[gtranslate] PRESLEY DISTRUTTA DAL DOLORE PER IL SUICIDIO DEL FIGLIO BENJAMIN - WHAT-U

di Colin Anthony Groves

Nel dietro le quinte del suicidio di Benjamin , il figlio di Lisa Marie Presley e Danny Keough, morto suicida domenica scorsa, c’è un sacco di alcol e di droghe. Benjamin ne era diventato dipendente a tal punto da decidere di ricoverarsi in un centro di riabilitazione, questo secondo le fonti e quanto riportato nel suo blog  dal giornalista Tony Ortega.

Un amico di Benjamin lo scorso maggio ha detto che il ragazzo apparentemente non sembrava eccessivamente depresso, ma gli aveva parlato molto male di Scientology dicendo: “Quando i bambini entrano in Scientology sono fottuti”. Criticando anche la posizione di sua sorella Riley cresciuta per scelta del papà (tuttora membro di Scientology) secondo i dettami e principi di questa organizzazione.

Se poi a tutto ciò si aggiunge la forte instabilità dei legami parentali di questa famiglia, è facile arrivare ad amare conclusioni.

Basta pensare all’ultimo divorzio della Presley dal suo quarto marito, Michael Lockwood, compresa la battaglia di custodia portata avanti dai due per accaparrarsi i gemelli di 11 anni, Finley e Harper.

Parlando della Presley, Ortega ha detto: “Ben era il suo bambino. Più di Riley. Più dei gemelli. Questo sarà oltremodo inconcepibile per lei. Temo davvero che possa essere troppo per lei”.

Il suicidio

Il 27enne si è sparato al petto nella villa della mamma del valore di 1,8 milioni di dollari a Calabasas, in California. Secondo quanto riferito, Keough aveva anche una ragazza da tempo, Diana Pinto, che come i membri di Scientology, non ha finora rilasciato alcun commento.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY