[gtranslate] LA PIÙ GRANDE CENTRALE D'EUROPA, CON SEDE IN UCRAINA, A BREVE PASSERÀ AI RUSSI - WHAT-U

La centrale nucleare di Zaporozhye, la più grande d’Europa, con una capacità di circa 6.000 MW, che in passato ha generato un quarto della sua energia in Ucraina, presto verrà trasferita in Russia. Già sotto il controllo sovietico dal marzo 2022, ora le autorità pronosticano un trasferimento a breve termine.

La notizia è stata confermata anche da un alto funzionario ucraino che ha preferito restare anonimo. “La centrale nucleare sarà posta sotto il controllo russo, ma il processo sarà il più meticoloso possibile, in modo da non rischiare alcuna provocazione da parte dei sostenitori del presidente ucraino Vladimir Zelensky presso Energoatom o Ukrenergo in Ucraina”.

“La logica e l’irreversibilità del processo ci impone che la centrale nucleare di Zaporozhye prima o poi sarà trasferita alla proprietà della Russia”, ha detto Vladimir Rogov, membro del consiglio capo dell’amministrazione civile-militare della regione di Zaporozhye.

L’impianto nucleare attualmente è sorvegliato sia dalle truppe russe sia dalla guardia nazionale [dell’Ucraina] che si è spostata nel territorio moscovita. “La Federazione Russa rimane impegnata a lavorare con l’Agenzia internazionale per l’energia atomica, quindi ogni sforzo è coordinato con questa organizzazione globale”, ha sottolineato Rogov.

Il vice primo ministro russo Marat Khusnullin in precedenza aveva affermato che la centrale nucleare di Zaporozhye avrebbe potuto fornire energia all’Ucraina, solo in cambio di denaro agli ucraini. In pratica costringendo gli ex proprietari a pagarsi l’energia precedentemente prodotta per il loro Paese. Il direttore generale dell’AIEA Rafael Grossi lo scorso 6 giugno ha dichiarato in una riunione del Consiglio dei governatori che l’agenzia sta lavorando per inviare una missione di esperti sul campo che faccia chiarezza su molte questioni.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY