[gtranslate] JOE BIDEN BLOCCA L'ESPORTAZIONE DI GAS NEGLI USA, PER CONQUISTARE I GIOVANI ELETTORI PRO GREEN - WHAT-U

Il presidente Joe Biden
REUTERS/ph. Joshua Roberts

Joe Biden è al centro di un’altra polemica per la sua decisione di bloccare l’esportazione di gas naturale negli Stati Uniti, seppure le spedizioni di gas verso l’Europa e l’Asia nel frattempo siano aumentate enormemente dopo l’invasione russa dell’Ucraina. Il motivo? Nasce dal suo intento, di volere aiutare gli ambientalisti a ridurre l’inquinamento climatico bloccando le esportazioni nel suo Paese di gas naturale liquefatto, che si ottiene sottoponendo il gas naturale, dopo opportuni trattamenti di depurazione e disidratazione, a successive fasi di raffreddamento e condensazione e non va confuso con GTL, sigla di Gas To Liquid che invece definisce i processi volti a ottenere idrocarburi liquidi da GN. In linea anche con l’impegno che ha preso nelle recenti riunioni sul clima, nel corso delle quali si è parlato di riscaldamento del pianeta, e lui  si è impegnato a ridurre l’inquinamento climatico della metà entro il 2030 .

“Mentre i repubblicani del MAGA negano volontariamente l’urgenza della crisi climatica, condannando il popolo americano a un futuro pericoloso, la mia amministrazione non sarà compiacente”, ha affermato Biden in una nota. “Non cederemo a interessi particolari. Daremo ascolto agli appelli dei giovani e delle comunità in prima linea che stanno usando la loro voce per chiedere azione a coloro che hanno il potere di agire.” Le attuali analisi economiche e ambientali utilizzate dal Dipartimento dell’Energia per valutare i progetti GNL non tengono adeguatamente conto dei potenziali aumenti dei costi per i consumatori e i produttori americani o dell’impatto delle emissioni di gas serra, ha affermato la Casa Bianca. “Questa decisione è coraggiosa, perché Donald Trump (l’uomo che ci ha fatto uscire dagli accordi sul clima di Parigi con la motivazione che il cambiamento climatico è una bufala) lo attaccherà senza pietà”, ha scritto in un post online l’attivista ambientale Bill McKibben. “Ma è anche molto, molto intelligente: Biden vuole i giovani, che hanno a cuore soprattutto il clima, dalla sua parte”, ha aggiunto McKibben.

Il ministro dell’Energia Jennifer Granholm ha affermato che la pausa non influirà sulle esportazioni già autorizzate.”Né avrà alcun impatto sulla nostra capacità di rifornire i nostri alleati in Europa, Asia o altri destinatari di esportazioni già autorizzate”, ha aggiunto. 

Le esportazioni statunitensi di gas naturale liquefatto sono iniziate meno di dieci anni fa, ma sono cresciute rapidamente negli ultimi anni al punto che gli Stati Uniti sono diventati il ​​più grande esportatore di gas al mondo . E dopo l’inizio del conflitto in Ucraina, Biden e Granholm hanno celebrato la fornitura di gas statunitense all’Europa e all’Asia come un’arma geopolitica chiave contro il presidente russo Vladimir Putin.

L’American Petroleum Institute, il più grande gruppo di lobbying per l’industria del petrolio e del gas, ha condannato l’azione di Biden. “Questa è una vittoria per la Russia e una perdita per gli alleati americani, l’occupazione statunitense e il progresso climatico globale”, ha affermato Mike Sommers, presidente e amministratore delegato dell’API.

“Non è necessaria alcuna revisione per comprendere gli evidenti vantaggi del GNL statunitense (esportazioni) per la stabilizzazione dei mercati energetici globali, il sostegno di migliaia di posti di lavoro americani e la riduzione delle emissioni in tutto il mondo attraverso la transizione dei paesi verso combustibili più puliti” e allontanandosi dal carbone, ha affermato Sommers in una dichiarazione giovedì sera. Jeremy Symons, consulente ambientale ed ex consigliere per le politiche climatiche presso l’Environmental Protection Agency, ha definito la decisione di Biden un “punto di svolta” nella lotta contro il cambiamento climatico.”Il presidente sta tracciando una linea nella sabbia per mettere gli interessi della nazione al primo posto e ascoltare la scienza del clima”, ha detto Symons in un’intervista. “I giorni in cui i massicci progetti sui combustibili fossili come il progetto CP2 sfuggivano al controllo del governo federale sono finiti. Ora abbiamo un presidente che si preoccupa del cambiamento climatico”.

Shaylyn Hynes, portavoce del proprietario del progetto, Venture Global con sede in Virginia, invece ha accusato Biden di creare incertezze riguardo il fatto che si possa fare affidamento sul GNL statunitense per la propria sicurezza energetica. Inoltre” ha proseguito, “una pausa prolungata sulle esportazioni di GNL scioccherebbe il mercato globale dell’energia… e invierebbe un segnale devastante ai nostri alleati che di conseguenza non potrebbero più fare affidamento sugli Stati Uniti”, ha affermato Hynes, che è stata portavoce del Dipartimento dell’Energia durante la presidenza Trump. amministrazione. “La vera ironia è che questa politica danneggerebbe il clima e porterebbe ad un aumento delle emissioni (di gas serra), poiché costringerebbe il mondo a orientarsi verso il carbone anziché il gas naturale”, ha concluso.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY