OSCAR: MIGLIORI ATTORI COLMAN IN “THE FAVORITE” E RAMI MALEK NEI PANNI DI FREDDY MERCURY

Feb 25, 2019 , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
  • 23
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

di Betty MacCarty

Da sinistra: Rami Malek, Olivia Colman, Regina Kink,
Rami Malek, Olivia Colman, Regina Kink, Spike Lee ph. Reuters

Così la notte degli Oscar ha incoronato i suoi vincitori. Olivia Colman ha vinto l’Oscar come migliore attrice per il suo ruolo in “The Favorite” (La favorita) di Yorgos Lanthimos e ha incantato gli spettatori con un discorso divertente e pieno di lacrime.

La star, che ha iniziato come assistente in sitcom televisive come Peep Show, è rimasta scioccata quando il suo nome è stato chiamato e trattenendo le lacrime sul palco, ha detto: «È davvero piuttosto stressante, è divertentissimo, ho un Oscar!».

Ancora una volta niente Oscar per Glenn Close, che a quasi 72 anni si è vista soffiare l’ambita statuetta per la settima volta questa volta dall’eclettica Olivia Colman.

Quattro premi per “Bohemian Rhapsody”, il film biografico sui Queen e Freddie Mercury, per Rami Malek, che ha ottenuto ottime critiche per aver interpretato il compianto cantante, l’oscar come migliore attore.

«Penso a come sarebbe stato dire al piccolo Bubba Rami che un giorno sarebbe potuto succedere a lui, e penso che la sua piccola mente dai capelli ricci sarebbe esplosa», ha detto Rami emozionatissimo sul palco. E poi riferendosi a Freddy Mercury, Malek ha aggiunto: «Quel ragazzo stava lottando con la sua identità, cercando di capire se stesso, e con chiunque faticasse e cercando di scoprire la loro voce. Abbiamo fatto un film su un uomo gay, un immigrato, che ha vissuto la sua vita senza scusarsi di se stesso. E il suo successo e la sua storia che sto celebrando stasera è la prova che desideriamo storie come questa».

“Green Book” ha vinto tre trofei in totale, inclusa la migliore fotografia, pronosticata per “Roma” che come Black Panther ne ha vinti tre.

Mahershala Ali premiato già in passato come come “miglior attore non protagonista” in Moonlight nel 2017, ora ha vinto di nuovo il premio come “attore non protagonista” nei panni del pianista jazz Don Shirley in “Green Book”. Il film, diretto da Peter Farrelly, racconta la storia di un buttafuori Tony Lip(Viggo Mortensen), un italo-americano con un’educazione piuttosto sommaria che nel 1962 venne assunto come autista da Don Shirley (Mahershala Ali), uno dei pianisti jazz più famosi al mondo. Lo scopo? Guidarlo da New York fino agli stati del Sud, in posti dove i diritti civili degli afroamericani sono ben lontani dall’essere legittimamente acquisiti. Dovendosi confrontare con il razzismo ma anche l’umanità delle persone che incontrano, Lip e Shirley imparano a conoscersi e a rispettarsi a vicenda.

Migliore attrice non protagonista per “If Beale Street Could Talk“, Regina King che emozionatissima ha detto: «Sono un esempio di ciò che succede quando il sostegno e l’amore vengono riversati in qualcuno – mamma, ti amo così tanto».

Dopo “She’s Gotta Have It” e “Do The Right Thing” finalmente è arrivato l’Oscar per Spike Lee, che non ha vinto questa volta come miglior regista, ma per la sceneggiatura di “BlackKklansman“, che racconta la vera storia di un ufficiale di polizia nero che si è infiltrato nel Ku Klux Klan.

A sorpresa Lee dopo i ringraziamenti ha dirottato il discorso sulle Elezioni Usa 2020 dicendo: «Le elezioni presidenziali del 2020 sono dietro l’angolo, mobilitiamoci tutti, siamo tutti sulla parte giusta della storia, facciamo la scelta morale tra l’amore e l’odio».

Ovviamente la risposta via Twitter del presidente Trump è arrivata puntuale il giorno dopo la cerimonia: «Sarebbe carino se Spike Lee sapesse leggere i suoi appunti, o meglio ancora se non dovesse usare gli appunti per niente, quando lancia il suo attacco razzista al vostro presidente, che ha fatto più per gli afroamericani (riforma della giustizia penale, dati su disoccupazione più bassi delle Storia, riduzioni fiscali, ecc) che quasi alcun altro presidente».

Paul Lambert e Tristan Myles hanno condiviso il premio per i migliori effetti visivi con due colleghi americani per aver creato gli effetti del razzo su First Man, sul primo sbarco sulla Luna.

John WarhurstNina Hartstone hanno vinto il miglior montaggio sonoro, mentre Paul Massey, Tim Cavagin e John Casali hanno condiviso il premio per il mixaggio del suono.

Premiata Lady Gaga per il brano “Shallow” del film  “A Star Is Born”  che ha reinterpretato in un appassionato duetto con la co-protagonista e regista Bradley Cooper.

Due premi per la “Roma”.  Ad Alfonso Cuaron come miglior regista e al fil come il migliore in lingua straniera.

Spider-Man: Into the Spider-Verse ha vinto il miglior film d’animazione.

I vincitori, che hanno vinto più premi

  • Bohemian Rhapsody – 4
  • Black Panther – 3
  • Libro verde – 3
  • Roma – 3

Migliore film GREEN BOOK

  • Black Panther
  • BlacKkKlansman
  • Bohemian Rhapsody
  • La Favorita
  • Green Book
  • Roma
  • A Star in Born

Migliore attrice protagonista OLIVIA COLMAN

  • Olivia Colman – The Favourite
  • Glenn Close – The Wife
  • Yalitza Aparicio – Roma
  • Lady Gaga – A Star Is Born
  • Melissa McCarthy – Can You Ever Forgive Me?

Miglior attore protagonista RAMI MALEK

  • Rami Malek – Bohemian Rhapsody
  • Christian Bale – Vice
  • Bradley Cooper – A Star Is Born
  • Willem Dafoe – At Eternity’s Gate
  • Viggo Mortensen – Green Book

Miglior attrice non protagonista REGINA KING

  • Regina King – If Beale Street Could Talk
  • Amy Adams – Vice
  • Marina de Tavira – Roma
  • Emma Stone – La Favorita
  • Rachel Weisz – La Favorita

Miglior attore non protagonista MAHERSHALA ALI

  • Mahershala Ali – Green Book
  • Adam Driver – BlacKkKlansman
  • Sam Elliott – A Star Is Born
  • Richard E Grant – Can You Ever Forgive Me?
  • Sam Rockwell – Vice

Miglior regista ALFONSO CUARÓN

  • Alfonso Cuarón – Roma
  • Yorgos Lanthimos – La Favorita
  • Spike Lee – BlacKkKlansman
  • Adam McKay – Vice
  • Pawel Pawlikowski – Cold War
Jim Burke, Charles B Wessler, Nick Vallelonga, Peter Farrelly e Brian Currie, vincitori del miglior film per Green Book
Da sinistra: Jim Burke, Charles B Wessler, Nick Vallelonga, Peter Farrelly e Brian Currie, vincitori del miglior film per Green Book

Migliore fotografia GREEN BOOK

  • Green Book
  • BlacKkKlansman
  • Black Panther
  • Bohemian Rhapsody
  • La Favorita
  • Roma
  • A Star Is Born
  • Vice

Migliore sceneggiatura originale GREEN BOOK

  • Green Book – Nick Vallelonga, Brian Currie e Peter Farrelly
  • La Favorita – Deborah Davis e Tony McNamara
  • First Reformed – Paul Schrader
  • Roma – Alfonso Cuarón
  • Vice – Adam McKay

Migliore sceneggiatura non originale BLACKKKLANSMAN

  • BlacKkKlansman – Charlie Wachtel, David Rabinowitz, Kevin Willmott e Spike Lee
  • The Ballad of Buster Scruggs – Joel Coen e Ethan Coen
  • Can You Ever Forgive Me? – Nicole Holofcener e Jeff Whitty
  • If Beale Street Could Talk – Barry Jenkins
  • A Star Is Born – Eric Roth, Bradley Cooper e Will Fetters

Migliore animazione SPIDER-MAN UN NUOVO UNIVERSO

  • Spider-Man: Into the Spider-Verse
  • Gli Incredibili 2
  • L’isola dei cani
  • Mirai
  • Ralph spacca Internet

Miglior film in lingua straniera ROMA (MEXICO)

  • Roma – Mexico
  • Cafarnao – Lebanon
  • Guera fredda – Poland
  • Opera senza autore – Germany
  • Un affare di famiglia – Japan

Migliore documentario FREE SOLO

  • Free Solo
  • Hale County This Morning, This Evening
  • Minding the Gap
  • Of Fathers and Sons
  • RBG

Migliore canzone originale SHALLOW, A STAR IS BORN

  • Shallow (A Star Is Born) – Lady Gaga, Mark Ronson, Anthony Rossomando e Andrew Wyatt
  • All The Stars (Black Panther) – Mark Spears, Kendrick Lamar, Duckworth e Anthony Tiffith and Solana Rowe
  • I’ll Fight (RGB) – Diane Warren
  • The Place Where Lost Things Go (Il ritorno di Mary Poppins) – Marc Shaiman e Scott Wittman
  • When A Cowboy Trades His Spurs for Wings (The Ballad of Buster Scruggs) – David Rawlings e Gillian Welch

Miglior colonna sonora BLACK PANTHER

  • Black Panther – Ludwig Goransson
  • BlacKkKlansman – Terence Blanchard
  • If Beale Street Could Talk – Nicholas Britell
  • Isle of Dogs – Alexandre Desplat
  • Il ritorno di Mary Poppins – Marc Shaiman, Scott Wittman

Migliore scenografia BLACK PANTHER

  • Black Panther – Hannah Beachle r and Jay Hart
  • La Favorita – Fiona Crombie e Alice Felton
  • First Man – Nathan Crowley e Kathy Lucas
  • Il ritorno di Mary Poppins – John Myhre e Gordon Sim
  • Roma – Eugenio Caballero e Barbara Enriquez

Miglior costumi BLACK PANTHER

  • Black Panther – Ruth Carter
  • La ballata of Buster Scruggs – Mary Zophres
  • La Favorita – Sandy Powell
  • Il ritorno di Mary Poppins – Sandy Powell
  • Maria regina di Scozia – Alexandra Byrne
Alfonso Cuaron con i tre premi della Roma
Alfonso Cuaron con i tre premi della Roma

Migliore cinematografia ROMA

  • Roma – Alfonso Cuaron
  • Cold War – Lukasz Zal
  • The Favourite – Robbie Ryan
  • Never Look Away – Caleb Deschanel
  • A Star Is Born – Matthew Libatique

Migliori effetti speciali FIRST MAN IL PRIMO UOMO

  • First Man – Paul Lambert, Ian Hunter, Tristan Myles e JD Schwalm
  • Avengers: Infinity War – Dan DeLeeuw, Kelly Port, Russell Earl e Dan Sudick
  • Ritorno al bosco dei 100 Acri – Christopher Robin – Christopher Lawrence, Michael Eames, Theo Jones e Chris Corbould
  • Ready Player One – Roger Guyett, Grady Cofer, Matthew E Butler and David Shirk
  • Solo: A Star Wars Story – Rob Bredow, Patrick Tubach, Neal Scanlan e Dominic Tuohy

Miglior trucco e acconciatura VICE

  • Vice – Greg Cannom, Kate Biscoe e Patricia DeHaney
  • Border – Goran Lundstrom e Pamela Goldammer
  • Maria regina di Scozia – Jenny Shircore, Marc Pilcher e Jessica Brooks

Miglior montaggio sonoro BOHEMIAN RHAPSODY

  • Bohemian Rhapsody – John Warhurst e Nina Hartstone
  • Black Panther – Benjamin A Burtt e Steve Boeddeker
  • First Man – Ai-Ling Lee and Mildred Iatrou Morgan
  • A Quiet Place – Ethan Van der Ryn e Erik Aadahl
  • Roma – Sergio Diaz e Skip Lievsay

Miglior sonoro BOHEMIAN RHAPSODY

  • Bohemian Rhapsody – Paul Massey, Tim Cavagin e John Casali
  • Black Panther – Steve Boeddeker, Brandon Proctor e Peter Devlin
  • First Man – Jon Taylor, Frank A Montano, Ai-Ling Lee e Mary H Ellis
  • Roma – Skip Lievsay, Craig Henighan e Jose Antonio Garcia
  • A Star Is Born – Tom Ozanich, Dean Zupancic, Jason Ruder e Steve Morrow

Miglior montaggio (film)
BOHEMIAN RHAPSODY

  • Bohemian Rhapsody – John Ottman
  • BlacKkKlansman – Barry Alexander Brown
  • La Favorita – Yorgos Mavropsaridis
  • Green Book – Patrick J Don Vito
  • Vice – Hank Corwin

Miglior cortometraggio animato BAO

  • Bao
  • Animal Behaviour
  • Late Afternoon
  • One Small Step
  • Weekends

Miglior cortometraggio (documentario) PERIOD.END OF SENTENCE

  • Period.End of Sentence
  • Black Sheep
  • End Game
  • Lifeboat
  • A Night at the Garden

Miglior live action SKIN

  • Skin
  • Detainment
  • Fauve
  • Marguerite
  • Mother

  • 23
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Translate »
error: Content is protected !!