[gtranslate] LA PANINI DIVENTA AMERICANA? - WHAT-U

Il gruppo Panini, noto soprattutto e non solo agli appassionati di figurine e album dei calciatori, nei giorni scorsi ha ricevuto la visita di una non ben definita “delegazione americana” che avrebbe preso contatti con i vertici del gruppo di Modena perché interessata all’acquisto dell’azienda che aveva già detto di no a un gruppo di aspiranti acquirenti cinesi che non volevano mantenere l’headquarter a Modena com’era, e pare sia invece ancora nei programmi dell’attuale AD l’italo-argentino Aldo Hugo Sallustro e della famiglia bolognese Baroni. La valutazione dell’impero delle figurine è di circa un miliardo di euro. Antonio Allegra, direttore del mercato Italia della Panini, all’inizio dell’anno a “Radiocor” aveva svelato un po’ di numeri dell’azienda: «Il gruppo Panini nel 2018 toccherà un fatturato di 1 miliardo di euro circa grazie ai Mondiali», praticamente il doppio rispetto ai 536 milioni del 2017.

L’attuale AD della Panini, l’italo-argentino Aldo Hugo Sallustro

L’ad Sallustro, socio di riferimento del gruppo (entrato in Panini nel 1992 rilevando l’azienda con un pool di investitori italiani, di cui faceva parte anche la De Agostini Editore), ora pare stia valutando l’offerta economicamente molto interessante degli americani, scrive la Gazzetta di Modena. Giunta alla 58esima edizione della collezione ufficiale di figurine Panini dedicata ai protagonisti del campionato, la pubblicazione del 2018-2029 si compone in tutto di 734 figurine, che possono essere raccolte in un album di grande formato da 128 pagine. In copertina presente Cristiano Ronaldo, che guida la corsa allo scudetto con altri 19 campioni, in rappresentanza dei club che si contendono il torneo. Tanti i collezionisti attivi, circa 1,5 milioni, di cui 1 milione ragazzi e il resto di adulti. (V.R)



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY