[gtranslate] CLASSIFICA DELLE DONNE PIÙ RICCHE DEL MONDO: ITALIA AL QUARTO POSTO - WHAT-U

woman in maroon long sleeved top holding smartphone with shopping bags at daytime
Photo by Andrea Piacquadio on Pexels.com

La classifica delle donne più ricche del mondo, scrive Teleborsa, vede ancora in testa una francese, Francoise Bettencourt Meyer, imprenditrice e filantropa che vanta un patrimonio di 90,2 miliardi di dollari. Al secondo posto Alice Walton, ereditiera della grande catena americana WalMart, seguita da Julia Koch e Jacqueline Mars. quanto emerge dalle consuete classifiche redatte da Forbes e pubblicati in occasione dell'(International Women Day (Festa dlela donna) che si celebra l’8 marzo.

Guardando invece al numero di donne ricche per ciascun Paese, gli Stati Uniti sono al primo posto con ben 97 donne miliardarie, seguiti dalla Cina che ne conta 42 e dalla Germania che ne annovera 22. L’Italia però è quarta e seconda in Europa con ben 19 donne miliardarie.

La prima in classifica nel Bel Paese è Massimiliana Landini Aleotti, che assieme ai figli, Lucia e Alberto Giovanni, ha ereditato l’azienda farmaceutica di famiglia, il Gruppo Menarini. Secondo Forbes il suo patrimonio ammonta a 7,3 miliardi, anche se la Famiglia Aleotti ha precisato con una nota che “il patrimonio ad essa attribuito è una valutazione effettuata da Forbes del valore puramente teorico del Gruppo Menarini”.

Al secondo posto a guru della moda Miuccia Prada, che vanta un patrimonio di 5,8 miliardi, seguita da Marina Caprotti, unica ereditiera nata dalle seconde nozze del fondatore di Esselunga e da Marina Berlusconi, figlia del Cavaliere e Presidente di Fininvest e del gruppo Arnoldo Mondadori Editore.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY