visto prima in tv. Tra i giudici del Muro cantanti e volti noti e tantissimi altri professionisti del mondo della musica e dello spettacolo.

Continua a leggere

DORIS MUORE ALL’ETÀ DI 97 ANNI

La sua Doris Day Animal Foundation ha confermato la sua morte stamattina nella sua casa a Carmel Valley, in California

di Paula Martin

Doris Day, la solare attrice bionda e cantante i cui spumeggianti ruoli nelle commedie e nei musical l’hanno resa una delle più grandi star di Hollywood negli anni ’50 e ’60 e un simbolo di sana femminilità americana, è morta all’età di 97 anni. Sostenitrice dei diritti degli animali, la sua Doris Day Animal Foundation ha confermato la sua morte stamattina nella sua casa a Carmel Valley, in California.

“A causarne la morte una grave polmonite, contratta alcuni mesi fa, che ne ha causato la morte”, ha dichiarato la fondazione in una nota inviata via email all’Associated Press.

La stilista Stella McCartney, poco dopo la sua morte ha tweetato: “L’unica, l’unica, la donna che ha ispirato molto di quello che faccio … Doris Day Ti amo. Una donna iconica che sono stata enormemente onorata di incontrare con la quale ho condiviso momenti preziosi. Riposa in pace”.

Nata da un’insegnante di musica e una casalinga a Cincinnati, aveva sognato una carriera da ballerina, ma all’età di 12 anni a causa di un brutto incidente di auto che le causò una grave frattura della gamba dovette abbandonare i suoi studi di ballerina classica. Dalla danza al canto però il passo fu breve. Grazie alla lunga convalescenza che le diede l’opportunità di ascoltare le canzoni di Ella Fitzgerald, Doris decise di cimentarsi nel canto prima in una stazione radio di Cincinnati, poi in una discoteca locale, e infine a New York.

Continua a leggere

AVENGERS: ENDGAME ANCORA INCASSI RECORD

Continua il successo di Avengers: Endgame sul mercato americano, che con un ulteriore incasso di altri 63 milioni di dollari incassati nel week end sul mercato nord americano, arriva a quota 723,4 milioni di dollari casalinghi. E’ il terzo maggior incasso di sempre, dietro Avatar (760 milioni) e Star Wars – Il risveglio della forza (936 milioni). A livello mondiale il film dei fratelli Russo è ormai a quota 2,48 miliardi di dollari, sempre più vicino al record assoluto di Avatar (2,78 miliardi). Debutto in seconda posizione per Detective Pikachu: il film di Rob Letterman con il mostriciattolo giallo ispirato all’omonimo gioco Nintendo ha raccolto 58 milioni di dollari nel fine settimana. Sul terzo gradino del podio un’altra new entry, la commedia Attenti a quelle due (The Hustle), di Chris Addison, con 13,5 milioni di dollari.

VINCENZO SPERA, UNA VITA DA PROMOTER, RIVELA I SEGRETI DEI DELLE STAR DELLA MUSICA MONDIALE E PARLA DEI SITI DI SECONDARY TICKETING…

Intervista al presidente di Assomusica che racconta chicche esclusive dei suo incontri con centinaia di vip della musica e dice la sua sulla querelle nata per la vendita di biglietti per gli spettacoli di musica dal vivo

Vasco Rossi e Vincenzo Spera prima di uno dei concerti di Vasco a Genova

di Patrizia McCarthy

L’intervista con Vincenzo Spera, attuale presidente – al secondo mandato – di Assomusica, l’associazione alla quale aderiscono oltre 120 imprese che realizzano l’80% dei concerti in Italia, oltre che membro della Consulta dello Spettacolo del MIBACT e del consiglio di presidenza Agis, riesco a fissarla dopo un paio di tentativi, (N.d.R.: perché lui è perennemente impegnato), al telefono. Lo chiamo per parlare della querelle nata per gli spettacoli di musica dal vivo riguardo i siti di secondary ticketing e della sua esperienza ultra quarantennale nei panni di promoter, che ha raccontato anche nel libro autobiografico “A un metro dal palco” scritto assieme all’amico di una vita, il giornalista Renato Tortarolo.

Vasco Rossi con Vincenzo Spera all’Aeroporto di Genova, Cristoforo Colombo

Anche Assomusica è intervenuta per arginare il fenomeno dei secondary ticketing. Che cosa avete fatto?  

«Assomusica ha presentato un esposto all’autorità per le garanzie nelle comunicazioni (Agcom) e all’Antitrust (Agcm) per chiedere di sanzionare i siti di secondary ticketing, segnalando all’Agcom le maggiorazioni fino a 15 volte e oltre dei prezzi ufficiali dei biglietti sui siti ‘Viagogo, StubHub e MyWayTicket per alcuni concerti come i tour di Jovanotti, Laura Pausini, Biagio Antonacci, Elisa, The Giornalisti e Jack Savoretti. Un esempio? Per il tour di Jovanotti ‘Jova Beach Party‘ a fronte di un biglietto con posto unico fissato a 52 euro per la data del 28 agosto a Lignano Sabbiadoro, su Viagogo si può arrivare fino a 300 euro, cioè 6 volte in più (+500%). Per altre date (6 e 27 luglio 2019) su MyWayTicket si possono toccare anche i 402 euro e su StubHub anche i 960 euro (+1.750%)».

Vincenzo Spera con Gianni Morandi

 Dal primo di luglio, grazie all’emendamento approvato nell’ultima legge di bilancio del Governo come strumento di contrasto al fenomeno del secondary ticketing i biglietti per i concerti dal vivo saranno nominativi. Pensa sia una buona soluzione?

«No perché per i concerti dal vivo, i costi dei biglietti aumenteranno, cambiare il nome dell’utilizzatore non sarà una procedura veloce e si creeranno più code agli ingressi per i controlli. Quest’emendamento rischia di generare soltanto un grande caos. Per attuare i necessari controlli, gli organizzatori dovranno aprire i cancelli molto tempo prima, impegnando più personale su più turni. Questi costi saranno pagati dai cittadini che acquisteranno il biglietto, aumenteranno code e tempi di attesa, specie in occasione di grandi manifestazioni. I consumatori non potranno più regalare un biglietto a un familiare, amico o parente. Le procedure per il cambio del nominativo non saranno semplici e immediate e potranno comportare ulteriori costi. In poche parole riteniamo che le misure disposte, invece di perseguire l’attività criminosa di alcuni soggetti e/o imprese che sono la causa del fenomeno e che su di esso lucrano ingentemente, colpiscano fortemente i consumatori e gli organizzatori di spettacoli dal vivo, comportando ricadute negative, certe, sull’intero settore».

Continua a leggere

MEGHAN PRIMA FESTA DELLA MAMMA CON ARCHIE

Sul loro account di Instagram, @sussexroyal una dolce immagine di lei che sostiene con le mani i piedini del piccolo royal baby e sullo sfondo i fiori preferiti di di Lady Diana, i "nontiscordardime"

di Colin Antony Groves

PH. DOMINIC LIPINSKI

La duchessa Meghan Markle ha festeggiato oggi la sua prima festa della mamma a pochi giorni dalla nascita di Archie Harrison. A dire il vero quest’anno la festa della mamma nel Regno Unito è già stata celebrata lo scorso 31 marzo, ma poiché negli Usa e in molti stati d’Europa è oggi, Meghan ha colto l’occasione per onorarla assieme ad Harry e il neo arrivato Archie, condividendo sul loro account di Instagram, @sussexroyal una dolce immagine di lei che sostiene con le mani i piedini del piccolo royal baby e sullo sfondo i fiori preferiti di di Lady Diana, i “nontiscordardime”.


La tradizione europea fa risalire il significato di questo fiore ad una legenda austriaca,
secondo la quale un giorno due innamorati, mentre passeggiavano lungo il Danubio
scambiandosi promesse e tenerezze, rimasero affascinati dalla grande quantità di fiori blu,
che venivano trasportati dalla corrente. Il giovane, nel tentativo di raccogliere
alcuni di questi fiori per l’amata, venne inghiottito dalle acque, gridando “Non dimenticarmi mai!”.La valenza da allora attribuita al fiore è quella della fedeltà e dell’amore eterno.

“Rendiamo omaggio oggi a tutte le madri – passate, presenti, future madri e quelle perdute, ma ricordate per sempre”, recitava il messaggio della coppia reale. “Onoriamo e celebriamo ognuna di voi”.

Il principe Harry, Duca di Sussex, e sua moglie Meghan, Duchessa di Sussex, posano per una foto con il loro figlio appena nato, Archie Harrison Mountbatten-Windsor, nella St. George’s Hall del Castello di Windsor a Windsor, a ovest di Londra, l’8 maggio2019.
PH. DOMINIC LIPINSKI

Meghan e Harry, hanno poi concluso il loro messaggio condividendo una citazione del poema “Terre” del 2013 scritto da Nayyirah Waheed: “Mia madre era il mio primo paese, il primo posto in cui abbia mai vissuto”.

Continua a leggere

4° FIGLIO PER LA KARDASHIAN, 2° NATO CON LA FECONDAZIONE ASSISTITA

Pochi minuti dopo la sua nascita, della neo arrivata di quasi 3 chilogrammi, l'attrice ha detto che era uguale al fratello Chicago

ph.
Dimitrios Kambouris

di Patrick Manfredi

Kim Kardashian West e Kanye West hanno dato il benvenuto al loro quarto figlio, un bambin, il secondo per la coppia nata con la fecondazione assistita, dopo Chicago, che ora ha 1 anno e mezzo.

Ieri la Kardashian West ha twittato: “È qui ed è perfetta!” .

Il bambino nato di quasi 3 chilogrammi, è stata molto attesa dai tre fratellini North, Saint e Chicago, entusiasti del suo arrivo.

Kardashian pochi minuti dopo il lieto evento ha tweettato un commento sulla nuova arrivata: “É il gemello …lol… di Chicago anche se è sicuro che cambierà molto, ora sembra proprio come lui”.

RAMAZZOTTI FERMA IL SUO TOUR PER OPERARSI ALLE CORDE VOCALI

Riprenderà regolarmente l'11 luglio a Locarno per 2 mesi di festival musicali

Eros Ramazzotti ha scelto di annunciare lo stop momentaneo del suo tour per un intervento alle corde vocali con un post su instagram per tranquillizzare i suoi fan e per dire loro che a luglio tornerà sul palco.
 “Alla fine della prima fase del tour”, scrive Eros ho dovuto necessariamente fermarmi per farmi operare alle corde vocali per un problema di ispessimento e per ritornare ancora più forte di prima. Ora dovrò stare fermo e riabilitarmi per due mesi. Mi dispiace per i miei fan sparsi in nord, centro e sud America. Recupererò tutto l’anno prossimo, ma in Europa riprenderò regolarmente l’11 luglio a Locarno per 2 mesi di festival musicali. Grazie al prof. Markus Hess per la sua grande professionalità. Grazie a voi per l’affetto di sempre. Eros”

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall’articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall’articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall’articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l’offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.

FOLLOW US
Ultimi articoli