[gtranslate] USA, CORTE SUPREMA PRONTA A RESPINGERE I TENTATIVI DI ESPLELLERE TRUMP DALLE ELEZIONI 2024 - WHAT-U

Ph. Evan Vucci/AP/REX/Shutterstock

La Corte Suprema sembra pronta a respingere i tentativi di espellere l’ex presidente Donald Trump dalle elezioni del 2024 con una sentenza definitiva, che  per lui sarebbe salvifica, perché in  qualità di principale candidato repubblicano alla presidenza, gli permetterebbe di proseguire la competizione senza rivali temibili. Ma soprattutto metterebbe fine agli sforzi nel Maine in Colorado e altrove di impedire che il nome di Trump  appaia nelle schede elettorali. I giudici potrebbero agire rapidamente, entro il Super Tuesday del 5 marzo, quando Colorado, Maine e altri 13 stati terranno le primarie. Sia i giudici conservatori sia quelli liberali si sono chiesti durante le discussioni di giovedì se Trump potesse essere nuovamente fuori gioco dalla corsa alla presidenza per  l’attacco del 6 gennaio 2021 al Campidoglio degli Stati Uniti. La loro principale preoccupazione? Il timore che gli stati possano invocare una disposizione costituzionale adottata dopo la guerra civile per impedire agli ex funzionari che “si sono impegnati in insurrezioni” di ricoprire una nuova carica. Nella prima sentenza la Corte Suprema del Colorado aveva deciso che la disposizione, sezione 3 del 14° emendamento, potesse essere applicata a Trump, che secondo la corte aveva incitato all’attacco al Campidoglio. Ma ora i giudici della Corte Suprema poiché preferiscono evitare i casi in cui devono calarsi nei panni dell’arbitro finale di una controversia politica sembravano orientati a cercare una sentenza consensuale. Otto dei nove giudici hanno affermato di essere aperti ad almeno alcune delle argomentazioni avanzate da Jonathan Mitchell, l’avvocato di Trump presso la Corte Suprema. Trump potrebbe vincere la causa se la corte ritenesse convincente anche solo uno di questi argomenti.Trump potrebbe tornare davanti alla Corte Suprema nel giro di pochi giorni per chiedere un ordine di emergenza per sospendere il processo di sovversione elettorale in modo da potersi appellare alle sentenze dei tribunali di grado inferiore secondo cui non è immune da accuse penali. La questione è stata discussa brevemente giovedì scorso, quando il giudice Brett Kavanaugh ha affermato che un approccio giuridicamente più valido per squalificare qualcuno dall’incarico si trova in uno statuto penale federale contro l’insurrezione. Ma gli avvocati di Trump sostengono che l’emendamento non può essere utilizzato per tenere Trump fuori dal ballottaggio per diversi motivi. Per prima cosa, sostengono che la rivolta del 6 gennaio non sia stata un’insurrezione e, anche se lo fosse stata, Trump non è andato in Campidoglio né si è unito ai rivoltosi. La formulazione dell’emendamento esclude anche la presidenza e i candidati candidati alla presidenza (Sezione 3). Sotomayor a un certo punto ha gentilmente deriso parte dell’argomentazione di Mitchell sul perché Trump non è coperto dalla Sezione 3. “Una regola un po’ manipolata, non è vero, progettata per avvantaggiare solo il tuo cliente?” Gli avvocati degli elettori repubblicani e indipendenti che hanno fatto causa per rimuovere il nome di Trump dalle schede elettorali del Colorado hanno dichiarato che ci sono ampie prove che gli eventi del 6 gennaio costituissero un’insurrezione e che Trump l’abbia incitata. Dicono che sarebbe assurdo applicare la Sezione 3 a tutto tranne che alla presidenza o che Trump ne sia in qualche modo esentato. E la disposizione non necessita di una legislazione abilitante a loro avviso. Ma Murray deve affrontare interrogatori difficili e prolungati da parte dell’alta corte, compresi quelli del giudice Neil Gorsuch e Kagan, due giudici per i quali Murray una volta lavorava come impiegato. Se la corte alla fine confermasse la decisione del Colorado, Trump verrebbe considerato automaticamente parte attiva  nell’insurrezione e gli è impeditoin base alal 14° emendamento non potrebbe più ricoprire  una nuova carica. Quindi questa decisione consentirebbe agli stati di tenerlo fuori dal ballottaggio e di mettere in pericolo la sua campagna elettorale. I giudici potrebbero optare per un risultato meno conclusivo, ma con la consapevolezza che la questione potrebbe ritornare di loro competenza, magari dopo le elezioni generali di novembre e nel mezzo di una vera e propria crisi costituzionale. Trump sta facendo appello separatamente al tribunale statale contro la sentenza del segretario di stato democratico del Maine, Shenna Bellows, secondo cui non era idoneo a comparire nella votazione di quello stato peril suo ipotetico ruolo nell’attacco al Campidoglio . Sia la Corte Suprema del Colorado sia le sentenze del Segretario di Stato del Maine sono sospese finché non saranno esauriti gli appelli. Oltre alla questione dell’immunità, ad aprile la corte esaminerà anche il ricorso in appello di una delle oltre 1.200 persone accusate nella rivolta del Campidoglio . Il caso potrebbe ribaltare un’accusa che i pubblici ministeri hanno mosso contro più di 300 persone, compreso Trump. L’ultima volta che la Corte ha svolto un ruolo così centrale nella politica presidenziale è stata la sua decisione 5-4 che ha effettivamente posto fine alle contestate elezioni del 2000 in favore di George W. Bush.

Prossimi passi

Spesso la corte impiega alcuni mesi per formulare le proprie opinioni e di solito trasmette i casi più importanti alla fine del suo mandato, a giugno. Ma poiché la corte ha accelerato le prime fasi del caso elettorale di Trump, è probabile che vorrà muoversi rapidamente per decidere il caso, potenzialmente nel giro di poche settimane.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY