• 4
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Photograph: Federico Parra/AFP/Getty Images

di Felipe Fernández

America vs (contro) il presidente in carica Nicolás Maduro oggetto delle proteste di massa guidate dal leader dell’opposizione
Juan Guaidó, capo dell’Assemblea nazionale che parla di Golpe. In discussione la rielezione di Maduro, per Guaidó, leader dell’Assemblea nazionale illegittima. Perché nel momento in cui la presidenza diventa vacante un articolo della Costituzione del Venezuela dice che il potere passa al leader dell’Assemblea nazionale, il corpo legislativo della nazione. L’anno scorso l’assemblea ha dichiarato illegittima la rielezione di Maduro e ha chiesto nuove elezioni. E visto che Maduro non ha proprio intenzione di mollare sono arrivati gli americani a metterci lo zampino.
Il vicepresidente degli Stati Uniti Mike Pence martedì scorso ha dichiarato “l’incrollabile appoggio degli Stati Uniti” per le proteste di massa in Venezuela contro il presidente Maduro, definito “un dittatore senza alcun diritto al potere”, che “ha rotto tutte le regole del gioco”.

“Siamo con voi”, ha scritto Pence su Twitter martedì, in spagnolo e in inglese, aggiungendo: “Siamo con voi, e resteremo con voi fino a quando non verrà ripristinata la democrazia e rivendicate il diritto di nascita di Libertad”.

Il presidente venezuelano Nicolás Maduro ha parlato di una “vera e propria aggressione straniera” e ha annunciato di avere “ordinato al ministro degli Esteri, Jorge Arreaza, di avviare una revisione totale, assoluta, delle relazioni con il governo degli Stati Uniti”.

Durante una conferenza stampa nel palazzo presidenziale di Miraflores a Caracas, Maduro ha affermato di non avere “alcun dubbio” che sia stato il governo degli Stati Uniti a organizzare e ordinare lo scorso agosto, lo sciopero con droni carichi di esplosivo, continuando anche successivamente a complottare contro di lui.

Secondo Maduro il fine degli Stati Uniti sarebbe quello di installare una dittatura di destra in Venezuela e i media statunitensi continuerebbero un'”incessante” campagna mediatica contro il suo governo per giustificare un intervento militare straniero nel suo Paese.  

Il presidente venezuelano Nicolás Maduro ha annunciato di avere “ordinato al ministro degli Esteri (Jorge Arreaza) di avviare una revisione totale, assoluta, delle relazioni con il governo degli Stati Uniti”.
    In dichiarazioni ieri sera riferite al videomessaggio del vicepresidente americano Mike Pence riguardanti l'”incondizionato sostegno” all’opposizione venezuelana che scende in piazza oggi contro il capo dello Stato, da Pence definito “un dittatore senza alcun diritto al potere”, Maduro ha parlato di una “vera e propria aggressione straniera”.
    Il vicepresidente americano, ha ancora detto, “ha rotto tutte le regole del gioco”, perché quello che ha fatto il governo statunitense di dare ordine di eseguire un colpo di stato fascista, tipo 11 aprile 2002, che abbiamo denunciato, che affronteremo e sconfiggeremo, non ha paragoni nei 200 anni di storia delle relazioni fra Stati Uniti e Venezuela”.

Durante una conferenza stampa nel palazzo presidenziale di Miraflores a Caracas, Maduro ha detto di non avere “alcun dubbio” che il governo degli Stati Uniti aveva ordinato e autorizzato lo sciopero contro di lui lo scorso agosto con droni carichi di esplosivo e ha continuato a complottare contro di lui. Non ha offerto alcuna prova per sostenere le accuse.

Maduro ha affermato che gli Stati Uniti speravano di installare una dittatura di destra in Venezuela e hanno accusato i media statunitensi di intraprendere una “incessante” campagna mediatica contro il suo governo per giustificare un intervento militare straniero in Venezuela .

Il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, John Bolton, aveva ordito personalmente un piano “per riempire il Venezuela di violenze”, ha affermato Maduro, esortando Donald Trump ad abbandonare la presunta cospirazione ea voltare le spalle al “conflitto e allo scontro”.

Il tabloid inglese The Guardian lo scorso dicembre, ha scritto che Bolton ha descritto il Venezuela come parte di una “troika della tirannia” latinoamericana che aveva “finalmente raggiunto il suo incontro”.

E Trump non si è lasciato sfuggire l’occasione di dire più volte ai giornalisti che c’erano “molte opzioni” per risolvere la crisi venezuelana, inclusa quella militare. 

Maduro, sempre come riporta The Guardian, ha giurato di resistere a ciò che ha definito la “follia neofascista” dei suoi nemici stranieri e ha invitato la comunità internazionale a denunciare il presunto complotto contro di lui. “Il nostro messaggio al mondo è: è tempo di difendere il Venezuela!”, Ha detto. “Il Venezuela non sarà vittima di un’aggressione neofascista”.

“Non ci ritireremo, non saremo in ginocchio, non ci arrenderemo. Combatteremo e garantiremo la pace in Venezuela … qualunque sia il prezzo “, ha aggiunto Maduro.

“Non vogliamo violenza, o conflitti internazionali, o guerra o colpi di stato. No, no, no, no. La gente vuole progresso, prosperità e convivenza “.

Il presidente del Venezuela ha usato toni forti anche verso il presidente in arrivo del Brasile, Jair Bolsonaro, e il suo vicepresidente, Hamilton Mourão, che sosteneva essere ossessionato dall’idea di invadere il Venezuela.

Bolsonaro, in carica dal 1 ° gennaio, non ha fatto mistero del suo odio verso Maduro e l’anno scorso ha promesso di “fare tutto il possibile per vedere deposto il governo”, anche se in una recente intervista ha smorzato i toni dicendo che “Sono i venezuelani che devono risolvere i problemi dei venezuelani” .

Un Paese in ginocchio il Venezuela con una crisi iniziata in sordina già ai tempi del precedente presidente Hugo Rafael Chávez Frías

Chávez eletto presidente nel 1998, grazie alle sue promesse di aiuto per la maggioranza povera della popolazione venezuelana, dai suoi detrattori era considerato un populista autoritario, mentre i suoi sostenitori lo consideravano un rivoluzionario socialista e democratico impegnato per la giustizia sociale.  Nel 2012, a causa di una grave forma di tumore, che lo aveva colpito nel 2011,  lasciò le redini del Paese a Maduro che salì al potere nel 2013.

La crisi economica ha determinato un lungo periodo di iperinflazione in Venezuela che lo scorso agosto ha costretto il Governo venezuelano a introdurre una nuova valuta il Bolivar sovrano con cinque zeri in meno, agganciata all’andamento della criptovaluta Petro, lanciata nel febbraio 2018 e a sua volta ancorata all’andamento del petrolio.

Nel frattempo nelle città del Paese regna il caos. Il fondo monetario internazionale (FMI) aveva stimano che l’inflazione avrebbe potuto raggiungere il milione per cento e ad oggi ha toccato i 2 milioni per cento.

Tra gli effetti della crisi, anche la carenza sia di alimentari sia di medicinali, un fenomeno che ha generato anche una crisi umanitaria senza precedenti.

Colpita anche la sanità. Anche a causa della carenza di farmaci l’aspettativa di vita è diminuita e molte persone affette da malattie sono state costrette a ripiegare su alternative meno efficaci oppure, chi può, a migrare all’estero per curarsi.


  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Translate »
error: Content is protected !!