[gtranslate] WHOOPI GOLDBERG TORNA SUI GRANDI SCHERMI PER ORA SOLO NEGLI USA - WHAT-U

L’attrice afro-americana Whoopi Goldberg si è aggiudicata un ruolo in un film Outlaw Posse, secondo capitolo del western del 1993 in cui Mario Van Peebles si è calato nei panni di attore e regista, in un modo davvero inusuale. Per il West del 1908 che racconta di uomini di potere che approfittano di un mondo ingiusto in cui la corruzione e l’avidità sono profonde, ha raccontato il regista, la scelta dell’attrice per l’interpretazione di Mary Fields, conosciuta anche come Stagecoach Mary e Black Mary, una postina americana che fu la prima donna di colore ad essere impiegata come postina di Star Route negli Stati Uniti, è avvenuta per puro caso. Stavamo girando alcune scene davanti a casa sua quando lei è uscita di casa per lamentarsi dell’eccessivo rumore. E da cosa è nata cosa. “Non ho scelto Whoopi. Whoopi si è scelta”, ha detto Van Peebles a Page Six che ha pubblicato la notizia per primo.

Poi Mario parlando del lungometraggio ha rivelato altri aneddoti. “Quando Whoopi ha capito che io ero il regista e mi ha detto che avrebbe voluto recitare in un western, le ho chiesto: “Sai chi è Stagecoach Mary?”. E lei mi ha risposto di sì, d’istinto avevo già scelto  lei”. E quando le ho proposto di fare parte del cast, lei ha replicato secca: “Ok ma non lo faccio gratis”. Giovedì scorso si è tenuta una proiezione privata del film al Regal Union Square Theatre, alla presenza di Whoopi Goldberg, French Montana e Joey Bada$$. Neal McDonough, Edward James Olmos, Cedric The Entertainer, Cam Gigandet, DC Young Fly e John Carroll Lynch sono tutti i protagonisti del film.  Outlaw Posse  è ora nei cinema americani.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY