[gtranslate] TRUMP È STATO GIUDICATO COLPEVOLE. E ORA COSA SUCCEDE? - WHAT-U

photo of buildings during daytime
Photo by KEVIN MACH on Pexels.com

Colpevole. Così è stato giudicato l’ex presidente Donald Trump al termine del processo penale di Manhattan durato sei settimane che ha dimostrato, contrariamente a ciò che lui ha sempre sostenuto, che il pagamento alla pornostar Stormy Daniels prima delle elezioni del 2016 è avvenuto e poi è stato camuffato come una spesa per le elezioni del 2016. La giuria composta da 12 persone ha ritenuto l’ex presidente colpevole di tutti i 34 capi di imputazione di falsificazione di documenti aziendali, suscitando applausi e proteste da parte di persone in tutto il paese che si sono sintonizzate in diretta per assistere alla decisione. Il portavoce della campagna Biden-Harris, Michael Tyler, ha dichiarato in un comunicato stampa dopo l’annuncio della decisione che, nonostante il verdetto, “la minaccia che Trump rappresenta per la nostra democrazia non è mai stata così grande” e ha esortato il pubblico a votare per Biden nelle elezioni del novembre 2024. “Oggi a New York abbiamo visto che nessuno è al di sopra della legge”, ha detto Tyler. “Donald Trump ha sempre erroneamente creduto che non avrebbe mai dovuto affrontare conseguenze per aver infranto la legge per il proprio tornaconto personale. Ma il verdetto di oggi non cambia il fatto che il popolo americano si trova di fronte ad una realtà semplice. C’è ancora un solo modo per tenere Donald Trump fuori dallo Studio Ovale: alle urne. Criminale condannato o no, Trump sarà il candidato repubblicano alla presidenza”.

Un portavoce dell’ufficio legale della Casa Bianca ha semplicemente detto: “Rispettiamo lo stato di diritto e non abbiamo ulteriori commenti”.

Trump, che ha già definito il processo una truffa e ha promesso di ricorrere in appello contro la decisione, ha espresso la sua indignazione sull’app di social media Truth Social   affermando che i suoi “diritti civili sono stati totalmente violati” a causa di una “caccia alle streghe altamente politica, incostituzionale e che interferisce con le elezioni. È stata una vergogna: un processo truccato da un giudice contrastato e corrotto”, ha scritto sulla piattaforma dei social media. “Lotteremo per la nostra costituzione: questa situazione è lungi dall’essere finita!”

Cosa succede se Trump viene condannato?

Il presidente della Camera, Mike Johnson, ha dichiarato su X che giovedì è stato “un giorno vergognoso nella storia americana”. “I democratici hanno esultato quando hanno condannato il leader del partito avversario con accuse ridicole, basate sulla testimonianza di un criminale radiato dall’albo e condannato. Si è trattato di un esercizio puramente politico, non legale”, ha affermato Johnson. “L’arma del nostro sistema giudiziario è stata un segno distintivo dell’amministrazione Biden, e la decisione di oggi è un’ulteriore prova che i democratici non si fermeranno davanti a nulla pur di mettere a tacere il dissenso e schiacciare i loro oppositori politici”.

“Il popolo americano vede questo come un atto legale e sa che è sbagliato e pericoloso”, ha continuato. “Il presidente Trump farà giustamente appello contro questo verdetto assurdo e VINCERÀ!”

I politici repubblicani e gli alleati di Trump hanno subito condannato il verdetto, definendolo “un affronto alla giustizia” e “una parodia della giustizia”.

Anche il miliardario Elon Musk ha criticato la condanna di Trump in un post su X , la piattaforma di social media di sua proprietà, dicendo: “Se un ex presidente può essere condannato penalmente per una questione così banale – motivata dalla politica, piuttosto che dalla giustizia – allora chiunque è a posto e a rischio di un destino simile”. Dopo il verdetto i sostenitori di Trump si sono accalcati fuori dal tribunale di Manhattan e hanno urlato le loro obiezioni. “Non c’è giustizia in questo paese!” gridò uno. “Non sono colpevole, cazzo!” ha gridato un altro. Nel frattempo, anche i manifestanti anti-Trump si sono radunati fuori dal tribunale per contare le accuse per le quali Trump è stato dichiarato colpevole. Molti avevano cartelli che dicevano: “Non al di sopra della legge” e “Le bugie hanno delle conseguenze”. Al di fuori dell’arena politica, il comico a tarda notte Jimmy Fallon ha reagito al verdetto con un video musicale parodia che ritrae Trump che canta: “Ho combattuto la legge e la legge ha vinto”.

L’udienza per la sentenza di Trump è fissata per l’11 luglio, appena quattro giorni prima dell’inizio previsto della Convention nazionale repubblicana a Milwaukee.

Ma nel frattempo cosa succede?

Dopo essere stato condannato per 34 reati, Trump non può possedere armi, ricoprire cariche pubbliche e nemmeno votare in molti stati. Ma in un’America profondamente divisa, non è chiaro se lo status di Trump come persona condannata per un crimine avrà qualche impatto sulle elezioni del 2024. Trump rimane in una posizione competitiva contro il presidente Joe Biden questo autunno, anche se l’ex presidente repubblicano ora affronta la prospettiva di una pena detentiva in vista delle elezioni di novembre. Stando fuori dall’aula, Trump ha descritto il verdetto come il risultato di un “processo truccato e vergognoso”. “Il vero verdetto sarà emesso dal popolo il 5 novembre”, ha detto, riferendosi al giorno delle elezioni. “Questa cosa è ancora lontana.”

Un recente sondaggio di ABC News/Ipsos ha rilevato che solo il 4% dei sostenitori di Trump ha affermato che ritirerebbe il proprio sostegno se fosse condannato per un reato, anche se un ulteriore 16% ha affermato che lo riconsidererebbe. Alla vigilia del verdetto, la campagna di Trump ha diffuso una nota del suo gruppo elettorale in cui si suggerisce che l’impatto del processo è “già inserito nella corsa negli stati target”. I consulenti della campagna di Trump hanno sostenuto che il caso li avrebbe aiutati a motivare i loro principali sostenitori. WinRed, la piattaforma utilizzata dalla campagna per la raccolta fondi, ha ricevuto milioni di donazioni. Ieri sera Trump si è recato a un evento di raccolta fondi programmato prima del verdetto, secondo una persona che conosce i suoi piani e che non era autorizzata a parlare pubblicamente. I suoi due consiglieri più anziani per la campagna, Susie Wiles e Chris LaCivita, non erano con lui a New York, ma a Palm Beach, in Florida, dove ha sede la campagna.

I detrattori

Sarah Longwell, fondatrice di Republican Voters Against Trump, che conduce regolarmente focus group, ha suggerito che il verdetto di colpevolezza potrebbe aiutare Biden.

Cosa comportano le accuse?

Ciascuna delle accuse di falsificazione di documenti aziendali comporta fino a quattro anni dietro le sbarre, anche se i pubblici ministeri non hanno detto se intendono chiedere la reclusione. Né è chiaro se il giudice – che all’inizio del processo aveva messo in guardia dal carcere per le violazioni dell’ordine di silenzio – imporrebbe quella punizione anche se richiesta. Trump potrà votare in Florida , dove ha stabilito la residenza nel 2019, se non sarà in prigione il giorno delle elezioni. E la detenzione non impedirebbe a Trump di continuare la sua corsa alla Casa Bianca. La nuora di Trump, Lara Trump, che era con l’ex presidente in tribunale questa settimana e ricopre anche il ruolo di co-presidente del Comitato nazionale repubblicano, ha dichiarato in un’intervista a Fox News Channel prima del verdetto che Trump cercherà ancora di fare campagna per la presidenza in caso di condanna. “Se Trump riceverà una condanna all’isolamento domiciliare”, ha detto “lo faremo partecipare a manifestazioni virtuali ed eventi elettorali, se così sarà. E dovremo giocare la mano che ci verrà assegnata”. Per ora non sono previste manifestazioni elettorali in calendario, anche se Trump dovrebbe organizzare raccolte fondi la prossima settimana.

Lo stesso Biden deve ancora intervenire

La reazione di Biden? Biden le corse ore stava trascorrendo la notte nella casa al mare della sua famiglia a Rehoboth Beach, nel Delaware, dopo aver celebrato l’anniversario della morte di suo figlio Beau quella mattina in chiesa. Brian Schimming, presidente del comitato esecutivo del Partito repubblicano del Wisconsin, ha definito il caso contro Trump una “farsa” e un “imbarazzo nazionale”.

E la condanna di Trump ha avuto conseguenze inevitabilmente anche in Borsa. Le azioni di Trump Media & Technology Group, proprietario del sito di social networking Truth Social , sono crollate prima della campana di apertura venerdì dopo la notizia della condanna. In un documento depositato presso la Securities & Exchange Commission degli Stati Uniti prima di essere reso pubblico, Trump Media aveva avvertito gli investitori delle potenziali insidie ​​affrontate dall’ex presidente e dell’effetto negativo che ciò potrebbe avere sul titolo. “Il presidente Donald J. Trump è oggetto di numerosi procedimenti legali, la cui portata e portata non hanno precedenti per un ex presidente degli Stati Uniti e attuale candidato a quella carica. Un esito negativo in uno o più procedimenti legali in corso in cui è coinvolto il presidente Donald J. Trump potrebbe avere un impatto negativo su TMTG e sulla sua piattaforma Truth Social”.

All’inizio di questo mese, Trump Media ha riferito di aver perso più di 300 milioni di dollari nell’ultimo trimestre , secondo il suo primo rapporto sugli utili come società quotata in borsa .



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY