[gtranslate] TRUMP VINCE ALLE PRIMARIE IN IOWA. PRIMO STEP VERSO LA CASA BIANCA - WHAT-U

Dopo avere vinto i caucus in Iowa, Donald Trump candidato repubblicano alle presidenziali ha tenuto un discorso davanti ai suoi sostenitori, nel corso del quale ha promesso che, se riuscirà a tornare alla Casa Bianca, risolverà molti problemi. A partire dalla guerra in Ucraina e il conflitto tra Israele e Hamas. “La Russia non avrebbe mai attaccato”,  – ha detto il tycoon che ha vinto le elezioni del 2020 “e Israele non sarebbe mai stata attaccata se io fossi stato al potere. La situazione in Ucraina è orribile, tanto quanto quella in Israele. Risolveremo tutto molto in fretta”. Trump poi ha parlato anche dei migranti clandestini che passano dalla frontiera che divide gli Stati Uniti e il Messico. Una retorica sui migranti che non è una novità, ma interessa molti americani. E per questo motivo ha promesso  di inasprire le leggi sull’immigrazione in caso di vittoria. Un altro obiettivo cui è molto interessato riguarda anche le trivellazioni finalizzate all’’estrazione del petrolio. Su Biden invece ha espresso il solito disprezzo senza freni: “Non voglio essere troppo duro con il presidente in carica, ma devo dire che è il peggiore presidente che abbiamo avuto nella storia del nostro Paese. Sta distruggendo il nostro Paese”.

Insomma Trump come al solito non risparmia niente e nessuno.  Ed è proprio per questa sua forza e determinazione che è molto amato o molto odiato.  

L’appuntamento al caucus dell’Iowa, seppure abbia registrato la più bassa affluenza alle urne in un quarto di secolo, ha visto numerose persone affrontare strade ghiacciate, sopportando un freddo glaciale, pur di dare la propria preferenza regalando a Trump la vittoria e facendogli superare il 50% dei voti.  De Santis è ufficialmente arrivato secondo con  21 punti e la Haley, ex ambasciatrice all’Onu, si è fermata attorno al 19%. Ma nonostante la sconfitta ha attaccato sia Trump sia Biden, asserendo che incarnano “più o meno la stessa cosa”: sono entrambi troppo in là con gli anni, “consumati dal passato, dalle indagini, dalle vendette, dalle lamentele”.  Mentre sul governatore della Florida De Santis ha aggiunto: “La vera gara si vedrà in New Hampshire e in South Carolina”, ha sottolineato Haley, riferendosi ai prossimi due appuntamenti delle primarie repubblicane. Le elezioni presidenziali negli Stati Uniti sono previste il prossimo novembre, ma che la corsa alla Casa Bianca  sia partita con le primarie repubblicane, ossia con l’attesissima corsa interna del Grand Old Party (Gop), è fuor di dubbio.

Differenza tra caucus e primarie

Dagli anni Settanta, i caucus dell’Iowa aprono ufficialmente la grande la corsa alle elezioni per la presidenza degli Stati Uniti. Quest’anno, per la prima volta in vent’anni, questo importante appuntamento segnato nel calendario per il 15 gennaio, è coinciso con l’anniversario della nascita del reverendo afroamericano, simbolo della lotta per i diritti civili dei neri. Anche se spesso i termini caucus e primarie vengono assimilati, i due eventi non sono la stessa cosa. Vediamo allora in cosa consistono.

La primarie funzionano come normali elezioni: sono gestite dallo Stato che le organizza, si può votare in anticipo, per posta o di persona nei seggi.

I caucus – termine di origine indiana, riferito alle riunioni dei capi tribù di Algonquin – sono invece gestiti dai partiti, richiedono agli elettori di presentarsi a un orario specifico (quest’anno alle 19 ore locali) e in un posto specifico (presso scuole, ginnasi, palestre e chiese), che dipende dal distretto elettorale di appartenenza. Sono come delle grandi assemblee, in cui ogni partecipante discute pubblicamente le proprie preferenze, tentando, ciascuno per la propria parte, di attrarre gli altri verso il favorito che esprime. Dopo questi dibattiti, si selezionano i delegati da inviare alle riunioni dello Stato di appartenenza, durante le quali vengono scelti i delegati per le rispettive convention.

A differenza degli anni scorsi, questa volta i caucus dell’Iowa presentano una novità: i democratici li terranno via posta e i risultati non saranno noti fino a marzo. I liberal hanno deciso il cambio dopo il caos del 2020, quando non emerse un chiaro vincitore, ma soprattutto su spinta di Joe Biden. Il presidente in carica ha infatti voluto dare la priorità a Stati più eterogenei dal punto di vista socioculturale ed etnico rispetto all’Iowa e al New Hampshire, dove la popolazione è per la maggior parte bianca. Così i primi due Stati protagonisti della corsa dei democratici saranno la South Carolina, il 3 febbraio (con una grande popolazione afroamericana), e il Nevada, il 6 febbraio.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY