[gtranslate] ITALIA, AIFA DECIDE CHE LA PILLOLA ORALE ANTICONCENZIONALE SARÀ GRATUITA - WHAT-U

È già polemica riguardo quanto anticipato dal sito Quotidiano Sanità con un’intervista alla presidente del Cpr dell’Aifa Giovanna Scroccaro riguardo la decisione del Comitato prezzi e rimborsi (Cpr) dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) di approvare la decisione di rendere gratuita la pillola anticoncezionale per le donne di tutte le fasce d’età, con un costo totale per le casse dello Stato stimato in circa 140 milioni di euro l’anno. La decisione, che dovrebbe passare dai tavoli del Cda dell’Aifa la prossima settimana e poi essere pubblicata in Gazzetta ufficiale, ha ricevuto il plauso del Pd e di Alleanza Verdi Sinistra. “Per rendere la contraccezione gratuita a tutte in Italia”, ha spiegato Scroccaro, “sono stati valutati, all’interno di 3 categorie di farmaci contraccettivi, individuate e divise per generazione, i prodotti meno cari, che sono stati resi gratuiti”. Secondo i dati Aifa, le donne che ogni giorno prendono la pillola anticoncezionale sono oltre 2,5 milioni, di cui una parte di queste però già non pagano, perché negli ultimi anni, alcune Regioni offrono già gratuitamente la pillola, seppur solo nei consultori e a determinate categorie.

Il Sole 24 ore scrive che su 1.438 consultori in Italia che svolgono attività sul tema della contraccezione (su un totale di 1.800 consultori presenti nel nostro Paese), sono 510 (pari al 35,5%) quelli che offrono gratuitamente i contraccettivi. Quanto alla tipologia di contraccezione offerta, nei consultori del Nord si offre con maggiore frequenza lo Intra-Uterin Device-spirale (72,6%) e la contraccezione di emergenza (63,2%, contro il 24% del Centro e il 25,5% di Sud e Isole). La quasi totalità dei consultori del Centro offre lo IUD (97,3%) e la quasi totalità dei consultori del Sud offre la pillola anticoncezionale (92,5%). A parte IUD e pillola anticoncezionale, tutti gli altri contraccettivi sono offerti con frequenze maggiori al Nord rispetto a Centro e Sud e Isole.

Non solo sulla contraccezione ma anche sulla profilassi per prevenire l’Hiv, l’Aifa punta sulla gratuità proprio perché la PrEP è considerata un importante strumento strumento di prevenzione.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY