[gtranslate] LIVIA GIUGGIOLI FIRTH. E L'AMORE CHE TUTTORA LA LEGA AL SUO COLIN - WHAT-U

Ci sono amori che finiscono definitivamente e altri che sopravvivono agli eventi che le hanno determinate e alle carte bollate delle separazioni. Così pare sia accaduto a quello tra Livia Giuggioli Firth, fondatrice e direttrice creativa di Eco Age -agenzia di comunicazione e consulenza che da anni supporta i brand internazionali nel loro percorso verso l’ecosostenibilità e l’attore Colin Firth. Non da parte di lui che dal 2022 ha iniziato una relazione con la sceneggiatrice Maggie Cohn, dopo 22 anni di matrimonio con Livia dal quale sono nati anche due meravigliosi ragazzi Luca, nato nel marzo 2001 e Matteo, nato nel luglio 2003,  ma da parte di lei. Capita infatti che Livia, talvolta incalzata anche dai commenti dei fan, lo citi sul suo account Instagram, dove tra l’altro sfoggia con orgoglio il cognome Firth. Un account che supera di poco i 100mila followers ma che conta tra queste molte persone  che tuttora fanno il tipo per una réunion tra i due. Oltre che qualche nome noto tra questi Luke Evans e Julianne Moore.

I bene informati però sanno che ciò è quasi impossibile anche perché Colin prima di decidere di separarsi a causa di una breve relazione tra Livia con un giornalista italiano, Marco Brancaccia, quando i due erano sposati, ci ha pensato su tantissimo. Ed era anche disposto a metterci su una pezza. Come capita a tanti, prendendosi anche la responsabilità di quello scivolone della moglie, dovuto al fatto che Livia si fosse sentita trascurata e non al centro delle sue attenzioni per molti mesi. Ma poi l’ex amante di Livia ha cominciato a tartassarlo con email e telefonate moleste, interviste che hanno portato a galla quella storiella che se fosse rimasta fra le quattro mura domestiche avrebbe potuto anche essere archiviata. Invece essendo poi divenuta di dominio pubblico, è stata la causa del loro addio.  

Livia però continua a scrivere post che lasciano intendere che il suo amore per Colin non sia finito. E scrive sul suo account Instagram: “Eppure, quello che voglio nella mia vita è essere disposto ad essere abbagliato – a mettere da parte il peso dei fatti e magari anche a galleggiare un po’ sopra questo mondo difficile. Voglio credere che sto guardando nel fuoco bianco di un grande mistero. Voglio credere che le imperfezioni non siano niente – che la luce sia tutto – che sia più della somma di ogni fiore difettoso che sale e cade. E lo faccio” cit di Mary Oliver, ne la Casa della Luce. E poi:  ancora parlando di amore: “Tutti i grandi insegnanti e riformatori sociali dall’antichità alla nostra età hanno un tema comune, il tema dell’amore. Dal Buddha a Gesù Cristo, da Mahavira a Mohammed, da Lao Tzu al Dalai Lama, da Madre Teresa a Martin Luther King, da Mahatma Gandhi a Nelson Mandela, e da Joan Baez a John Lennon, tutti hanno racchiuso i loro insegnamenti in una sola parola: Amore”. Amore amore amore che la lega con un filo sottile all’uomo che ha davvero amato nella sua vita.

C’è chi commenta le sue citazioni, parole e riflessioni spesso dicendo che lei e Colin erano una bellissima coppia e chi oltre a questo scrive che è convinto che i due torneranno assieme. A conti fatti l’attore dopo una relazione con l’attrice Meg Tilly (dal 1989 al 1994), conosciuta sul set di Valmont di Miloš Forman, dalla quale ha avuto un figlio, William “Will” Joseph Firth, nato nel 1990 e un’altra lovestory con l’attrice Jennifer Ehle conosciuta sul set di Orgoglio e pregiudizio (1995) con Livia ha vissuto un amore intenso e il più lungo della sua vita.

E poi c’è il legame fortissimo che aveva instaurato con l’Italia dove tuttora vive la sua famiglia, anche se i loro figli fanno la spola tra mamma e papà. E preferibilmente vivono a Londra per ragioni di studio e lavoro.

Quando nel 2017 Firth prese la cittadinanza italiana i quotidiani britannici lo criticarono scrivendo che alla base di quella scelta ci fosse un orientamento politico e non una scelta come poi lui spiegò di praticità avendo sposato un’italiana e avendo due figli nati in Italia.

«Tutti sanno che quando sposi un italiano non sposi una singola persona, sposi una famiglia e forse un intero paese. Io ho sposato l’Italia. Ho un amore appassionato per questo paese», disse la star all’epoca, «e unirmi a mia moglie e ai miei figli nell’avere una doppia cittadinanza è un grande privilegio. Mia moglie e io siamo entrambi profondamente orgogliosi dei nostri paesi. I nostri figli hanno la doppia cittadinanza da sempre. Io e Livia non avevamo mai dato molta importanza ai nostri passaporti differenti. Ma ora, con l’incertezza che ci circonda (per la Brexit, ndr), abbiamo pensato che sia giusto avere tutti gli stessi passaporti. Così Livia ha fatto richiesta della cittadinanza britannica».

Ora però Firth raramente capita in Italia. Anche perché è sempre molto impegnato per lavoro. Lo scorso 3 marzo nelle sale italiane è uscito il film Empire of Light che racconta una storia toccante incentrata sul potere dei legami umani in tempi burrascosi. Ambientato nei primi anni Ottanta in una cittadina costiera dell’Inghilterra il film racconta la storia di Hilary (Olivia Colman), una donna che gestisce un cinema Empire, di cui Colin nei panni di Mr Ellis ne è il direttore, e che deve fare i conti con la sua salute mentale e Stephen (Micheal Ward), un nuovo dipendente che sogna di fuggire da questa cittadina provinciale in cui deve affrontare avversità quotidiane. Sia Hilary che Stephen trovano un senso di appartenenza attraverso la loro dolce e improbabile relazione e sperimentano il potere curativo della musica, del cinema e della comunità. Un sentimento, che se Colin ha condiviso meno sul set, molti sperano potrebbe svilupparsi di nuovo nel cuore di Colin per la sua Livia. E come scrivono alcuni fan su Instagram…”mai dire mai”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY