it Italian
ar Arabicbg Bulgarianca Catalanzh-CN Chinese (Simplified)cs Czechda Danishen Englishtl Filipinofi Finnishfr Frenchde Germanhaw Hawaiianhi Hindiit Italianja Japaneseko Koreanpt Portugueseru Russiansk Slovaksl Slovenianes Spanishta Tamilth Thai
SI BREXIT, MA NO DEAL E GOVE DICE: "NON SI PUÒ RISCALDARE UN PIATTO RIMANDATO INDIETRO E ASPETTARSI CHE SIA PIÙ APPETITOSO" - WHAT-U

Michael Gove, cancelliere del ducato di Lancaster e responsabile dei preparativi per un’ipotetica Brexit ‘no deal’
( ph. Jack Taylor/Getty Images )

di Colin Anthony Groves

L’ipotesi che per il Regno Unito si prospetti un’uscita dalla Ue senza accordo con Bruxelles è sempre più probabile. Il governo sta ora “lavorando su questa ipotesi, lo ha reso noto Michael Gove, cancelliere del ducato di Lancaster e responsabile dei preparativi per un’ipotetica Brexit ‘no deal’. In un suo articolo pubblicato oggi dal Sunday Times, segnala Ansa, Gove scrive che la sua squadra punta ancora a raggiungere un accordo, ma sottolinea che il “‘no deal è adesso una prospettiva molto reale”. Secondo il domenicale, il premier Boris Johnson ha detto a Gove di presiedere riunioni sette giorni alla settimana finché non si attuerà la Brexit. Da parte sua, Gove ha spiegato che ritocchi all’accordo messo a punto dall’ex premier Theresa May – che era stato approvato da Bruxelles ma bocciato ripetutamente in Parlamento – non sarebbero sufficienti. “Non si può semplicemente riscaldare un piatto che è stato rimandato indietro ed aspettarsi che sia più appetitoso”, ha commentato.

Dal 2016, dopo Cameron

Dopo che David Cameron annunciò l’intenzione di rassegnare le dimissioni da Primo Ministro che diede nel luglio 2016, Gove si batté per la candidatura di Boris Johnson, come Primo Ministro del Regno Unito. Poi spinto dall’occasione di poter correre alle elezioni in prima persona, ritirò il suo sostegno a Johnson, proprio la mattina in cui avrebbe dovuto dichiarare e annunciare la candidatura di Johnson alle elezioni della leadership. Nel primo turno di votazioni, Gove arrivò terzo dopo Theresa May e Andrea Leadsom. Venne eliminato dalla corsa alla leadership nel secondo scrutinio del 7 luglio 2016. Dopo la sua nomina a Primo Ministro , May il 14 luglio 2016 lo sollevò dalla carica di Segretario di Stato per la giustizia del Regno Unito. Gove tuttavia, tornò al Gabinetto dopo le elezioni generali del 2017 come Segretario dell’Ambiente. All’elezione di Johnson come primo ministro Gove fu nominato cancelliere del ducato di Lancaster. Ora Johnson è stato ripescato da Boris con l’incarico di responsabile dei preparativi per un’ipotetica Brexit ‘no deal’.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!