[gtranslate] BREXIT REVOLUTION, MAY ANCORA IN ALTO MARE - WHAT-U

di Colin Antony Groves

É ancora un rebus la data sospesa per la presentazione delle legge di attuazione della Brexit illustrato ieri ai Comuni da Theresa May con proposte di compromesso già naufragate di fronte all’ostilità sia delle opposizioni sia di buona parte della maggioranza. Lo ha annunciato oggi il governo a Westminster, lasciando aperta la porta a un rinvio del dibattito oltre la scadenza della settimana del 3 giugno finora indicata dalla premier Tory. Downing Street da parte sua fa sapere che la May continua a “consultarsi con i ministri” e che sta rimettendo mano al testo. Per molti un segnale di debolezza interpretato come un ulteriore estremo tentativo di resistenza alle richieste di dimissioni che continuano ad arrivare sia dall’interno del Partito Conservatore e sia dallo stesso governo.

L’ambasciatore britannico in Italia Jill Morris, ospite di un Forum ANSA riguardo alla possibilità che il suo Paese debba affrontare un secondo referendum ha dichiarato: “Sarebbe un errore strategico richiedere al popolo di esprimersi” con un secondo referendum sulla Brexit. Non rispettare la decisione democratica del popolo, sarebbe molto dannoso per la nostra democrazia. Il dovere del governo e del parlamento è realizzare questa decisione”. E poi ha aggiunto: “Con l’Ue vorremmo mantenere una partnership profonda e speciale che ci permetterebbe di lavorare come un alleato vicino all’Unione, per continuare a difendere i valori europei nel resto del mondo”.




Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY