[gtranslate] NATALE, LA TRADIZIONE DELLO SCAMBIO DEI DONI - WHAT-U

Fare regali è una tradizione antica, probabilmente antica quanto l’umanità stessa. Probabilmente era una pratica comune nella preistoria, che aiutava a mantenere relazioni amichevoli tra diversi gruppi di persone costruendo tra loro legami di fiducia.

Sappiamo che il solstizio d’inverno, solitamente il 21 o 22 dicembre, era un momento importante durante il Neolitico. In questo periodo le persone si riunivano in siti come Stonehenge per festeggiare e scambiarsi doni per commemorare la fine di un anno e l’inizio di quello successivo. Gli scavi a Durrington Walls, vicino a Stonehenge, hanno portato alla luce più di 38.000 ossa di animali, principalmente di maiali e alcuni bovini che erano stati macellati in pieno inverno. Molte delle ossa avevano ancora carne attaccata quando furono scartate, suggerendo che c’era cibo in abbondanza da portare in giro. In epoca preromana esisteva anche la tradizione di fare regali nel nuovo anno. All’inizio di ogni anno i Druidi regalavano rametti della loro pianta sacra, il vischio, per augurare buona fortuna al loro popolo per l’anno a venire. I romani donavano doni conosciuti come strenae, così chiamati in onore della Strenia, dea della salute e del benessere fisico, dal cui bosco sacro provenivano gli originali rametti di alloro portafortuna. Inizialmente i regali erano ramoscelli e rami di alberi sacri, ma in seguito furono scambiati noci dorate, o anche monete recanti l’immagine di Giano, il dio bifronte da cui prende il nome Gennaio. Anche nel corso dei Saturnalia, la festa più popolare dell’antico calendario romano, a partire dal 17 dicembre e fino al 23, le persone si scambiavano doni privati. Durante questo periodo di baldoria, il gioco d’azzardo era consentito, il lavoro veniva messo da parte e i padroni servivano i loro servi. Le persone si scambiavano regali scherzosi o piccole statuette di cera o ceramica. Scegliere il regalo giusto era importante e dipendeva dal proprio status sociale e dalla posizione. I regali simbolici di basso valore erano una misura dell’alta stima per un amico. I regali avvenivano soprattutto tra uomini, anche se partecipavano anche donne e bambini. Con la diffusione del cristianesimo nel mondo romano, l’usanza di fare doni il giorno di Capodanno continuò come contrappunto agli eccessi dei Saturnalia. Si legava anche meglio alla storia biblica dei Magi che donavano oro, incenso e mirra al bambino Gesù all’Epifania, il 6 gennaio.

I monarchi inglesi medievali, dal regno di Enrico III nel XIII secolo, fino all’epoca del Commonwealth a metà del XVII secolo, usavano la tradizione di fare regali a Capodanno per costringere i loro sudditi a far loro regali come forma di tassazione. Durante il periodo Tudor l’offerta competitiva di regali era molto evidente. Nel 1534 si dice che Enrico VIII abbia ricevuto regali tra cui una bussola d’argento dorata, una “bella” tavola di Ercole, una tavoletta d’oro con un quadrante antico, un “buono” orologio, un prymer di mano scritta in pergamena e un marmoset da signori della Corte. Anche la gente comune si scambiava doni a Capodanno, tra i regali più comuni erano guanti, arance e chiodi di garofano. Al di fuori dell’Inghilterra, il Capodanno scozzese o Hogmanay rimane la più grande celebrazione dell’anno, mentre in alcune parti dell’Europa settentrionale e orientale i doni venivano solitamente offerti verso l’inizio dell’Avvento, nel giorno della festa di San Nicola, il 6 dicembre. Mentre lo scambio dei regali di Capodanno era principalmente un’attività degli adulti, il giorno di San Nicola era un momento dedicato ai regali ai bambini, poiché Nicola era il santo patrono dei bambini. Nato a Myra in Asia Minore, nell’odierna Turchia, era un ricco vescovo che usava il suo denaro per aiutare i poveri, spesso facendo doni segreti alle persone che ne avevano bisogno. Una tradizione natalizia moderna che può essere associata a lui è la calza di Natale. La leggenda narra che aiutò segretamente un povero che non aveva abbastanza soldi per fornire la dote alle sue tre figlie, lasciando cadere dal camino dei sacchi d’oro nelle loro calze appese ad asciugare accanto al fuoco. Questo spiega perché oggi le persone tradizionalmente appendono le calze sul camino.

Giorni diversi per i regali

Lo spostamento dello scambio dei doni nel periodo natalizio può essere collegato in parte alla Riforma protestante nel nord Europa e all’abbandono di così tanti giorni di festa. Ha anche le sue radici nel Nord America e nella popolarità di Babbo Natale. I coloni olandesi in America avevano portato con sé storie di San Nicola da loro conosciuto come Sinterklaas. Col tempo divenne Babbo Natale e le sue consegne attuali si spostarono dal giorno di San Nicola alla vigilia di Natale. Tradizionalmente il giorno di Natale era contrassegnato da feste, feste e comportamenti generalmente turbolenti. Gruppi di giovani andavano di porta in porta, cantando canti natalizi e offrendo da bere dalla ciotola del wassail in cambio di doni. Era un momento per adulti piuttosto che per bambini, e Babbo Natale era un personaggio che fungeva da maestro di cerimonie per le feste invece di distribuire doni ai bambini. Tutto cambiò con i vittoriani che volevano trovare nuovi modi per onorare il Natale come un momento per le celebrazioni familiari piuttosto che per le feste sfrenate. La consegna dei regali di Natale faceva parte di questo nuovo Natale sano incentrato sui bambini e sulla vita familiare. A poco a poco nel corso del 19th secolo lo scambio di regali si è spostato dall’inizio di dicembre o dal Capodanno al Natale, tanto che intorno al 1870 l’arrivo di Babbo Natale con il suo sacco di regali alla vigilia di Natale era scontata in Inghilterra. Ancora oggi, però, i bambini aprono i regali in giorni diversi in diverse parti del mondo. In Belgio, Germania e in alcune parti dell’Europa orientale i regali vengono scartati il ​​6 dicembre, giorno di San Nicola. E nei paesi cattolici come Spagna, Italia e Messico devono aspettare per i loro doni fino all’Epifania, il 6 gennaio.

Regali per i poveri

Esiste anche una diffusa tradizione europea di fare doni ai poveri il giorno di Santo Stefano, il 26 dicembre. Nel Regno Unito questo si chiama Boxing Day, forse dal nome della cassetta per le elemosine collocata nella chiesa parrocchiale per raccogliere le donazioni per i poveri, o dalla cassetta dei doni donata ogni anno ai servi dai loro datori di lavoro. Sembra, infatti, che la tradizione di fare doni alla servitù il 26 dicembre abbia origini antichissime. I resoconti dell’Abbazia di Battle del XIII e dell’inizio del XVI secolo registrano la spesa ogni anno in regali di Natale per i servi del monastero. I conti della metà del XV secolo per l’Abbazia di Fountains registrano anche la spesa per i regali di Natale per la servitù.

Nel 1850 la Regina Vittoria scrive nel suo diario di aver camminato con i bambini al canile del Castello di Windsor per regalare scatole di Natale ai “piccoli McDonald’s”. I servi di Audley End nell’Essex nel 1860 avevano il Santo Stefano libero e ricevevano una cena a base di manzo, montone e i soliti piatti natalizi nella sala della servitù insieme alle loro famiglie. A metà del XX secolo Sylvia Grant-Dalton di Brodsworth Hall, nel South Yorkshire, continuò la tradizione della filantropia stagionale, organizzando regolarmente feste di Natale per i bambini della locale Brodsworth School, dove ognuno di loro riceveva un regalo dall’albero di Natale e condivideva una deliziosa colazione. del cibo per le feste.

I regali vittoriani e il Natale moderno

Oggi dobbiamo ringraziare i vittoriani per molti altri aspetti moderni della consegna dei regali di Natale. Ogni anno la regina Vittoria e il principe Alberto distribuivano tutti i regali l’uno per l’altro e per i figli reali sui tavoli presenti in una stanza decorata al Castello di Windsor. Quando la Regina si trasferì a celebrare il Natale a Osborne dopo la morte del Principe Alberto, la pratica fu continuata, con i tavoli disposti in una delle stanze dell’ala principale.

Le cartoline di Natale furono un’altra invenzione vittoriana, avviata da Sir Henry Cole nel 1843, un funzionario governativo che contribuì a creare l’ufficio postale e stava cercando modi per incoraggiare la gente comune a utilizzare il servizio postale. Fece stampare 2.050 cartoline, con l’immagine centrale di una famiglia che brindava al destinatario della carta, con scene di carità verso i poveri su entrambi i lati, e furono vendute per uno scellino ciascuna. Nel 1870 i biglietti d’auguri furono prodotti in serie per il mercato britannico.

Nello stesso periodo la pratica di avvolgere i regali in carta regalo a motivi colorati inizia a diventare popolare in Inghilterra. La tradizione viene dal Nord America, dove è stata resa popolare all’inizio del XX secolo da Rollie e Joyce Hall of Hallmark Cards. Prima di questo veniva utilizzata carta marrone o carta velina colorata e per gran parte del XIX secolo i regali venivano esposti scartati.

Anche la collocazione dei regali sopra o sotto l’albero di Natale è ispirata all’epoca vittoriana, ma continua fino al XX secolo. Inizialmente i regali erano piuttosto modesti – frutta, noci, dolci o piccoli ninnoli fatti a mano – che solitamente venivano appesi all’albero. Questo era ancora un luogo comune negli anni ’30, quando Marjorie Wellby fu invitata a una festa nella Sala Grande di Audley End con altri bambini della tenuta e ricevette regali dall’albero da Lord e Lady Braybrooke. Ha ricordato che l’albero era decorato con candele poiché non avevano elettricità e che i doni venivano distribuiti da uno dei figli di Lord Braybrooke vestito da Babbo Natale. Le calze venivano tradizionalmente appese il giorno di San Nicola, ma dall’inizio del XIX secolo, come molte altre tradizioni di regali di Natale, si spostarono alla vigilia di Natale. Anche se di solito per i bambini, le calze di Natale a volte possono essere riempite anche per gli adulti. Nan Herbert, direttrice dell’ospedale di Wrest Park , registra nel suo diario la gioia dei soldati convalescenti mentre aprivano le calze il giorno di Natale del 1914, in seguito alla quale “esplose un pandemonio di fischietti e trombette”.

La diffusione dei grandi magazzini

A metà dell’800 la tradizione di acquistare regali diventa una vera e propria ritualità. La diffusione dei grandi magazzini cambia dapprima le abitudini degli inglesi e poi quelle di tutti gli europei; un’illustrazione del 1853 dal sarcastico titolo Il prezzo del Natale rappresenta un papà sul calesse che attende il ritorno di madre e figlia, stremate, dalle compere natalizie: un’immagine che testimonia quanto una critica al materialismo fosse già presente ai tempi. Parallelamente, negli Stati Uniti, mentre Santa Claus assume il ruolo di divinità bontempona contribuendo allo sviluppo dell’aspetto commerciale della festa, si estende l’idea di dono al di là dei familiari.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY