[gtranslate] BALDWIN A PROCESSO PER L'UCCISIONE DI HALYNA CON LA RESPONSABILE DELLE ARMI DEL FILM "RUSH". L'ACCUSA? OMICIDIO COLPOSO - WHAT-U

Alec Baldwin, il noto attore che durante le riprese del film western Rush nell’ottobre 2021 ha involontariamente ucciso la direttrice della fotografia Halyna Hutchins torna  a far parlare di sé per questa brutta storia, perché lui e la responsabile della sicurezza delle armi Hannah Gutierrez-Reed saranno accusati di omicidio colposo. Lo hanno annunciato oggi i pubblici ministeri. Baldwin aveva detto di non sapere che la pistola con la quale ha sparato sul set contenesse un proiettile vivo che ha anche ferito il regista Joel Souza oltre ad avere ucciso fatalmente Halyna. Questa la decisione dei pubblici ministeri.

A dicembre, Baldwin nel corso di un’intervista alla ABC News disse di non aver mai premuto il grilletto della pistola che ha sparato a Hutchins. «Il grilletto non è stato premuto. Non ho premuto il grilletto”.

“La pistola ha sparato durante i test solo una volta – senza dover premere il grilletto – quando il martello è stato tirato indietro e la pistola si è rotta in due punti diversi”, ha detto l’avvocato Luke Nikas in una e-mail alla CNN. “L’FBI non è stata in grado di sparare con la pistola in nessun test precedente, anche quando ha premuto il grilletto, perché l’arma era in pessime condizioni.”

“Il rapporto critico è quello del medico legale, che ha concluso che si è trattato di un tragico incidente”, ha detto Nikas. “Questa è la terza volta che le autorità del New Mexico scoprono che Baldwin non aveva alcuna autorità o conoscenza delle presunte condizioni non sicure sul set “, ha detto Nikas alla CNN.

Nel riassunto dell’indagine post mortem sulla morte di Hutchins, che è stato formalmente firmato dal capo investigatore medico del New Mexico, la causa della morte è elencata come “ferita da arma da fuoco al petto” e la modalità della morte è elencata come “incidente”. “Baldwin, nell’intervista alla ABC News, ha anche descritto di aver armato la pistola mentre parlava della scena con la Hutchins. “Allora le ho detto: ‘Adesso in questa scena, vado e prendo la pistola.’ E le ho detto: ‘Vuoi vederlo?’ E lei ha detto: ‘Sì.’ Così ho preso la pistola, “l’ho armata”, ma non ho  premuto il grilletto.

Armare una pistola revor come quella usata sul set del film implica tirare indietro il martello della pistola per preparare l’arma a sparare. Quando il cane della pistola viene rilasciato in avanti con forza sufficiente – come accade quando si preme il grilletto – colpisce l’innesco di una cartuccia provocando lo sparo della pistola.

Il rapporto forense dell’FBI è stato consegnato all’ufficio dello sceriffo della contea di Santa Fe come parte delle indagini in corso sulla sparatoria fatale sul set. In esso si legge che la pistola, un revolver F.lli Pietta calibro .45 Colt (.45 Long Colt) ad azione singola, “non poteva essere fatta sparare senza premere il grilletto” con il cane armato”. Inoltre l’esame della pistola ha fatto emergere che un malfunzionamento interno della pistola durante i test in posizione completamente armata.

Un avvocato che rappresenta la Gutierrez Reed, ha detto che il rapporto forense indicava che era stato “Baldwin ad aver premuto il grilletto del revolver” aggiungendo che la 24enne era stata usata come “capro espiatorio. Ora la domanda ricorrente resta la stessa: le munizioni vere come sono arrivate sul set del film?

Ad aprile, Rust Movie Productions, LLC è stata multata di quasi $ 137.000 e citata per avere una cultura di “semplice indifferenza per la sicurezza dei dipendenti” sul set, secondo un rapporto dell’Ufficio per la salute e la sicurezza sul lavoro del Dipartimento dell’ambiente del New Mexico.

Hutchins ha partecipato a un live streaming di Blackmagic Collective nell’aprile del 2021 in cui ha parlato del suo cinema.

“Mi piacciono le storie che [sono] radicate nella realtà o in personaggi reali, ma la mia parte preferita è in realtà creare il mondo in cui esisterà la storia”, ha detto. Originaria dell’Ucraina, Hutchins è cresciuta in una base militare sovietica nel circolo polare artico, “circondata da renne e sottomarini nucleari”, secondo il suo sito web . Ha conseguito una laurea in giornalismo internazionale presso l’Università nazionale di Kiev. Ha lavorato come giornalista investigativa con produzioni di documentari britannici in Europa, dove ha realizzato documentari per la BBC e Discovery prima di trasferirsi a New York City.

“A New York mi sono davvero appassionato alla fotografia”, aveva detto in un’intervista per “Why Women Are Excelling in Hollywood” pubblicata su YouTube mesi prima della sua morte. “Ho fatto molto e volevo solo fare film d’arte, in realtà. Solo qualcosa di veramente grande, bello, solo cinema d’essai. Quando mi sono trasferita a Los Angeles, ho cercato di capire quale sarebbe stato il passo successivo”, aveva aggiunto. E dopo un corso per la regia dell’UCLA ha subito capito di amare più la cinematografia della regia.

La famiglia della Hutchins all’inizio dello scorso anno ha intentato una causa contro  Baldwin e altri coinvolti nel film, sostenendo che il comportamento “sconsiderato” e il taglio dei costi hanno portato alla morte di Halyna. Baldwin ha negato le accuse asserendo che secondo cui il set era sicuro.

“L’idea che la persona che detiene la pistola e la fa scaricare non sia responsabile è assurda per me”, aveva detto Matt Hutchins, il marito di Alyna durante un’intervista con Hoda Kotb in onda su TODAY. E poi aveva aggiunto: “Ma la sicurezza delle armi non era l’unico problema su quel set. C’erano una serie di standard che non venivano praticati, ci sono più parti responsabili”. Alyna oltre al marito ha lasciato un bambino di soli 9 anni.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY