WILLIAM E KATE DESTINAZIONE BLACKPOOL

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Destinazione Blackpool, un piccolo borgo nella contea del Lancashire che si affaccia sul mare d’Irlanda che dista 48 km da Liverpool e 64 da Manchester, in passato una delle località balneari più visitate d’Inghilterra. Un viaggio particolare per William e Kate, duca e duchessa di Cambridge e duchessa, che sono stati accolti con grande entusiasmo dal sindaco Gary Coleman e sua moglie Debbie.

Dopo i saluti di rito, William e Kate sono stati subito coinvolti in un briefing il cui obiettivo era parlare dei progetti di investimento e di rigenerazione della città descritta “nel passato come un gioiello nella corona dell’industria turistica britannica”. Un passato oramai lontano perché purtroppo poi per Blackpool, da quando le persone hanno iniziato a viaggiare più lontano per andare in vacanza, è iniziato un lento declino economico, che ora le autorità locali hanno deciso di contrastare con un piano riqualificativo.

 La seconda tappa della visita è stata la famosissima Tower Ballroom, aperta al pubblico tutti i giorni, dove però per il duca e la duchessa di Cambridge non sono saliti.

“Un motivo in più per tornare”, ha detto Kate la prossima volta però in compagnia del Principe George, la principessa Charlotte e il Principe Louis.

Terza tappa, l’asilo nido Happy Tots di North Shore, dove Williame Kate sono stati accolti con entusiasmo dai bambini che hanno regalato loro doni realizzati con le pietre e i fiori di Blackpool, che entrambi hanno apprezzato molto.

E quando William ha chiesto ai ragazzi del posto qual era il sapore della roccia, i giovani hanno risposto: “Blackpool”.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall’articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall’articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall’articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l’offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.

FOLLOW US
Ultimi articoli