[gtranslate] DOPO IL TRADIMENTO DI DAMIANO, GIORGIA SOLERI VOLTA PAGINA - WHAT-U

Come giustificare un bel paio di corna? Basta dire che si è sempre vissuti in una relazione  sentimentale aperta che di fatto prevede in tutte le coppie che uno cornifichi l’altro con una sorta di consenso pre-autorizzato. Come ha fatto Giorgia Soleri, l’influencer milanese, fidanzata con Damiano David frontman della rock band dei Måneskin dal 2007 che nonostante abbia sempre sbandierato una sessualità a porte aperte, dopo la pubblicazione in mondovisione del video su Tik Tok dell’appassionato bacio del suo compagno con un’altra, la modella Martina Taglienti, ha dovuto fare i conti come tante comuni mortali con un tradimento inaspettato. Inutile nasconderlo.  Altro che “primo passo di Damiano da uomo semi-libero” visto che l’annuncio della loro separazione sarebbe avvenuto qualche giorno dopo, ha poi dichiarato Giorgia. Una storia decisamente difficile da credere, visto che Martina, da tempo era vicino al cantante oltre che a tutta la band, che seguiva spesso in tournée.  E poiché nessuno di loro, nemmeno Victoria, la bassista del gruppo, sua amica da lunga data, le aveva mai lanciato un campanello di allarme, Giorgia oltre a Damiano ha deciso di cancellare tutti dal suo account Instagram regalando loro lo status di unfollower.

“Una storia di sguardi, ammiccamenti ed messaggi via instagram anche pubblici, che dura da parecchio quella con Martina”, dice un insider molto vicino alla band e che parlando del loro primo album, quello del 2017, dal titolo Chosen, contenente anche il brano Recovery ricorda che nel videoclip ufficiale del brano in questione, la bellissima ragazza, bionda, alta, fisico statuario era proprio Martina. La stessa Martina che scriveva a Damiano via Social. “TI AMOOOO“, scriveva lui (ironicamente?), oppure: “Posso dire che sei la mia fidanzata?“. E lei: “Non è professionale, non diciamolo in giro!“. Battute che già  all’epoca lasciavano intendere un certo trasporto tra i due, tenuto anche conto che  non è così frequente che un musicista si scambi messaggi così diretti con una fan. Ma questo non ha mai fatto insospettire Giorgia, che ora però ha dovuto fare i conti con una triste realtà che ha fatto prendere una svolta alla sua vita.

Come ha scritto in un lungo post su Instagram.

“Trovo che vivere la propria sessualità in modo libero, consensuale e completo sia bellissimo e arricchente per sé e per tutte le persone che, in modi diversi, si rapportano a no. Non considero l’esclusività un valore (al contrario lo è l’inclusività) motivo per cui la relazione tra me e Damiano era, di comune accordo e in modo del tutto consensuale, non monogama. Mi rendo conto che per alcuni può essere complesso da comprendere, ma il fatto che ci sia stato qualsiasi tipo di interazione con altre persone non è il fulcro del problema. Non lo era prima, per nessuno dei due, non vedo come potrebbe esserlo ora.

Per tutelarci però in questo momento delicato fatto di enormi cambiamenti, avevo chiesto esplicitamente di avere un po’ di discrezione nelle nostre vite pubbliche, almeno fino al giorno in cui (per evitare articoli su articoli di supposizioni e insinuazioni) avremmo comunicato di non essere più una coppia, cosa che doveva succedere oggi. Non è andata così, e il problema nasce da questo. Ma per quanto io sia arrabbiata, ferita e delusa non posso non considerare la nostra natura umana, fatta di tentavi ed errori. Avrebbe potuto evitare Damiano? Probabilmente sì. Come avrei potuto evitare altri errori nel corso di questi sei bellissimi anni insieme.

Siamo umani, fragili, vulnerabili. Sbagliamo, inciampiamo, cadiamo e ci rialziamo. Le nostre relazioni sono universi infiniti e complessi, e giudicarli dall’esterno è impossibile. Mi dispiace vedere come per tanti sia invece incredibilmente facile e veloce, quando a viverlo sono persone sotto i riflettori. Non siamo cartonati, ma carne e ossa, sentimenti e paure. Soffriamo e ridiamo come chiunque. Vi chiedo solo di avere rispetto di noi come persone e di questo amore che è stato fortissimo, intenso e profondo”.

E come in tutte le coppie la resa dei conti ora prevede solo accordi per dirsi addio nel migliore dei modi. Giorgia ha già lasciato fisicamente l’appartamento romano dove si era trasferita con Damiano, e nei prossimi giorni provvederà a ritirare tutti i suoi effetti personali. Gatti compresi.

Legolas, noto anche come Lego, è senza dubbio piuttosto famoso, perlomeno tra i fan della band. Il motivo è presto detto: questo micio è stato presentato al mondo in maniera piuttosto eccentrica. Nello specifico, è stato protagonista di una foto di nudo quasi integrale del cantante, postata a suo tempo sui social. E poi Bidet, il cui nome deriva da un aneddoto narrato su Instagram proprio da Giorgia. Sembra proprio che sia stato il micio stesso, in un certo senso, a scegliersi il nome: appena entrato in casa, si sarebbe andato a nascondere nell’incavo sul retro del bidet, e che sia rimasto incastrato abbastanza da richiedere l’intervento dei vigili del fuoco. Non mancano, tuttavia, teorie alternative. C’è chi sostiene che il nome Bidet sia una frecciata ai francesi, in seguito all’accusa mossa alla band di aver consumato droga in diretta proprio da un giornale francese. Secondo questa teoria, la scelta come nome del sanitario per la cui assenza proprio la Francia è nota non sarebbe casuale.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY