[gtranslate] CAIRO SU MEDIASET: "MAI PENSATO A UNA SCALATA DOPO LA SCOMPARSA DI BERLUSCONI" - WHAT-U

Urbano Cairo, presidente e amministratore delegato di Rcs MediaGroup, durante la presentazione del nuovo palinsesto di La7 per la stagione 2023/2024, rispondendo a chi chiedeva se avesse preso in considerazione una scalata di Mediaset, ha risposto senza esitazione: “In un momento in cui Silvio Berlusconi è mancato, l’ultima cosa a cui avrei pensato è una cosa del genere. Anche da un punto di vista umano non l’avrei neppure lontanamente pensato, non sta né in cielo né in terra”. E poi ha aggiunto: “E tra l’altro, volendo entrare in un dettaglio tecnico”, ha proseguito Cairo, “io ho scalato Rcs perché era scalabile in quanto sul mercato c’era una quota di capitale superiore al 50%, credo attorno al 60% abbondante ed era diventata contendibile. Mediaset non lo è, volendo entrare in uno specifico finanziario. Ma sottolineo di non avere mai pensato una cosa del genere, mai nella vita e poi nel mentre è mancata una persona a cui ero legato”, ha sottolineato il manager. “Per quanto riguarda Mediaset, mi ha stupito che a un certo punto, così out of the blue, su Dagospia sia uscita la notizia in cui si ipotizzava una cordata italiana in cui io andrei a prendere consigli dal grande banchiere d’affari Walter Veltroni. Mi sembra come minimo una cosa abbastanza traballante. Ho stima nei suoi confronti ed è un nostro editorialista, ma credo che tutto possa fare tranne che l’organizzatore o il concepitore di un progetto relativo a una cordata italiana che va a prendersi Mediaset, una cosa, lo ripeto, che non stava né in cielo né in terra”, ha concluso Cairo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY