[gtranslate] Spagna ecco perché conviene comprare e dove - WHAT-U

cascade on river in town
Zamora Photo by Nati on Pexels.com

In Spagna conviene di più acquistare una casa o prenderla in affitto? L’Ufficio Studi del Gruppo Tecnocasa Spagna ha realizzato un’indagine per mettere a confronto queste due scelte condotta su un campione di oltre 670 città spagnole prendendo in considerazione il reddito locativo e la rata del mutuo in due archi temporali: sul lungo termine (25 anni) e sul breve termine (il primo anno), tenendo conto di tre periodi (anni 2015, 2021 e 2023) particolarmente rilevanti per livelli di prezzi e condizioni di mutuo.

«Nelle realtà territoriali analizzate», spiega Lázaro Cubero, Direttore Analisi del Gruppo Tecnocasa, «la scelta acquistare una casa conviene di più che affittarla e l’acquisto, tra l’altro, permette di generare un valore capitale che cresce ogni anno, cosa che non avviene con l’affitto». Per quale motivo? Perché dopo 25 anni, scegliendo l’acquisto, si generano saldi positivi a favore dell’acquirente in tutte le casistiche. E l’analisi dei redditi da locazione e gli interessi accumulati, nei tre periodi analizzati in più del 45% dei casi segnala un saldo positivo compreso tra 100.000 e 150.000 euro. Che aumenta nelle città di Madrid e Barcellona oscillando tra i 200.000 e 250.000 euro.

Nel breve periodo invece si osserva una maggiore variabilità, a seconda del periodo, della città e dei tassi di interesse praticati in quel momento. Tuttavia, Cubero ha sottolineato: “Possiamo evidenziare che, nel primo anno di acquisto, il reddito locativo è superiore all’importo pagato per il mutuo in tutte le città e nei tre periodi studiati”. Quindi meglio comprare!

Secondo i dati del rapporto  Estadística Registral Inmobiliaria esiste una forte disparità di prezzi tra le diverse città spagnole : acquistare un immobile nella città più cara (Donostia-San Sebastián) dove il prezzo è di 5.378 euro al metro quadrato non è la stessa cosa che acquistarlo in quella più economica (Zamora), il cui valore è di 1.038 euro.

Ma quali sono le città più economiche dove comprare una casa in Spagna?

1. Zamora

Zamora è una città situata nella regione di Castilla y León e si caratterizza per essere la più economica in Spagna. Il prezzo medio al metro quadrato in questo capoluogo di provincia spagnolo è di 1.038 euro , quindi una casa di circa 80 metri quadrati ha un costo medio di circa 83.040 euro. Quali i vantaggi di abitare a Zamora? Quello di vivere in una città tranquilla dove il costo della vita è accessibile , quindi acquistare un appartamento a Zamora può essere una buona opzione per chi cerca un’eccellente qualità di vita.

2. Jaén

Jaén, in Andalusia, nota per i suoi paesaggi di uliveti e il suo patrimonio culturale, è un’alternativa ottimale per acquistare casa per chi è alla ricerca di un acquisto che abbia un buon rapporto qualità-prezzo , poiché il prezzo al metro quadrato è di 1.097 euro. Nella cittadina andalusa una casa tipica può costare circa 87.760 euro. Quale il vantaggio di vivere a Jaén? Quello di vivere circondato da paesaggi naturali e beneficerai di un costo della vita basso rispetto ad altre città spagnole.

3. Ciudad Real

Nel cuore della Mancia si trova Ciudad Real, una città che offre un’eccellente qualità di vita e prezzi accessibili per le case in vendita. Secondo i dati del College of Registrars, il valore medio al metro quadrato è di 1.099 euro, quindi acquistare una casa a Ciudad Real costa circa 87.920 euro.

4. Ávila

Ávila è una cittadina economica che si trova a solo un’ora di macchina dalla città di Madrid , e anche qui il vantaggio del costo della vita economico ha un grande peso. Qui il costo al metro quadrato di una casa è è di 1.123 euro, quindi complessivamente la spesa da mattere in conto è di circa 89.840 euro.

5. Palencia

Tranquillità, patrimonio architettonico, costo della vita accessibile e una posizione strategica con facile accesso ad altre città importanti come Valladolid o Burgos . Palencia è un capoluogo di provincia ricco di storia, perfetto per chi desidera allontanarsi dal caos e dalla frenesia delle grandi città. Il prezzo al metro quadrato per le case in vendita a Palencia è di circa 1.125 euro, quindi per una casa di circa 80 metri quadrati bisogna mettere in conto una spesa di circa 90.000 euro.

6. Castellón de la Plana

Castellón de la Plana è la prima nella lista delle città più economiche in Spagna e fra quelle che si affacciano sul Mediterraneo. Il suo vantaggio? Tra i più apprezzati quello di essere vicino al mare. Sì perché questo capoluogo di provincia dispone di chilometri di spiaggia sulla costa mediterranea, di un clima piacevole con più di 300 giorni di sole all’anno e di una vivace vita culturale e ricreativa. Quanto costa una casa al metro quadrato? 1.133 euro. E un immobile medio, ossia di circa 80 metro quadrati, ha un costo medio di 90.640 euro. Dopo Castellón, due città molto appettibili sono anche Peñíscola e Benicassim.

7. Huelva

Anch’essa situata vicino al mare, con spiagge impressionanti e splendidi paesaggi naturali, Huelva ha un clima caldo e offre un’ottima qualità di vita. Quanto costa una casa al metro quadrato? In media 1.150 euro, quindi ipotizzando l’acquisto di una casa di 80 metri quadrati, va calcolata una spesa di 92.000 euro.

8. Cuenca

Cuenca è una bellissima città situata nella regione di Castilla-La Mancha, conosciuta per le sue famose “case sospese” e il suo centro storico medievale , dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. Quanto costa qui una casa al metro quadrato? 1.169 euro.

9. Lleida

Il prezzo al metro quadrato per acquistare una casa a Lleida è di 1.216 euro, un valore molto inferiore a quello della città di Barcellona (4.374 euro).

10. Murcia

A Murcia, che si distingue per il suo clima caldo e l’atmosfera mediterranea, luogo ideale per risiedere tutto l’anno o per acquistare una seconda proprietà vicino al mare a prezzi convenienti, il valore di un immobile al metro quadrato è di 1.240 euro, quindi una casa in vendita di 80 metri quadrati a Murcia vale circa 99.200 euro. 



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY