[gtranslate] TRUMP, VINCE CONTRO IL COLORADO E VIENE AMMESSO ALLE PRIMARIE REPUBBLICANE PER LA CORSA ALLA PRESIDENZA - WHAT-U

aggiornato alle 10.20 di oggi 5 marzo 2024

Ieri lunedì 4 marzo la Corte Suprema ha annullato la decisione del 19 dicembre della corte suprema del Colorado di rimuovere l’ex presidente dalle primarie repubblicane dello stato

per l’accusa di incitamento all’insurrezione nella rivolta del 6 gennaio al Campidoglio. La Corte Suprema ha concluso che, sebbene gli Stati possano “squalificare” le persone dalle cariche statali, non hanno “alcun potere ai sensi della Costituzione di far rispettare la Sezione 3 rispetto agli uffici federali, in particolare alla presidenza”. Una decisione è stata presa all’unanimità da ben 9 giudici che hanno affermato che sarebbe “incongruo” dare ai singoli stati il ​​potere di squalificare i candidati alla presidenza. Tre dei nove giudici democratici Sonia Sotomayor, Elena Kagan e Ketanji Brown Jackson hanno anche aggiunto che la sentenza del Colorado “creerebbe un caotico mosaico stato per stato, in contrasto con i principi del federalismo della nostra nazione”. Invece ora questa sentenza specifica per il Colorado, costituirà un precedente per altri stati, tra cui Illinois e Maine, che si erano mossi per escluderlo dalla corsa alle primarie.

La clausola sull’insurrezione stabilita nella sezione 3 del 14° emendamento della Costituzione degli Stati Uniti, una disposizione adottata dopo la Guerra Civile nel 1868 che aveva lo scopo di impedire agli ex funzionari che “si impegnarono nell’insurrezione” di riprendere il potere.

Il Partito repubblicano del Colorado aveva chiesto alla Corte Suprema di pronunciarsi prima delle primarie di martedì. E quando il verdetto è stato reso pubblico Trump ha scritto sul sito online Truth Social: “Grande vittoria per l’America!!!” Parlando più tardi dalla sua tenuta di Mar-a-Lago in Florida, il tycoon ha detto che la sentenza sarà ricordata per 200 anni e ha elogiato la Corte Suprema per “aver lavorato così velocemente, così diligentemente e così brillantemente”. E ha aggiunto: “Gli elettori possono eliminare una persona dalla corsa molto rapidamente, ma un tribunale non dovrebbe farlo e la Corte Suprema lo ha visto molto bene, e credo davvero che sarà un fattore unificante. Il Super Tuesday è quello più importante e… potremmo ripulirlo”.

Jena Griswold, segretaria di Stato del Colorado, ha espresso disappunto per la sentenza che “priva gli stati dell’autorità” per far rispettare la clausola interdittiva, scrivendo sui social media: “Il Colorado dovrebbe essere in grado di escludere dal nostro voto le insurrezioni che infrangono il giuramento”.

La decisione di lunedì era ampiamente attesa dopo che sia i giudici repubblicani che quelli democratici avevano espresso preoccupazione per il fatto che i singoli stati avessero il potere di decidere le elezioni presidenziali durante la sessione del tribunale di due ore del mese scorso. La decisione della Corte Suprema è arrivata cinque giorni dopo aver accettato di decidere sulla richiesta di immunità di Trump per le accuse relative al tentativo di ribaltare la sua sconfitta elettorale del 2020. Esortando la corte a pronunciarsi nuovamente a suo favore, Trump ha detto lunedì: “Il presidente deve avere l’immunità altrimenti non sarà in grado di funzionare, sarà cerimoniale. “Un presidente dovrebbe essere libero, chiaro e francamente celebrato per aver fatto un buon lavoro, non incriminato quattro volte e non perseguito su base civile e non obbligato a pagare centinaia di milioni di dollari di multe per qualcosa che era assolutamente perfetto”.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY