[gtranslate] E ORA TRUMP POTREBBE RISCHIARE DI FINIRE IN CARCERE - WHAT-U

Quarantanove le pagine dove sono stati scritti i 37 capi di accusa contestati all’ex presidente americano Donald Trump in relazione alla sua gestione dei documenti classificati e dei suoi presunti tentativi di impedire al governo di recuperarli. Dopo un’indagine durata un anno, venerdì scorso il Dipartimento di Giustizia ha svelato l’ atto d’accusa dell’ex presidente, la cui colpa sarebbe quella di aver sottratto indebitamente documenti riservati alla fine della sua presidenza e di aver ostacolato gli sforzi del governo per recuperare centinaia di documenti segreti, alcuni dei quali relativi alle operazioni di armi nucleari statunitensi. Accuse di peso e significative visto che è la prima volta che un presidente americano viene accusato di un crimine federale e nel caso fosse ritenuto colpevole potrebbe affrontare anche una lunga pena detentiva.

Abito blu scuro, cravatta rossa, Trump che è entrato in aula circa 15 minuti prima dell’inizio dell’udienza, si è seduto accasciandosi sulla sedia, con le mani giunte in grembo, in attesa dell’arrivo del giudice, ha riferito ABC News. 

“Presentiamo una dichiarazione di non colpevolezza”, ha detto Todd Blanche, il suo avvocato, al togato. Trump è poi stato rilasciato e per ora non gli è stato chiesto di consegnare il passaporto e quindi è ancora autorizzato a viaggiare a livello internazionale. Le uniche limitazioni che ha, riguardano solo i contatti con i testimoni, che devono restare inavvicinabili.  Secondo l’accusa, i documenti top-secret e altri documenti classificati che l’FBI ha recuperato dopo un mandato di comparizione e una perquisizione nella proprietà Mar-a-Lago ossia il club privato che ospita ogni anno migliaia di persone, erano conservati in aree non protette in un bagno, una sala da ballo e un ripostiglio. Quindi di fatto i dettagli sulle capacità nucleari e di difesa e armi degli Stati Uniti e di nazioni straniere, potenziali vulnerabilità degli Stati Uniti e dei suoi alleati alle forze armate attacco e piani per possibili ritorsioni in risposta a tale attacco sarebbero stati sotto gli occhi di tutti. Ancor più grave è stato ritenuto un altro fatto che gli è stato addebitato: Trum per ben due volte pre abbia mostrato questi documenti riservati a persone che non avevano il nulla osta di sicurezza che li abilitava alla visione.

Trump è accusato di conservazione intenzionale di informazioni sulla difesa nazionale, cospirazione per ostacolare la giustizia, trattenuta di documenti o registri, occultamento corrotto di documenti in un’indagine federale, complotto per nascondere e dichiarazioni e dichiarazioni false. E il suo aiutante personale, Walt Nauta, è accusato di cospirazione per avere ostacolato la giustizia e avere trattenuto documenti o registri, nascosto documenti in un’indagine federale e avere fatto dichiarazioni false.

Il suo caso ora, dopo che le sue sentenze, hanno ritardato le indagini per diverse settimane e sono state ribaltate dall’11a Corte d’Appello, è stato assegnato al giudice Aileen Cannon.

Il suo precedente team legale dopo che l’accusa è diventata pubblica si è dimesso. Ora Trump si è affidato a due nuovi avvocati.  Questa primavera l’ex presidente era andato in tribunale per presentare una dichiarazione di non colpevolezza. Ma a marzo è stato incriminato a New York City con l’accusa relativa a un presunto pagamento in denaro fatto a un attore porno negli ultimi giorni della campagna del 2016. A ciò vanno aggiunte  anche due indagini penali in corso sul suo ruolo nell’interferenza elettorale del 2020. Trump e i suoi alleati hanno ripetutamente definito le accuse una caccia alle streghe intesa a impedirgli di riconquistare la presidenza nel 2024 e lunedì, con un post sui social media ha fatto sapere che, se verràeletto, nominerà un “procuratore speciale” per perseguire ” persone tra cui Biden e la sua famiglia (un presidente non ha il potere di nominare un consigliere speciale; questa autorità spetta al procuratore generale degli Stati Uniti, ndr). Fuori dal tribunale, i sostenitori dell’ex presidente hanno cantato “Free Donald Trump!” e “USA!” mentre sventolavano le bandiere “Make America Great Again”. Gli oppositori hanno mostrato cartelli con la scritta: “Trump, non sei al di sopra della legge” e “31 capi di spionaggio; rinchiudilo!». Subito dopo aver lasciato il tribunale, Trump è tornato alla campagna elettorale, visitando un ristorante cubano dove si erano radunati i sostenitori. Alcuni clienti del ristorante hanno cantato “Tanti auguri” all’ex presidente, perché oggi mercoledì 14 giugno, ha compiuto 77 anni.

foto: Afp



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY