it Italian
ar Arabicbg Bulgarianca Catalanzh-CN Chinese (Simplified)cs Czechda Danishen Englishtl Filipinofi Finnishfr Frenchde Germanhaw Hawaiianhi Hindiit Italianja Japaneseko Koreanpt Portugueseru Russiansk Slovaksl Slovenianes Spanishta Tamilth Thai
DONALD TRUMP CONTRO I SENZATETTO, CHIEDE SOLUZIONI IMMEDIATE - WHAT-U

Il presidente americano Donald Trump
(AP Photo/Evan Vucci)

di Colin Anthony Groves

Nuovo schiaffo dei giudici a Trump sul muro col Messico: una corte d’appello di San Francisco ha confermato la decisione di congelare i fondi del Pentagono destinati alla lotta antidroga e dirottati con un ordine esecutivo del presidente Usa verso la costruzione della barriera antimigranti. “Quanto all’interesse pubblico, concludiamo che è meglio servito rispettando l’assegnazione costituzionale del potere di spesa al Congresso”, hanno scritto due due tre giudici (uno nominato da Barack Obama, l’altro da George W. Bush).

CONTRO I SENZATETTO

Poi Trump fa un altro scivolone parlando dei senzatetto che a suo avviso deturperebbero il decoro della città americane. Lo ha detto lunedì scorso durante un’intervista andata in onda su Fox News durante la quale ha descritto il “fenomeno dei senzatetto” come un’epidemia e un nuovo problema che i funzionari locali e statali hanno deliberatamente aggravato per ottenere un guadagno politico.

“È un fenomeno iniziato due anni fa. È vergognoso”, ha dichiarato Trump nell’intervista al presentatore di Fox News Tucker Carlson. E poi ha accusato sindaci e governatori, minacciando un imminente intervento e ha detto: “Lo stiamo osservando molto seriamente”. Trump ha quindi anticipato che sta pensando a un rimedio per fermare il fenomeno dei dormitori “on the road”. “Quando sono diventato presidente c’erano solo alcune aree di Washington, dove stava iniziando a succedere, e ho subito pensato fin da allora, che non potevo permettere che questa situazione di degrado proliferasse. Quando arrivano leader da tutto il mondo a Washington per parlare con il presidente degli Usa non possono trovarsi davanti a un simile spettacolo”.

“Non ho idea di cosa stia parlando il presidente”, ha replicato il consigliere comunale Brianne Nadeau, che presiede il Comitato dei servizi umani del consiglio. “Sembra che stia parlando di una sorta di rimozione dei senzatetto piuttosto che dell’idea di fornire servizi, che è quello che facciamo noi”. Un sondaggio pubblicato a maggio ha rivelato che ci sono circa 6.500 senzatetto a Washington, rispetto a 8.350 del 2016. Gli esperti dicono che la causa principale dell’aumento dei senzatetto sono gli alti costi delle abitazioni , lungo la costa occidentale, dove un’economia forte ha spinto gli affitti alle stelle”. Trump si è poi lamentato di città come San Francisco e Los Angeles, dicendo: “Sono molto imbarazzato da quello che vedo in alcune delle nostre città, dove i politici hanno paura di fare qualcosa al riguardo per paura di perdere voti”.

“La crescente crisi dei senzatetto lì e in tutta la nazione non era colpa sua, né è colpa mia, ma va avanti da decenni”, ha replicato Eric Garcetti, sindaco di Los Angeles. E poi a lanciato un invito pubblico a Trump a camminare le strade della città con lui per vedere la sofferenza e la disperazione in prima persona. A Washington, i funzionari della città si sono fatti beffe del ritratto della popolazione senzatetto fatto da Trump e hanno detto che sarebbero lieti di accogliere ulteriori risorse federali per aiutare a fornire alloggi e altri servizi a coloro che ne hanno bisogno.

È “incredibilmente offensivo”, ha detto Nadeau il linguaggio di Trump. “Mi domando come possa un leader che vive nella capitale della nostra nazione e sia il più alto funzionario della terra essere così distaccato nei confronti delle persone che vivono nelle strade proprio fuori dalla sua porta”. Laura Zeilinger, direttrice del Dipartimento per i servizi umani della DC e ex direttore esecutivo del Consiglio di Interagency degli Stati Uniti sui senzatetto sotto l’ex presidente Barack Obama, ha dichiarato che “Trump ha proposto solo diminuzioni dei finanziamenti federali per alloggi a prezzi accessibili”. A gettare acqua sul fuoco ci hanno poi pensato alcuni funzionari di Washington, che da lì a poco hanno chiesto al presidente un “intervento chiarificatore”. “Come molti americani, il Presidente ha preso atto della crisi dei senzatetto, in particolare nelle città e negli Stati Uniti, dove le politiche liberiste di eccessiva regolamentazione, l’eccessiva tassazione e la scarsa erogazione di servizi pubblici hanno fatto aumentare drammaticamente la povertà e i rischi per la salute pubblica”, ha detto il portavoce Judd Deere. La scorsa settimana il presidente ha firmato un ordine esecutivo per verificare gli sforzi e rimuovere le barriere normative alle abitazioni a prezzi accessibili e poi “ha diretto la sua squadra ad andare oltre e sviluppare una serie di opzioni politiche da considerare per affrontare questa tragedia”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!