[gtranslate] ECCO I PAESI DOVE SI È GIÀ VOTATO E DOVE SI VOTERÀ. QUALI I CAMBIAMENTI NEL MONDO POLITICO GLOBALE? - WHAT-U

Il 2024 è un anno cruciale per la politica globale, con le elezioni che colpiscono metà della popolazione mondiale. Questo riepilogo di dati estesi provenienti da Ipsos in tutto il mondo ti aiuterà a trovare gli indicatori chiave e a comprendere i potenziali cambiamenti nel panorama politico.

Elezioni generali del Regno Unito

L’ultimo Ipsos Political Monitor mostra che i laburisti sono in testa con il 44% delle intenzioni di voto nel Regno Unito , mentre i conservatori sono scesi al minimo storico del 19%. Ciò dà al Labour un vantaggio di 25 punti, un divario significativo nel panorama politico. Anche l’insoddisfazione del pubblico per l’operato del governo è elevata, con l’84% che esprime insoddisfazione. Sia il Primo Ministro Rishi Sunak che il leader laburista Keir Starmer hanno visto i loro rating scendere, secondo il nostro regolare sondaggio sulla soddisfazione dei leader del Regno Unito.

Elezioni presidenziali americane

Si prevede che le elezioni presidenziali del 2024 saranno una competizione serrata tra il presidente in carica Joe Biden e l’ex presidente Donald Trump. I sondaggi sull’indice di approvazione presidenziale degli Stati Uniti mostrano che il 56% degli intervistati non è soddisfatto delle prestazioni lavorative del presidente Bidens (aprile 2024). Il sentimento pubblico verso entrambi i candidati è contrastante. Nel gennaio 2024, la maggioranza degli americani ritiene che nessuno dei due dovrebbe candidarsi nuovamente alla presidenza nel 2024. Secondo i nostri ultimi sondaggi d’opinione statunitensi, le questioni chiave che potrebbero influenzare le decisioni degli elettori includono l’accesso all’aborto, la legalizzazione della cannabis ricreativa e gli aiuti militari a Israele.

Elezioni europee

Inizialmente condotta da Ipsos France per Euronews, una proiezione senza precedenti basata su sondaggi sulle intenzioni di voto in 18 paesi dell’UE, specificamente sulle elezioni europee, evidenzia un’ascesa della destra radicale. È probabile che il gruppo ID venga notevolmente rafforzato dopo le elezioni del prossimo giugno. Solo una coalizione tra conservatori, socialdemocratici e liberali potrebbe avere una maggioranza stabile.

Il populismo resta forte nel mondo

I cittadini di 28 paesi ritengono che il loro paese sia in declino e che la società del loro paese sia distrutta, secondo i risultati di un nuovo sondaggio Ipsos condotto alla fine del 2023. Il sentimento populista è alimentato dalla sensazione generale tra gli intervistati che il loro Paese sia in declino (58%) e che la società sia a pezzi (57%), anche nei paesi con una buona crescita del PIL. La maggioranza (62%) vede le élite come un gruppo strettamente connesso con opinioni simili su molte questioni importanti.

Cosa preoccupa il mondo?

Condotto mensilmente in 29 paesi su un campione di oltre 20.000 adulti per più di un decennio, il nostro sondaggio mensile What Worries the World mostra che l’inflazione è ormai la preoccupazione numero uno da due anni.

Indice di fiducia dei consumatori nei paesi in cui si tengono le elezioni

Ogni mese, Ipsos monitora l’atteggiamento dei consumatori in 29 mercati sullo stato attuale e futuro della loro economia locale. Ecco una ripartizione dettagliata della fiducia dei consumatori nei paesi che terranno le elezioni nel 2024.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY