[gtranslate] IN GERMANIA, LE MAMME PRESENTANO IL CONTO ALLO STATO - WHAT-U

di Paula Koster

Karin Hartmann, architetto, residente nel Länder della Renania Settentrionale-Vestfalia è l’artefice di una protesta singolare in Germania che ha come obiettivo quello di fare emergere e a far apprezzare il lavoro invisibile e quotidiano di chi si prende cura del prossimo e della propria famiglia In pratica la Hartmann ha accusato lo Stato di scaricare sui genitori la responsabilità del servizio scolastico e di conseguenza ha deciso di fatturare i costi che ha sostenuto, esattamente come fanno tutte le imprese quando offrono un servizio. Nella sua fattura si legge: formazione e assistenza per il periodo dal 17 marzo al 15 maggio e nel totale della fattura ha scritto 22.296 euro per il tempo investito, comprese le tariffe forfettarie per i costi dei materiali, dell’elettricità, dell’acqua e del riscaldamento.

Altre madri hanno seguito il suo esempio. Alcune di esse sono blogger note in Germania come Rona Duwe, Sonja Lehnert e Patricia Cammarata.

Andrea Reif, blogger e mamma
ph. Twitter

Andrea Reif, blogger e madre lavoratrice di tre figli di Monaco di Baviera, sul suo blog scrive che per 6 settimane di lavoro extra lo stato le debba 12.423,60 euro. “Sono una madre. Sono una potenza economica in questo Paese e come tale voglio essere considerata”. In Germania, altre madri, anche loro blogger hanno seguito l’esempio della Hartmann e della Reif: Rona Duwe, Sonja Lehnert e Patricia Cammarata.

Noi (Karin Hartmann, Rona Duwe di Phoenix Women e I), pertanto, addebiteremo ogni mese le cure e l’educazione aggiuntive dei nostri figli allo stato o al nostro stato

La fatturazione è la nostra forma di protesta, che possiamo condurre dal nostro tavolo da cucina in tempi di Corona. Facciamo chiarezza nei nostri blog e sui social media

Per questa iniziativa è stato creato un hashtag #CoronaElternRechnenAb, che si può tradurre come “il calcolo dei genitori coronavirus” e che riassume in poche parole l’attività svolta da molti genitori che si sono dovuti occupare dei propri figli a tempo pieno, intrattenendoli e facendo fare loro i compiti ogni giorno, (tempo non retribuito) in aggiunta allo smart working.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY