ROMICS 2019, NUOVO RECORD DI PUBBLICO

  • 3
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Tra gli ospiti illustri oltre a Dafoe, Giorgio Cavazzano, uno fra i fumettisti Disney più famosi al mondo, Luciano Gatto, Carlo Panaro, Marco Gervasio, la celebre scrittrice Eleonora Caruso e moltissimi Youtuber

di Maurizio Capellino

Grande successo di affluenza di pubblico per la XXV edizione di Romics, il grande appuntamento internazionale sul fumetto, l’animazione, i games, il cinema e l’entertainment che si tiene due volte l’anno a Roma con oltre 400.000 visitatori annui. Il festival che ha chiuso i battenti  7 aprile, ha registrato un’affluenza record di oltre 200mila visitatori.

Organizzato da Fiera di Roma e ISI.Urb, in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca, Regione Lazio, Camera di Commercio Roma, Union Camere Lazio – Camere di Commercio del Lazio, con il Patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, e del Centro per il Libro e la Lettura, quest’anno i Romics d’Oro assegnati sono stati 5.

Il primo a Reki Kawahara, scrittore giapponese di light novel e manga, noto al grande pubblico per Accel World e Sword Art Online. Il secondo ad Alessandro Bilotta, autore d’eccezione, sceneggiatore, soggettista e story editor delle più famose serie a fumetti da Giulio Maraviglia fino a Dylan Dog e Mercurio Loi (Bonelli Editore). Il terzo a George Hull, uno dei più importanti concept designer e ricercato dalle major per la sua abilità nell’inventare universi immaginativi, robot, astronavi e paesaggi del futuro. Nei suoi credits: The Matrix: Reloaded, Cloud Atlas, Blade Runner 2049, Star Wars Episode VIII – Gli ultimi Jedi, Guardiani della Galassia Vol. 2, Transformers 3 e il prossimo Godzilla: Kings of Monsters. Il quarto a uno dei disegnatori più importanti del fumetto statunitense contemporaneo: Ryan Ottley, conosciuto soprattutto per il lavoro su Invincible, la serie di supereroi creata da Robert Kirkman e Cory Walker, e di recente, per quello su The Amazing Spider-Man. Il quinto a Willem Dafoe, una delle star più eclettiche del cinema artista mondiale, molto vicino anche al mondo di Romics, con più di 100 film al suo attivo, tre candidature agli Oscar e un Orso d’Oro alla Carriera nell’ultimo festival di Berlino. Nei suoi credits figurano blockbuster superomistici quali: Spider-man e Aquaman, film di genere quali Assassinio sull’Orient Express, John Wick e Platoon e performance di doppiaggio per Alla ricerca di Nemo, Death Note e I Simpsons.

Un successo l’anniversario per gli 80 anni di Batman

Per l’80mo Anniversario di Batman grande successo l’ha avuto la grande mostra di tavole originali, omaggi d’artista, statue e contenuti trasmediali dedicati all'”uomo pipistrello”, comparso per la prima volta sulla rivista Detective Comics #27 il 30 marzo del 1939, grazie anche all’ausilio della Warner Bros. Entertainment Italia, DC Comics e  RW Lion.

Tanti gli impegni di cui quest’anno si è fatta promotrice Romics, dalla collaborazione con la Regione Lazio, Unioncamere Lazio, Camera di Commercio di Roma per valorizzare le numerose industrie culturali creative presenti sul territorio, alla Campagna Nazionale Piùlibriascuola a cui hanno già aderito le principali case editrici, con l’obiettivo di contribuire al miglioramento delle biblioteche scolastiche, al Concorso Nazionale I Linguaggi dell’Immaginario per la Scuola realizzato in collaborazione col Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca quest’anno giunto alla terza edizione. In più quest’anno Romics ha aderito alla Campagna promossa dal Maeci e dalla Fao inserendo tra le tematiche del bando la tematica #FameZero.

Assoluta novità di quest’anno la Romics_Camp: una call rivolta a singoli o a team di innovatori e creativi con l’obiettivo di individuare idee innovative, con potenziale di mercato, nei segmenti new media & entertainment in collaborazione con la Sapienza Università di Roma, Saperi&Co, Centro di ricerca e servizi Sapienza dedicato alla ricerca e all’innovazione, e Nesta Italia, fondazione che opera nel campo dell’innovazione e che nasce dalla collaborazione tra Nesta UK e Compagnia di San Paolo, una delle maggiori e più antiche fondazioni filantropiche italiane.

«Stiamo vivendo un anno simbolo per l’immaginario fantascientifico e distopico», racconta Sabrina Perucca, Direttore Artistico di Romics. «Blade Runner di Ridley Scott è ambientato nel 2019 ed anche il grande cult Akira di Otomo immagina la sua neo Tokyo in questo anno. E, allo stesso nel 2019 si celebra il 50mo anniversario dello sbarco sulla Luna. Un’epoca, insomma, che vive nelle suggestioni tra l’immaginato/immaginario e il reale, dal presente al prossimo futuro, e in cui la tecnologia che fino a qualche anno fa sembrava fantascienza è divenuta di uso comune».

Tra gli ospiti illustri oltre a  Dafoe, Giorgio Cavazzano, uno fra i fumettisti Disney più famosi al mondo, Luciano Gatto, Carlo Panaro, Marco Gervasio, la celebre scrittrice Eleonora Caruso di fanfiction e caso editoriale con Le ferite originali. L’illustratrice e fumettista Barbara Baldi che si è raccontata in un dialogo con Bruno Luverà. Lo scrittore colombiano David J. Moreno, Elisa Menini, autrice Oblomov Edizioni, la manga editor e fumettista Midori Yamane, Shockdom, Alessandra Patanè, Roberto Battestini, un autore alla ricerca dell’essenziale. Mirco Delle Cese, saggista, appassionato collezionista e cultore del mondo dei media presenta il suo libro Anni Ottanta a Fumetti con Fabio Ferrari, attore delle serie più in voga degli anni Ottanta, il disegnatore Mario Torrisi e Francesco Artibani, autore disneyano che ne ha curato l’introduzione. I Maestri del fumetto Luciano Gatto e Carlo Panaro che hanno presentato Il mondo di Geo.

Il record di consensi lo ha ottenuto anche il Movie Village con l’evento dedicato ai Queen e alla recente pellicola, Premio Oscar, Bohemian Rapsody.

Il grande Palco dei Creators invece si è animato con le  star del web: tra gli youtuber più attesi Mates, Power, CaptainBlazer e Corinne Matineo (Web Star Channel); Weedy, ErenBlaze con Federic95ITA, Fius Gamer e Omh, Herny Lazza e Tatino (Divimove); Matt&Bise per Shazam!

Tra gli eventi più attesi dal pubblico, la prestigiosa sfilata cosplay, dove i cosplayer di tutta Italia, chiamati a sfidarsi sul palco di Romics per rappresentare l’Italia. In palio un biglietto aereo A/R per il Giappone per il vincitore  del miglior cosplay singolo e per le coppie l’imperdibile selezione per la gara mondiale Clara Cow ‘s Cosplay Cup 2019.

E poi l’omaggio a Cesare Zavattini, autore del primo vero fumetto di fantascienza italiano datato 1936: Saturno contro la Terra. Il fumetto è stato riportato in vita in formato video, in smartcomics dallo Studio Netton.  Da Blade Runner a L’uomo nell’Alto Castello fino a V for Vendetta.

Cristina DAvena (Credit: Cosimo Buccolieri)

Anche Cristina d’Avena è tornata a Romics per celebrare la sua nuova tappa artistica dell’ultimo album Duets Forever – Tutti Cantano Cristina.   

Tra le mostre che hanno riscosso maggior successo Sword Art Online. “Anche se questo è un game, non è affatto un gioco”, con le incantevoli illustrazioni di ABEC create per il light novel di Reki Kawahara, le Macchine volanti e universi immaginari di George Hull.

E poi Roma Distopica, la mostra degli allievi del corso di fumetto triennale della Scuola Romana dei Fumetti, ideata e curata da Massimo Rotundo (TEX, Romics d’Oro 2018), in collaborazione con i docenti Mauro De Luca (Soleil) e Carlo Labieni (storyboard artist) che ha dato vita a un unico grande dipinto, di oltre 10 metri, raffigurante l’immagine di una possibile Roma di un impossibile futuro.

Per i cinquanta anni dal primo sbarco sulla Luna ha fatto sognare la live performance di disegno Guarda la Luna, realizzata dalla Scuola Internazionale di Comics.


  • 3
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall’articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall’articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall’articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l’offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.

FOLLOW US
Ultimi articoli