ISTAT : OCCUPATI E DISOCCUPATI ECCO I NUMERI. PIL IN LEGGERA CRESCITA

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Alla crescita degli occupati a marzo, si accompagna un forte calo dei disoccupati e la sostanziale stabilità degli inattivi

Secondo uno studio appena pubblicato da Istat, a marzo l’occupazione è in ripresa dopo la sostanziale stabilità del mese precedente e tale aumento riporta il numero di occupati vicino ai livelli massimi registrati a metà del 2018. La crescita occupazionale riguarda entrambi i generi, con una significativa espansione delle classi di età più giovani e si concentra prevalentemente tra i dipendenti permanenti.

Alla crescita degli occupati a marzo, si accompagna un forte calo dei disoccupati e la sostanziale stabilità degli inattivi.

Su base trimestrale, si rileva un aumento dei dipendenti permanenti e un calo di quelli a termine.

Buone notizie sul fronte Pil, all’inizio del 2019 l’economia italiana ha segnato un moderato recupero che ha interrotto la debole discesa dell’attività registrata nei due trimestri precedenti . Nel complesso, l’ultimo anno si è caratterizzato come una fase di sostanziale ristagno del Pil, il cui livello risulta essere nel primo trimestre del 2019 pressoché invariato rispetto a quello di inizio del 2018.

Questa stima preliminare ha, come di consueto, natura provvisoria e si basa su una valutazione dal lato dell’offerta che indica un netto recupero dell’attività industriale e contributi positivi sia del settore agricolo, sia dell’insieme del terziario.

Ma vediamo nel dettaglio. A marzo 2019 la stima degli occupati è in crescita rispetto a febbraio (+0,3%, pari a +60 mila unità); anche il tasso di occupazione sale, arrivando al 58,9% (+0,2%).

L’aumento dell’occupazione è determinato da entrambe le componenti di genere e si concentra tra i minori di 34 anni (+69 mila); sono sostanzialmente stabili i 35-49enni mentre calano gli ultracinquantenni (-14 mila). Si registra una crescita dei dipendenti permanenti (+44 mila) e degli indipendenti (+14 mila), mentre risultano sostanzialmente stabili i dipendenti a termine.

Le persone in cerca di occupazione calano del 3,5% (-96 mila). La diminuzione riguarda entrambi i generi e tutte le classi d’età. Il tasso di disoccupazione passa dal 10,5% al 10,2% con un calo di 0,4 %.

La stima complessiva degli inattivi tra i 15 e i 64 anni a marzo è sostanzialmente stabile come sintesi di una diminuzione tra i minori di 34 anni e un aumento tra gli over 35. Il tasso di inattività è invariato al 34,3% per il terzo mese consecutivo.

Nel periodo da gennaio a marzo 2019 l’occupazione registra una crescita rispetto ai tre mesi precedenti, sia nel complesso (+0,2%, pari a +46 mila) sia per genere. Nello stesso periodo diminuiscono i dipendenti a termine (-1,0%, -31 mila), mentre aumentano sia i dipendenti permanenti (+0,4%, +64 mila) sia gli indipendenti (+0,3%, +14 mila).

Nel trimestre all’aumento degli occupati si associa un calo delle persone in cerca di occupazione (-1,8%, pari a -50 mila) e degli inattivi tra i 15 e i 64 anni (-0,1%, -18 mila).

Su base annua l’occupazione cresce dello 0,5%, pari a +114 mila unità. L’espansione interessa entrambe le componenti di genere, i 15-24enni (+63 mila) e gli ultracinquantenni (+210 mila). Al netto della componente demografica la variazione è positiva per tutte le classi di età. In un anno crescono soprattutto i dipendenti a termine (+65 mila) e si registrano segnali positivi anche per gli indipendenti (+51 mila), risultano sostanzialmente stabili i dipendenti permanenti.

Nei dodici mesi, la crescita degli occupati si accompagna al calo dei disoccupati (-7,3%, pari a -208 mila unità) e degli inattivi tra i 15 e i 64 anni (-0,3%, -35 mila).

A marzo si osservano andamenti dello stesso segno per genere: il tasso di occupazione cresce di 0,3 punti percentuali per i maschi e di 0,2 punti per le femmine, il tasso di disoccupazione cala di 0,3 punti per gli uomini e di 0,4 punti per le donne, mentre il tasso di inattività risulta stabile per entrambe le componenti.

Su base annua il tasso di occupazione aumenta sia per gli uomini (+0,4 punti percentuali) sia per le donne (+0,5 punti). Il tasso di disoccupazione cala per entrambe le componenti (-0,5 punti per i maschi e -1,1 punti per le femmine). Il tasso di inattività è stabile per gli uomini e in crescita di 0,1 punti per le donne.

Nel’ultimo mese la crescita degli occupati deriva dall’aumento dei dipendenti permanenti (+0,3% pari a +44 mila) e degli indipendenti (+0,3% pari a +14 mila), mentre risultano sostanzialmente stabili i dipendenti a termine.

Nei dodici mesi la crescita occupazionale si concentra tra i lavoratori a termine (+2,2%, pari a +65 mila unità) e gli indipendenti (+1,0%, +51 mila), risultano stabili i dipendenti permanenti.

A marzo si stimano andamenti diversificati per età: il tasso di occupazione è stabile tra gli ultracinquantenni mentre cresce nelle altre classi d’età. Il tasso di disoccupazione cala in tutte le classi d’età e con maggiore intensità tra i 15-24enni (-1,6 punti percentuali). Il tasso di inattività cala tra i minori di 34 anni mentre sale tra gli over 35.

Su base annua gli andamenti dell’occupazione e della disoccupazione per età sono concordi: i tassi di occupazione crescono mentre quelli di disoccupazione calano per tutte le classi età. Il tasso di inattività mostra invece andamenti diversificati: cala tra i 15-24enni e gli ultracinquantenni, aumenta tra 35-49enni ed è stabile tra i 25-34enni.



  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

What-u.com

Mi chiamo Patrizia Vassallo, sono il direttore di What-u, scrivo da sempre, da quando alle elementari ho iniziato a fare il mio primo giornalino scolastico e sono una giornalista professionista dal 1993 (iscritta all'Albo dei Giornalisti Professionisti della Lombardia). Ho lavorato per alcuni quotidiani, (Il Secolo XIX, Il Mercantile, The Daily Mirror, Le Monde), e poi per molti magazine italiani e alcuni stranieri, The Face, Gente, Onda Tv, Gente Viaggi, Gioia, Gente Money, Il Nostro Budget, Eva Tremila, Marie Claire), sono spesso stata in giro per il mondo... Ora, da poco più di un anno, sono il direttore di What-u! Scrivere per me non è una professione, ma una passione da condividere con i lettori!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »
error: Content is protected !!