TRUMP LAPIDARIO CON COHEN, PLAUDENTE CON KIM JONG-UN

  • 3
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Nonostante di fatto non sia stato raggiunto alcun accordo durante il summit di Hanoi, Kim Jong-un e Donald Trump si sono promessi di incontrarsi ancora, lo riporta la Kcna, con l’obiettivo di continuare a discutere i “miglioramenti significativi” dei legami valutando il loro secondo vertice una “buona occasione” per radicare la fiducia, rafforzare le relazioni e fare “discussioni produttive”. Il dispaccio non menziona il mancato accordo, ma ribadisce l’impegno a “stretti contatti per la denuclearizzazione della penisola e lo sviluppo epocale delle relazioni Usa-Corea Nord in futuro”.

E che le prospettive vadano sono verso un miglioramento costante e proficuo lon ha ribadito anche il presidente americano Donald Trump in un’intervista a Fox, durante la quale ha definito “un buon rapporto” quello con il leader nordcoreano Kim, spiegando però che “non era il momento giusto” per firmare un accordo.

Trump ha colto anche l’occasione anche per ribadire il suo pensiero sul suo ex avvocato Michael Cohen dicendo che Cohen è un “bugiardo” e che le indagini sul Russiagate sono un falso, una “caccia alla streghe”.

Michael Cohen, ex avvocato e consulente di Donald Trump, oggi suo accusatore

Michael Cohen in audizione per la prima volta nella sua vita davanti al Congresso ha dichiarato: «I have lied, but I’m not a liar» (N.d.R. Ho mentito, ma non sono un bugiardo). In attesa di sapere se Cohen verrà buttato nel girone degli inferi o si guadagnerà il Paradiso, fior di consulenti psicologi, esperti in criminologia nei più celebri talk show americani analizzano parola per parola e ogni gesto di Cohen per offrire il loro parere sulla sua credibilità.


  • 3
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall’articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall’articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall’articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l’offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.

FOLLOW US
Ultimi articoli