Anche le persone si spostano per lavoro tra le regioni del paese in cui vivono. Nel 2018, tra i 220 milioni di occupati di età compresa tra 20 e 64 anni nell’UE, 18,3 milioni, pari all’8,3% degli occupati, hanno fatto i pendolari da una regione all’altra all’interno del loro paese di residenza. Il più alto tasso di pendolarismo regionale nel 2018 è stato registrato in Belgio e nel Regno Unito, dove più di una persona su cinque (il 21% degli occupati) è trasferita in un’altra regione, seguita dai Paesi Bassi (17%). Il pendolarismo è stato un fenomeno comune anche in Danimarca, Germania, Lituania, Ungheria e Austria, dove circa il 10% degli occupati si è spostato per lavorare in una regione diversa. Le regioni con la più alta quota di pendolarismo sono risultate quelle nell’area londinese: a Outer London – South (il 61% degli occupati in quella regione), Outer London – East e North East (59%), Inner London – East (53%), Outer London – West and North West (48%), seguita da Prov. Brabant Wallon in Belgio (47%).

Translate »
error: Content is protected !!