[gtranslate] GOOGLE SOTTO SCACCO DELLA CINA PER UNA CANZONE DI PROTESTA - WHAT-U

Crescono i timori che Google, il più grande operatore di motori di ricerca al mondo possa uscire da Hong Kong per colpa di una controversa canzone  di protesta, resa popolare durante i disordini antigovernativi in ​​città nel 2019. La scorsa settimana il segretario alla giustizia Paul Lam Ting-kwok ha chiesto all’Alta corte di Hong Kong un’ingiunzione per impedire a chiunque abbia intenti criminali di “trasmettere, eseguire, stampare, pubblicare, vendere, offrire in vendita, distribuire, diffondere, mostrare o riprodurre” il canzone “in ogni modo”. La mossa del governo di Hong Kong ha fatto seguito a una serie di errori legati all’inno durante i tornei sportivi all’estero, quando è stata suonata ” Gloria a Hong Kong” al posto dell’inno nazionale cinese “Marcia dei volontari”. L’anno scorso Google ha rifiutato una richiesta delle autorità di Hong Kong per garantire che l’inno nazionale cinese apparisse come primo risultato di ricerca per determinate parole chiave, affermando che non avrebbe manipolato manualmente l’elenco web organico. Ma si è impegnato a continuare a interagire con il governo e a spiegare come funzionano le sue piattaforme e le politiche di rimozione. Gli esperti di tecnologia hanno suggerito che le autorità potrebbero promuovere ulteriormente il sito web dell’Ufficio per gli affari costituzionali e continentali – che aveva aggiornato la sua pagina web per consentire alle persone di scaricare la melodia corretta – e aggiungere migliori parole chiave di ricerca per migliorare le sue classifiche in varie regioni geografiche. Google ha ritirato il suo motore di ricerca dalla Cina continentale nel 2010, citando la crescente censura del discorso online da parte di Pechino, nonché gli attacchi informatici alla società che si diceva provenissero dal paese. Ma in base al principio “un paese, due sistemi”, il servizio di ricerca globale di Google rimane disponibile a Hong Kong, dove Google.com è stato il sito web più visitato della città il mese scorso, seguito dal sito gemello YouTube, secondo la società di analisi web SimilarWeb. Purtroppo però la longa manus della Cina su Hong Kong si fa sentire inesorabilmente visto che Google e altre società tecnologiche multinazionali stanno avendo sempre più difficoltà a gestire le tensioni geopolitiche e la stretta di Pechino sulla città che stanno peggiorando anche le relazioni USA-Cina. Ora, sebbene la maggior parte della suite di prodotti di Google rimanga facilmente accessibile in città, Google non ha reso disponibile il suo nuovo chatbot di intelligenza artificiale Bard ai residenti di Hong Kong. I visitatori locali del sito sono attualmente accolti con il messaggio: “Bard non è attualmente supportato nel tuo paese. Rimani sintonizzato!” Google non ha rivelato piani specifici per il mercato per il suo rivale ChatGPT, oltre a dire che mira a espandere Bard in più paesi e territori. Il mese scorso ha affermato che “Bard è agli inizi e, data la novità della tecnologia, l’obiettivo è di implementarlo in modo ponderato e responsabile”. Ora le relazioni tra il colosso americano e i funzionari di Hong Kong sono sempre più fitte. La diplomazia al momento è un must. Occorre solo attendere i prossimi passo di  Google per uscire da questa impasse. Kathy Lee, amministratore delegato di Google Cloud per la Grande Cina, ieri ha dichiarato giovedì al South China Morning Post che il team per le relazioni con il governo dell’azienda sta lavorando a stretto contatto con le autorità di Hong Kong e che la sua unità di cloud computing è impegnata a servire la città.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY