GRANDE FRATELLO 16: LO SHARE SFIORA IL 31%

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Nel corso della puntata, il reality condotto da Barbara d’Urso ha toccato punte che hanno sfiorato il 31% di share e i 5.000.000 di spettatori

Barbara d’Urso
Foto Matteo Rasero / LaPresse /Ufficio Stampa Mediaset

Ottimo esordio su Canale 5 per “Grande Fratello 16”: 3.405.000 telespettatori e il 19,34% di share (21% di share sul target 15-64 anni). Nel corso della puntata, il reality condotto da Barbara d’Urso ha toccato punte che hanno sfiorato il 31% di share e i 5.000.000 di spettatori. Boom anche sul pubblico giovane con una media del 30% di share tra i 15-34enni.

Risultati da capogiro anche sul fronte social con oltre 300.000 interazioni totali. Su Twitter, l’hashtag ufficiale #GF16, per l’intera durata della trasmissione, ha dominato il podio nella top ten italiana e conquistato il primo posto a livello mondiale degli argomenti più discussi della serata.

Giancarlo Scheri, direttore Canale 5 ha così commentato: «I numeri parlano da soli: “Grande Fratello” è un evento televisivo attesissimo, che anche quest’anno ha regalato un esordio ricco di emozioni e colpi di scena. Barbara d’Urso, ancora una volta, si è confermata una perfetta padrona di casa, vulcanica, empatica e travolgente. Complimenti e grazie a Barbara, agli opinionisti Cristiano Malgioglio e Iva Zanicchi, al capo progetto Andrea Palazzo e a tutti gli autori, alla regia di Alessio Pollacci e alle squadre artistiche e produttive Mediaset ed Endemol Shine Italy».


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall’articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall’articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall’articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l’offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.

FOLLOW US
Ultimi articoli