[gtranslate] IL 25% DELLE IMPRESE NELL'UE USA ROBOT - WHAT-U

fonte: xieyuliang_shutterstock_587205803

Nel 2018, il 7% delle imprese dell’UE che impiegavano almeno 10 persone utilizzava robot industriali o di servizio.

Le grandi imprese utilizzano i robot molto di più (il 25% delle imprese che impiegano 250 o più persone) rispetto alle medie imprese (il 12% delle imprese impiegano da 50 a 249 persone) o piccole imprese (il 5% delle imprese impiegano da 10 a 49 persone).

Le maggiori quote di imprese che utilizzano robot industriali o di servizio sono state registrate in Spagna (11%), Danimarca e Finlandia (entrambe al 10%) e in Italia (9%). Le quote più basse sono state rilevate a Cipro (1%), Estonia, Grecia, Lituania, Ungheria e Romania (tutte il 3%).

Le imprese utilizzano più comunemente robot industriali (5%) rispetto ai robot di servizio (2%). I robot industriali sono più frequentemente utilizzati nel settore manifatturiero (16%) e robot di servizio nella produzione e nel commercio al dettaglio (entrambi al 4%).

Le aziende utilizzano i robot di servizio principalmente per i sistemi di gestione del magazzino (il 44% delle imprese che utilizzavano robot di servizio), seguite dal trasporto di persone o merci (22%), dalle attività di pulizia o smaltimento dei rifiuti e dai lavori di assemblaggio (21% ciascuna).

I robot sono costituiti da diversi componenti, come una struttura meccanica, sensori, un computer e un’unità di controllo. Secondo l’applicazione prevista, possono essere classificati in robot industriali e di servizio. Mentre i robot industriali sono utilizzati principalmente nell’automazione industriale e svolgono i loro compiti in ambienti chiaramente strutturati con protezioni esterne, i robot di servizio hanno un certo livello di autonomia e la capacità di operare in ambienti complessi che possono richiedere l’interazione con persone, oggetti o altri dispositivi.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY