[gtranslate] OBIETTIVO CHIUDERE A GIUGNO SU RECOVERY FUND. MA SARÀ DAVVERO COSÌ? - WHAT-U

Il ministro degli Affari Europei Enzo Amendola

L’obiettivo del ministro degli Affari Europei Enzo Amendola è quello di chiudere a giugno un accordo sul Recovery Fund. Lo ha detto stamattina nel corso della trasmissione 24Mattino su Radio 24. “Il tema è quando arriveranno le risorse europee che sono sul tavolo: oltre a Sure, la linea di credito del Mes sulla sanità, il fondo della Bei per la Pmi, che abbiamo già approvato, dobbiamo chiudere a giungo l’accordo su bilancio europeo e recovery fund. Dobbiamo essere contenti perché l’Europa sta reagendo in modo coordinato”. E sul recovery fund ha aggiunto. “Il 27 si presenta la proposta, c’è un accordo largo e anche il documento franco tedesco sottolinea che le risorse devono partire subito. Come tutti i negoziati non è facile mettere d’accordo 27 paesi, ma nella proposta franco- tedesca si parla di sussidi non di prestiti“, ha precisato il ministro che sul fronte frontiere ha aggiunto: “C’è da fare un lavoro comune per riaprire a giugno in maniera coordinata tutte le frontiere interne a Schengen, senza accordi bilaterali”, ha aggiunto Amendola. “Stiamo lavorando per un nuovo accordo europeo su immigrazione e per una gestione comune delle frontiere. Noi, con Grecia Malta e Spagna che siamo sulla frontiera esterna dobbiamo chiedere un comune sistema europeo di gestione dei flussi e dell’immigrazione, ma dobbiamo farlo in maniera coordinata e solidale”. Sul fronte ‘ripartenza’ il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, sempre ai microfoni di radio24 ha detto di essere deluso. “La ripartenza a Napoli è complicata, molte saracinesche non si aprono, il governo arriva in ritardo o non arriva per niente: lentezza, mancanza di visione, non arriva la cassa integrazione, arriva poca liquidità”. (C.S.)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY