MACRON, VUOLE UN REFERENDUM ANTI-GILET GIALLI? - WHAT-U


presidente francese Emmanuel Macron

Lo scrive Ansa e lo annuncia oggi Le Journal du Dimanche citando “confidenze” di stretti collaboratori del presidente francese Emmanuel Macron: la nuova arma del capo dello Stato francese per voltare la pagina delle proteste e mettere fine alle proteste dei gilet gialli nel paese sarà un referendum. Più che un rumor visto che si parla anche di una data ben precisa, il 26 maggio, domenica anche delle elezioni europee. Quali i quesiti dovrebbe contenere? Dalla riduzione del numero dei parlamentari alle varie forme di democrazia diretta (referendum di iniziativa popolare, politiche pubbliche gestite dalla società civile, iscrizione nella Costituzione dell’obbligo di partecipazione dei cittadini). Al momento tutte soluzioni che sembrano ben lontane dalle motivazioni che hanno spinto tanti francesi, e non solo, a scendere in piazza. Insomma Macron sembra che viva in un’altra dimensione, che non senta il polso della gente.

A peggiorare, se possibile, la situazione l’uscita in scarpe da ginnastica Louis Vuitton di Brigitte Macron indossate dalla prèmiere dame alcuni giorni fa durante la visita ufficiale col marito in Egitto. Le immagini hanno fatto il giro del mondo e mentre il quotidiano Daily Mail lanciava una polemica interrogandosi sul buon gusto di Brigitte, puntando solo sul colore della scarpe, in Francia c’è chi ha puntato il dito sul costo fra i 580 e gli 800 euro. «È lo stipendio di una cassiera o di un pensionato costretto a stare la notte sulle rotatorie di Francia» si è letto su uno dei tanti blog. A nulla è valsa la difesa di madame Macron che tramite i suoi addetti stampa ha voluto fare presente che “quelle erano scarpe prestate e che si tratta di un sistema che è stato messo in piedi proprio affinché nulla sia a carico dello Stato e per mettere in luce i creatori di moda francesi”.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY